THE JAPANESE HOUSE
Good At Falling

[ Dirty Hit – 2019 ]
8.5
 
Genere: Synth pop
 
4 marzo 2019
 

The Japanese House è il nome in codice dietro cui si nasconde Amber Bain, ventitreenne inglese che si divide tra il Buckinghamshire e Londra. Talento precoce (ha iniziato a suonare ad appena undici anni) grazie a una manciata di singoli ed EP si è guadagnata uno spazio piccolo ma importante nell’affollato mondo musicale britannico e la stima di diversi colleghi.

Le tredici canzoni di “Good At Falling” sono state prodotte dalla stessa Amber, da BJ Burton (Low, Bon Iver) da George Daniel (batterista dei The 1975) e vengono pubblicate da un’etichetta (la Dirty Hit) che è diventata una piccola fucina di talenti grazie a un roster eclettico che oltre ai The 1975 comprende anche i Wolf Alice, Art School Girlfriend e molti altri.

La musica di Amber Bain ha poco a che fare col pop di Matty Healy e soci e con l’indie rock scatenato della band capitanata da Ellie Rowsell. Quello creato da The Japanese House è un synth pop di grande atmosfera, che gioca con melodie e tonalità sovrapposte usando l’Auto – Tune con intelligenza.

Ascoltando il sound morbido di “went to meet her (intro)” e il romanticismo di “Maybe You’re The Reason” vengono subito in mente gli arrangiamenti dei Beach House ma Amber Bain sta bene attenta a non somigliare troppo a nessuno, cambiando stile in una “You Seemed So Happy” che riscopre la naturalezza di chitarre e batteria e seminando pillole glitch pop in “Wild” e “Worms”.

Onesta e sincera, The Japanese House dimostra di saper andare oltre singoli come “Lilo” e “I saw you in a dream”.
“Good At Falling” è un disco incantevole, che mette in mostra la personalità di una giovane donna gay che non ha paura di guardarsi allo specchio.

Tracklist
1. went to meet her (intro)
2. Maybe You’re the Reason
3. We Talk all the Time
4. Wild
5. You Seemed so Happy
6. Follow My Girl
7 somethingfartoogoodtofeel
8. Lilo
9. Everybody Hates Me
10. Marika Is Sleeping
11. Worms
12. f a r a w a y
13. I saw you in a dream
 
 

Finn Andrews – One Piece At A ...

Finn Andrews, frontman dei The Veils, torna con uno sfavillante album da solista: “One Piece At A Time”, firmato Nettwerk Records. ...

Epo – Enea

Un ritorno convincente quello dei napoletani Epo, capitanati dalla voce e dalle parole del fondatore Ciro Tuzzi, a distanza di ben quattro ...

Umberto Maria Giardini – ...

Ci sorprende UMG o forse no. Se pensiamo al sound solare e molto “Smiths” degli Stella Maris (il suo ultimo progetto) ci si ...

Holiday Ghosts – West Bay ...

Il quartetto di Falmouth (piccola località della Cornovaglia) continua la sua vicenda sonora affidandoci il secondo album dal titolo ...

Quercia – Di tutte le cose ...

Dopo l’EP “Non è vero che non ho più l’età” pubblicato nel 2016 su Bandcamp quasi per gioco e in un secondo momento notato e ...