CHAIN WALLET
No Ritual

[ Jansen Records - 2019 ]
7
 
Genere: Dream Pop
Tags:
 
6 marzo 2019
 

Dream pop da Bergen, Norvegia. Si erano fatti conoscere nel 2016 i Chain Wallet. Il loro omonimo primo album era stato ben accolto dalla critica, suoni malinconici, forse legati al clima piovoso della città scandinava o più probabilmente per narrare ed accompagnare i racconti delle dieci canzoni, storie di insuccessi da dimenticare cercando di lasciarseli alle spalle, nascondendoli in un triste passato. Quasi tre anni più tardi ritroviamo i tre ragazzi con il nuovo album, ” No Ritual” che, possiamo dirlo da subito, conferma le buone impressioni dell’esordio.

Gli A-ha furono uno delle band di grande successo negli anni ottanta e i Chain Wallet sembrano averne assorbito in parte la grande propensione nello scrivere pezzi di grande impatto melodico. La malinconia che si sprigionava dalle note del primo album lascia spazio ad una più ricca propensione pop con anthem orecchiabili con il cantante e chitarrista Stian Iversen che mantiene il suo stile alla Ian Curtis ma con una grande novità: Chiara Victoria Cavallari. La voce dei FOAMMM dà un contributo importante donando ai brani quel tocco etereo e delicato (ne abbiamo un chiaro esempio in “Closer”) che ben si amalgama con il magistrale lavoro al synth di Frode Boris Bakken (ben sostenuto dalla produzione di Matias Tellez, alla regia anche del debut: in quella occasione aveva però preferito suoni più lo-fi) ed all’altro chitarrista del gruppo, Christian Line Annesen. Giri di basso pulsanti (anche questi da attribuire a Iversen), synth in bella evidenza non oscurano il lavoro delle chitarre che spesso ricordano quella caratteristica di Johnny Marr (potrebbero invitare Morrissey al prossimo giro…).

Un disco curato nei dettagli che ci mostra una formazione in crescita capace di fondere suoni del passato con idee attuali e frizzanti.

Tracklist
1. Lost Somewhere
2. Final Statement
3. Ride
4. Closer
5. What Everybody Else Could Find
6. Liminality
7. Knowing Eyes
8. No Ritual
9. World I Used to Call Mine
10. Inner Space
 
 

Wand – Laughing Matter

Sapete, io, gli Wand, li ho conosciuti grazie al mio chitarrista, senza di lui non avrei mai ascoltato “1000 Days”, uno dei miei ...

Danko Jones – A Rock Supreme

Il tempo e la maturità non hanno scalfito l’anima del vulcanico Danko Jones. Il cantante e chitarrista canadese ha trascorso gli ultimi ...

Yaguar – Vision

Si intitola “Vision” l’album di debutto degli Yaguar, un quartetto nato appena tre anni fa dall’incontro di due cantanti e ...

Artmagic – I Won’t ...

Eccoli ancora, ad un anno da “The Song of The Other England”, Richard Oakes e Sean McGhee fare capolino con questo EP, ...

Versing – 10000

Piacevolissimo questo “10000” dei Versing di Seattle. Il leader della band, il buon Daniel Salas è uno di quelli che ci sta ...