OGGI “PERFORMANCE AND COCKTAILS” DEGLI STEREOPHONICS COMPIE 20 ANNI

 
di
8 marzo 2019
 

1999.

Il britpop, fenomeno planetario, ha già mostrato i primi segni di cedimento; magari non tutti se ne stanno accorgendo ma ci sono eccome: “This is Hardcore” dei Pulp fu un passaggio abbastanza controverso e prodromico di una crisi creativa incombente, McCabe è uscito dai Verve che si scioglieranno ufficialmente il successivo Aprile, mese in cui uscirà pure “Head Music” dei Suede che rappresenta il primo vero e proprio passo falso della band di Brett Anderson. Che dire poi dei pesi massimi Oasis e Blur? I fratelli Gallagher cominciano a far parlare di loro più per il (già noto, ça va sans dire) carattere turbolento che per la loro musica, nonostante il mastodontico tour seguente all’uscita di “Be Here Now”, e sempre nel 1999 gli storici Bonehead e Paul McGuigan lasciarono la band: il successivo “Standing of The Shoulder of Giants” fu deludente. I Blur invece si allontanarono dalle orbite tipiche del genere, ed il successivo “13” sarà all’insegna della sperimentazione e di nuove alternative sonorità, con sia Albarn che Coxon già comunque proiettati su, o che comunque consideravano, progetti all’infuori della band .

Ma la voglia di sentire ancora del guitar rock abbinarsi alle melodie pop è ancora alta, nel Regno Unito e non solo: i venti sono agitati, ma il terreno è fertile. Ecco quindi che gli Stereophonics, già Brit Award nel 1998 come miglior gruppo emergente, piazzano il loro secondo album, da molti ritenuto il migliore: “Performance and Cocktails”.

Chitarre grezze a spalleggiare la voce rauca di Jones, melodie e ritmica, energia e densità, vivacità e freschezza: i gallesi piazzano un album contagioso, senza orpelli, diretto, elettrico ma pensato con la chitarra acustica in braccio, che vede quindi il connubio di frizzanti scariche rock con ballate più profonde e meditative. Gli Stereophonics si prendono la testa della UK Charts, sparano tre singoli nelle prime 5 posizioni (“The Bartendere and The Thief”, “Just Looking” e “Pick a Part That’s New”) vendendo, ad oggi, qualcosa come 3 milioni di dischi.

E’ il post britpop, che annovererà, almeno nei primi anni, altri nomi come Travis, Starsailor, Keane e Coldplay. Con gli Stereophonics che, negli anni successivi, dimostreranno di essersi meritati le attenzioni degli esordi tra album riusciti e – soprattutto- cariche e coinvolgenti esibizioni live che ancor’oggi li contraddistinguono.

 

Stereophonics – Performance and Cocktails
Data di pubblicazione: 8 Marzo 1999
Tracce: 13
Lunghezza: 50:55
Etichetta: V2
Produttori: Bird & Bush

Tracklist:

1. Roll Up and Shine
2. The Bartender and the Thief
3. Hurry Up and Wait
4. Pick a Part That’s New
5. Just Looking
6. Half the Lies You Tell Ain’t True
7. I Wouldn’t Believe Your Radio
8. T-Shirt Sun Tan
9. Is Yesterday, Tomorrow, Today?
10. A Minute Longer
11. She Takes Her Clothes Off
12. Plastic California
13. I Stopped to Fill My Car Up

 

5 dischi da isola deserta per The ...

Omaggiare i favolosi ’50 e ’60 e l’epoca beat non è un’operazione nostalgica che guarda esclusivamente al passato, ma un modo per ...

18 maggio 1980: Ian Curtis, i Joy ...

I Joy Division, nonostante la loro breve esistenza come band, sono un riferimento musicale fondamentale, soprattutto per il movimento dark e ...

Oggi “Play” di Moby ...

“Play”, il più grande successo di Richard Melville Hall, in arte Moby, compie 20 anni eppure, oggi come allora, sembra un disco senza ...

Oggi “You Are the Quarry” di ...

“You are the Quarry”  uscì dopo sette lunghissimi anni, facendo sospirare i tanti fan sparsi per il mondo, ma l’attesa ...

Oggi “Grande Rock” dei ...

Seguivo Nicke Royale fin dagli Entombed (quando era ancora Nicke Andersson), figurarsi se non non abbracciavo con amore anche la sua ...