AVRIL LAVIGNE
Head Above Water

[ BMG - 2019 ]
6
 
Genere: pop
 
4 Marzo 2019
 

E così è arrivata l’ora della maturità anche per Avril Lavigne. L’ex reginetta del pop punk interrompe un silenzio durato cinque anni abbondanti con “Head Above Water”, un ritorno sulle scene che lei stessa ha definito “una giostra di emozioni”. La sfortuna ci ha infatti messo lo zampino e ha trasformato il successore dello scialbo omonimo targato 2013 in una sofferta testimonianza della dura battaglia che la cantante canadese sta tuttora affrontando contro la borreliosi.

Nei momenti più difficili, la malattia era arrivata a debilitarla a tal punto da farle credere di essere vicina alla fine. Il desiderio di non lasciarsi sopraffare dalla disperazione e cercare una valvola di sfogo l’ha quindi spinta a sedersi al pianoforte, dove sono nate alcune tra le canzoni più introspettive e intime non solo del disco, ma di tutta la sua carriera.

Tra queste spuntano “Warrior” e la title track, due belle power ballad senza troppe sorprese ma assolutamente godibili. Strofe carezzevoli che non sfigurerebbero in una hit di Céline Dion aprono la strada a ritornelli epici in cui a farla da padrone è proprio lui, sua maestà il rullante ottantone. L’ effetto gated reverb sulla batteria sta finalmente tornando di moda nella musica pop che conta; una soddisfazione non da poco per colui che di quel suono enorme fu il padre, l’unico e inimitabile Phil Collins. Ascoltate i robusti fill su “I Fell In Love With The Devil”: li sentite anche voi i richiami a “In The Air Tonight”, vero? Bene, perché sono l’unica cosa memorabile della traccia.

Purtroppo in “Head Above Water” i riempitivi si sprecano: l’esercito di compositori e produttori chiamati a rimettere in carreggiata Avril Lavigne fallisce nell’impresa di confezionare un album in grado di mettere “la testa sopra l’acqua” dello sconfinato oceano mainstream. Aggiungeteci la decisione di chiudere definitivamente i conti con il passato leggermente più rock e spensierato di “Let Go”, “Under My Skin” e “The Best Damn Thing” e il danno è fatto.

Restano una manciata di ballatone ripetitive, semi-ballate sovraprodotte che riportano alla mente Carly Rae Jepsen (“Love Me Insane”) e i Bastille (“Souvenir”) e qualche raro momento di leggerezza sul quale aleggia un sentore di anacronismo che mi fa pensare di essere al cospetto di scarti provenienti da epoche molto, molto remote (spizzichi di Bangles e il riff di “Edge Of Seventeen” di Stevie Nicks in “Dumb Blonde”, reminiscenze novantiane in “Bigger Wow”). Tra tanti filler risplendono però un paio di piccoli gioielli pop che da soli valgono l’intera opera: “Tell Me It’s Over” e “Crush”, due gustosi omaggi al soul anni Sessanta in cui Avril Lavigne dimostra finalmente di essere diventata un’interprete di razza.

Tracklist
1. Head Above Water
2. Birdie
3. I Fell In Love With The Devil
4. Tell Me It's Over
5. Dumb Blonde
6. It Was In Me
7. Souvenir
8. Crush
9. Goddess
10. Bigger Wow
11. Love Me Insane
12. Warrior
 
 

Jessie Ware – What’s ...

Jessie Ware è una cantautrice inglese che esordì nel 2012 con una piccola perla R&B infettata di sonorità anni ‘80, “Devotion”, ...

Future Islands – As Long As ...

È un album di rara eleganza quello che ci viene proposto dai Future Islands, che con questo “As Long As You Are” arrivano alla sesta ...

Born Ruffians – Squeeze

Sono passati solo sei mesi dal precedente “Juice”, eppure i canadesi Born Ruffians sono già pronti al ritorno in grande stile con un ...

The Struts – Strange Days

Mai come in questo particolarissimo periodo ho avuto modo di apprezzare album che trasmettessero buon umore e che, nella loro durata, mi ...

The Jaded Hearts Club – ...

C’era bisogno di mettere insieme tanti pezzi da novanta per un album di cover? A detta di tanti illustri colleghi recensori, ...