OGGI “PERFORMANCE AND COCKTAILS” DEGLI STEREOPHONICS COMPIE 20 ANNI

 
di
8 marzo 2019
 

1999.

Il britpop, fenomeno planetario, ha già mostrato i primi segni di cedimento; magari non tutti se ne stanno accorgendo ma ci sono eccome: “This is Hardcore” dei Pulp fu un passaggio abbastanza controverso e prodromico di una crisi creativa incombente, McCabe è uscito dai Verve che si scioglieranno ufficialmente il successivo Aprile, mese in cui uscirà pure “Head Music” dei Suede che rappresenta il primo vero e proprio passo falso della band di Brett Anderson. Che dire poi dei pesi massimi Oasis e Blur? I fratelli Gallagher cominciano a far parlare di loro più per il (già noto, ça va sans dire) carattere turbolento che per la loro musica, nonostante il mastodontico tour seguente all’uscita di “Be Here Now”, e sempre nel 1999 gli storici Bonehead e Paul McGuigan lasciarono la band: il successivo “Standing of The Shoulder of Giants” fu deludente. I Blur invece si allontanarono dalle orbite tipiche del genere, ed il successivo “13” sarà all’insegna della sperimentazione e di nuove alternative sonorità, con sia Albarn che Coxon già comunque proiettati su, o che comunque consideravano, progetti all’infuori della band .

Ma la voglia di sentire ancora del guitar rock abbinarsi alle melodie pop è ancora alta, nel Regno Unito e non solo: i venti sono agitati, ma il terreno è fertile. Ecco quindi che gli Stereophonics, già Brit Award nel 1998 come miglior gruppo emergente, piazzano il loro secondo album, da molti ritenuto il migliore: “Performance and Cocktails”.

Chitarre grezze a spalleggiare la voce rauca di Jones, melodie e ritmica, energia e densità, vivacità e freschezza: i gallesi piazzano un album contagioso, senza orpelli, diretto, elettrico ma pensato con la chitarra acustica in braccio, che vede quindi il connubio di frizzanti scariche rock con ballate più profonde e meditative. Gli Stereophonics si prendono la testa della UK Charts, sparano tre singoli nelle prime 5 posizioni (“The Bartendere and The Thief”, “Just Looking” e “Pick a Part That’s New”) vendendo, ad oggi, qualcosa come 3 milioni di dischi.

E’ il post britpop, che annovererà, almeno nei primi anni, altri nomi come Travis, Starsailor, Keane e Coldplay. Con gli Stereophonics che, negli anni successivi, dimostreranno di essersi meritati le attenzioni degli esordi tra album riusciti e – soprattutto- cariche e coinvolgenti esibizioni live che ancor’oggi li contraddistinguono.

 

Stereophonics – Performance and Cocktails
Data di pubblicazione: 8 Marzo 1999
Tracce: 13
Lunghezza: 50:55
Etichetta: V2
Produttori: Bird & Bush

Tracklist:

1. Roll Up and Shine
2. The Bartender and the Thief
3. Hurry Up and Wait
4. Pick a Part That’s New
5. Just Looking
6. Half the Lies You Tell Ain’t True
7. I Wouldn’t Believe Your Radio
8. T-Shirt Sun Tan
9. Is Yesterday, Tomorrow, Today?
10. A Minute Longer
11. She Takes Her Clothes Off
12. Plastic California
13. I Stopped to Fill My Car Up

 

Oggi “Roman Candle” di ...

La musica di Elliott Smith è essenziale, nel senso che il cantautore americano riuscì ad esprimere sé stesso, il suo mondo, le sue ...

Space Oddity: il Kleos, la fama, la ...

Oggi la questione non è tanto quella di poter esprimere ciò che si è davvero, quanto, invece, quella di raggiungere i propri obiettivi di ...

Oggi “Happy Sad” di Tim ...

“Happy Sad” è un ossimoro, un contrasto che ben descrive l’anima di un artista complesso come Tim Buckley. L’anima o meglio le ...

Oggi “This is What You ...

Johnny Rotten era insoddisfatto dei Sex Pistols e stanco delle richieste di Malcolm Mc Laren, il “borghese anarchico” del punk. ...

Oggi “The B-52’s” dei The ...

I B-52’s, oggi e da adesso in poi, nell’articolo, senza l’apostrofo, sono una delle band che ho più amato nel periodo ...