JAMES YORKSTON
The Route To The Harmonium

[Domino – 2019]
7.5
 
Genere: Folk, songwriting
 
13 marzo 2019
 

James Yorskston è un gentleman scozzese che negli ultimi venti anni si è ritagliato un ruolo piccolo ma importante nel mondo del folk britannico con la sua band (i The Athletes) e come solista, grazie a album di pregevole fattura tipo “Moving Up Country” (uscito a inizio millennio andrebbe riscoperto). Membro del Fence Collective, gruppo di musicisti nato attorno all’etichetta Fence Records che ha lanciato le carriere di KT Tunstall, King Creosote e The Beta Band, vive ancora oggi a Cellardyke paesino di pescatori dell’East Neuk dove registra i suoi album.

Non ha mai scritto classiche canzoni folk James Yorkston anche se al folk tradizionale ha reso omaggio in passato. L’uso di diversi strumenti, il clarinetto, il violoncello e la tromba ad esempio ma anche il Dulcitone, l’harmonium, l’autoharp e la nyckelharpa svedese oltre all’amata chitarra Lowden, alle tastiere e alla batteria rende il suo stile diverso da quello di tanti colleghi. In “The Route To The Harmonium” prodotto insieme al fido David Wrench (Caribou, Four Tet, Frank Ocean, FKA Twigs, David Byrne) queste differenze sono ancora più marcate.

Tre spoken word (“The Irish Wars of Independence”, “My Mouth Ain’t No Bible”, “Yorkston Athletic”) affiancano brani dolci ed eleganti come “Like Bees To Foxglove” o “The Blue of the Thistle” rendendo l’ascolto dell’album decisamente interessante. “Shallow”, che con la hit di Lady Gaga ha in comune solo il titolo e chissà che la somiglianza non valga qualche stream in più su Spotify, ricorda “Embers” altra bella canzone uscita dalle corde di JY e merita un ascolto attento. Ma sono soprattutto “Solitary Islands All” e “The Villages I Have Known My Entire Life” a descrivere il mondo di James Yorkston, lontanissimo dalle mille luci di Londra o Edimburgo.

“The Route To The Harmonium” è un album meno immediato di “Just Beyond the River”, “The Year Of The Leopard” o “When the Haar Rolls In”. Parla di famiglia, viaggi e di amici che non ci sono più cercando di trovare un equilibrio tra lutto e speranza. Cresce ascolto dopo ascolto e dimostra che John Peel aveva ragione quando elogiava la scrittura ironica e malinconica di James Yorkston.

Tracklist
1. Your Beauty Could Not Save You
2. The Irish Wars of Independence
3. Like Bees to Foxglove
4. Shallow
5. The Blue of the Thistle
6. My Mouth Ain’t No Bible
7. Solitary Islands All
8. The Villages I Have Known My Entire Life
9. Oh Me, Oh My
10. Brittle
11. Yorkston Athletic
12. A Footnote to an Epitaph
 
 

Wand – Laughing Matter

Sapete, io, gli Wand, li ho conosciuti grazie al mio chitarrista, senza di lui non avrei mai ascoltato “1000 Days”, uno dei miei ...

Danko Jones – A Rock Supreme

Il tempo e la maturità non hanno scalfito l’anima del vulcanico Danko Jones. Il cantante e chitarrista canadese ha trascorso gli ultimi ...

Yaguar – Vision

Si intitola “Vision” l’album di debutto degli Yaguar, un quartetto nato appena tre anni fa dall’incontro di due cantanti e ...

Artmagic – I Won’t ...

Eccoli ancora, ad un anno da “The Song of The Other England”, Richard Oakes e Sean McGhee fare capolino con questo EP, ...

Versing – 10000

Piacevolissimo questo “10000” dei Versing di Seattle. Il leader della band, il buon Daniel Salas è uno di quelli che ci sta ...