FLAT WORMS
Into The Iris

[Rough Trade, Drag City Records – 2019]
8
 
Genere: Garage, Noise, Punk/Post-Punk
 
11 Marzo 2019
 

Madoi che bomba, è stata questa la mia esclamazione (in puro stile trentino!) dopo l’ascolto di “Into the Iris”, però adesso mi e vi spiego, non vi preoccupate.

Siamo in zona Garage Noise con una spruzzata di punk, bellissimo ed invitante. I suoni dei Flat Worms sono molto “personali”, possono richiamare altre band, certo ma se analizzati con cura si può intravedere molto altro: pezzi come “Surreal New Year” e la title track si capisce subito l’impronta personale che hanno, aggressiva si, ma anche ricercata.

Ci sono brani meno riusciti, ma molto piacevoli comunque, ad esempio gli ultimi due “Scattered Palms…” e “At the Cittadel”, che forse non riprendono in pieno lo stile dell’Ep e non fanno quel salto in temrini di personalità, ma confrontando il lavoro con l’album precedente (già buono), beh, devo dire che c’è stato ancora un balzo di qualità notevole, tanto di cappello.

Ho apprezzato tantissimo questo Ep, non ho molto da aggiungere: il futuro della band ci pare sempre più solido e luminoso.

Photo Credit: David Evanko

Tracklist
1. Surreal New Year
2. Into The Irirs
3. Plastic at Home
4. Shouting at the Wall
5. Scattered Palms...
6. At The Cittadel
 
 

Stian Westerhus – Redundance

Con la classe e la competenza tipica del vero musicista, Stian Westerhus prosegue il suo particolarissimo percorso di evoluzione artistica ...

Anna Calvi – Hunted

Non sono rari al giorno d’oggi i casi di album che vengono rivisti, rimaneggiati – con chiavi di lettura di volta in volta ...

Birthh – Whoa

E’ italianissima, ma non lo diresti mai, almeno riferendosi alla sua musica e al suo universo di riferimento. Alice Bisi – che a ...

Jet Set Roger – Un rifugio ...

Jet Set Roger (alias Roger Rossini) è un artista a cui non piace certo vincere facile, e lo dimostra una volta di più con il suo nuovo ...

Hilary Woods – Birthmarks

Il nome di Hilary Woods a queste latitudini potrebbe non dire granché, ma immagino che (almeno) gli appassionati di britpop e dintorni non ...