IDLEWILD: LA TOP 10 BRANI

 
Tags: ,
di
6 marzo 2019
 

L’annuncio di un nuovo album previsto per il prossimo Aprile a firma Idlewild apparecchia la tavola per provare a servire la nostra Top 10 che ripercorra, in ordine cronologico, la carriera di Roddy Woomble e soci. Eccola qua…

 

10 – YOU’VE LOST YOUR WAY

1998, da “Hope is Important”

Magari difficile da immaginare adesso, ma l’apertura del primo vero album degli scozzesi è un missile hardcore punk buono per far terra bruciata tutto intorno a sé.

9 – WHEN I ARGUE I SEE SHAPES

1998, da “Hope is Important”

Grinta e cambi di passo punk-rock e gusto melodico. Scegliamo questa a dispetto della più celebre “A Film for The Future” per il sublime passaggio “And when I argue Syd Barrett makes me laugh”.

8 – ACTUALLY IT’S DARKNESS

2000, da “100 Broken Windows”

I suoni in “100 Broken Windows” si fanno più morbidi, e si punta ad arrivare ad un maggiore numero di orecchie. Prendete il college-punk (a tinte comunque pop) di “Actually It’s Darkness” come riferimento per farsi un’idea.

7 – AMERICAN ENGLISH

2002, da “The Remote Part”

Il processo di rendere l’offerta orecchiabile, ricca (spuntano piano, acustiche, archi), seppur pervasa da un senso di malinconia costante, è compiuto: con “American English” gli Idlewild si giocano la carta dell’instant classic. E si prendono il piatto. Un inno per il cosiddetto post-britpop.

6 – LIVE IN A HIDING PLACE

2002, da “The Remote Part”

“The Remote Part” è la consacrazione per Woomble e sodali, e il successo dell’album passa anche da singoli come questo che nella versione acustica trova il suo zenith.

5 – IN REMOTE PART/SCOTTISH FICTION

2002, da “The Remote Part”

Il pezzo che chiude l’album e simbolicamente una fase della carriera degli Idlewild: si inizia con una ballata calda ed arpeggiata, per poi come ricordarsi delle origini e tirare su un grandioso muro di chitarre a firma Rod Jones.

4 – THE SPACE BETWEEN ALL THINGS

2005, da “Warning/Promises”

I fan di più vecchia data storcono il naso per questo capitolo, dove il tiro si fa meno teso a favore di melodie più morbide e atmosfere più sedate tra archi e piano, in un processo di americanizzazione ottimo per i passaggi radiofonici. La scelta ricade allora su “The Space Between All Things”, che dietro ad un mantello lirico pop rock piuttosto scolastico, ci ricorda come i Nostri siano ancora in grado di creare burrasche di chitarra elettrica.

3 – IN COMPETITION FOR THE WORST TIME

2007, da “Make Another World”

Gli Idlewild “divorziano” con la Parlophone e decidono di riportare in prima linea chitarre distorte, basso ruvido e batteria incalzante, e a fare musica per piacersi e non per piacere: allora indichiamo l’opener “In Competition for the Worst Time” e il suo carico agrodolce ed adrenalinico.

2 – CITY HALL

2009, da “Post Electric Blues”

Ormai staccatisi dalle major, gli Idlewild hanno comunque subito il totale contagio Stars&Stripes che li ha visti a più riprese essere accostati ai R.E.M.. In “Post Electric Blues” (realizzato anche grazie al crowd-funding) l’abito è però più folk-pop e springsteeniano: allora scegliamo questa “City Hall” che trasuda positiva energia.

1 – USE IT IF YOU CANE USE IT

2015, da “Everything Ever Written”

Ormai dati praticamente per sciolti, gli scozzesi tornano con un sound maturo, strutturato, dove si punta sulla densità e non sulla furia degli esordi o sulla ricchezza del periodo più pop. Certo, niente di memorabile, ma scegliamo questa “Use It If You Can Use It” dove si sentono sia Woomble che Jones, che gioca a fare il piccolo guitar hero nella seconda metà a tinte jam di un pezzo che nasce armonioso e delicato.

 

5 dischi da isola deserta per The ...

Omaggiare i favolosi ’50 e ’60 e l’epoca beat non è un’operazione nostalgica che guarda esclusivamente al passato, ma un modo per ...

18 maggio 1980: Ian Curtis, i Joy ...

I Joy Division, nonostante la loro breve esistenza come band, sono un riferimento musicale fondamentale, soprattutto per il movimento dark e ...

Oggi “Play” di Moby ...

“Play”, il più grande successo di Richard Melville Hall, in arte Moby, compie 20 anni eppure, oggi come allora, sembra un disco senza ...

Oggi “You Are the Quarry” di ...

“You are the Quarry”  uscì dopo sette lunghissimi anni, facendo sospirare i tanti fan sparsi per il mondo, ma l’attesa ...

Oggi “Grande Rock” dei ...

Seguivo Nicke Royale fin dagli Entombed (quando era ancora Nicke Andersson), figurarsi se non non abbracciavo con amore anche la sua ...