MASSIMO VOLUME: LA TOP 10 BRANI

 
11 marzo 2019
 

I Massimo Volume con il recente disco “Il nuotatore” hanno aggiunto un ulteriore tassello di grande qualità al loro progetto: musiche al solito intense e ispirate e la straordinaria vena letteraria nei testi di Emidio Clementi.

Trovate qui la recensione,  mentre di seguito eccovi una panoramica di 10 brani a rappresentarli nella loro essenza.
Buona lettura con la top 10 brani dei Massimo Volume.

10 – FAUSTO

2010, da “Cattive abitudini”

Sonica e avvolgente, nevrotica e tagliente, ricorda le atmosfere lontane degli esordi. Una dedica commovente al cantautore Fausto Rossi (Faust’O’), cui si possono cogliere delle affinità soprattutto intellettuali con il mondo evocato dai MV.

9 – LA CITTA’ MORTA

1997, da “Da qui”

Versi ispiratissimi, visionari e disperati, una cifra stilistica giunta a pieno compimento, con musica che da riflessiva si fa sferzante.

8 – ALESSANDRO

1993, da “Stanze”

Ascoltando l’esordio dei Massimo Volume e imbattendoci in brani dirompenti e descrittivi come questo, era impossibile rimanere indifferenti davanti a tale forza espressiva.

7 – ATTO DEFINITIVO

1997, da “Da qui”

Musica lenta, cupa, ipnotica e un testo che è uno specchio vivido di emozioni e di vita vissuta. Questa versione è quella contenuta nel bellissimo disco live “Bologna Nov.2008”, pubblicato nel 2009, a distanza di 10 anni dall’ultimo disco di inediti “Club Privé”.

6 – LA NOTTE DELL’11 OTTOBRE

1995, da “Lungo i bordi”

Una messa in scena di incubi, angosce, visioni oniriche che spiazzano l’ascoltatore e lo inchiodano, cullato (si fa per dire, vista la spettralità) da un ritmo cadenzato e pulsante. Capolavoro.

5 – LA CENA

2013, da “Aspettando i barbari”

Clementi si mette a nudo, raccontando parte della sua storia e della sua famiglia. Lo fa attraverso dettagli di vita vissuta, riferendosi alla madre, con realismo e tocchi poetici.

4 – FUOCO FATUO

1995, da “Lungo i bordi”

Canzone di grande impatto emotivo, chitarre e sezione ritmica che viaggiano all’unisono, creando una tempesta sonora in grado di travolgere. E quel disperato e accorato: “Leo, è questo che siamo?” che risuona potente ed evocativo a ogni ascolto.

3 – SILVIA CAMAGNI

2013, da “Aspettando i barbari”

Un vero atto d’amore, nella sua forma nuda e cruda, fatta di rimpianti e disillusioni ma anche di tanta sincera tenerezza: “Silvia, stai attenta/copriti meglio/conserva l’amore/per quando fa freddo”.

2 – IL PRIMO DIO

1995, da “Lungo i bordi”

Una canzone entrata nell’immaginario degli anni ’90, un ritratto accorato che è sincero omaggio allo scrittore Emanuel Carnevali, grande fonte di ispirazione di Clementi.

1 – LE NOSTRE ORE CONTATE

2010, da “Cattive abitudini”

L’autobiografismo è stavolta netto, conclamato, in un brano d’atmosfera, lento e malinconico che parte sì riferendosi all’antico e consolidato rapporto con Manuel Agnelli ma finisce poi per riguardare tutti quei rapporti interpersonali che giocoforza finiscono col mutare forma e significato con gli anni: “le nostre ore canoniche/le nostre ore contate/ancora troppo presto/per organizzare il proprio sgargiante declino/ma non abbastanza da non averne un’idea/io non ti cerco/io non ti aspetto/ma non ti dimentico”. Chapeau!

 

Una petizione per costruire una ...

Dopo che qualche settimana fa Keith Flint, il vocalist dei Prodigy, si è purtroppo tolto la vita ad appena 49 anni, nei giorni scorsi è ...

Guarda il video di “Walkie ...

Manca ormai meno di un mese all’uscita del quinto album dei Wand, “Laughing Matter”: il seguito di “Plum” ...

Ecco la line-up di Woodstock50

In occasione del 50° anniversario del festival di Woodstock, ne è stato organizzato uno nuovo ribattezzato semplicemente Woodstock50, che ...

Nuovo singolo degli Idlewild: ...

Mancano ormai solo pochi giorni all’uscita di “Interview Music”, l’ottavo album degli Idlewild: il seguito di ...

White Lies e Marlene Kuntz al ...

Si fa sempre più ricco e interessante il programma del Cinzella Festival, che si terrà tra sabato 17 e martedì 20 agosto nel suggestivo ...