WEEZER
Weezer (Black Album)

[ Atlantic/Crush - 2019 ]
4.5
 
Genere: Pop
 
di
13 Marzo 2019
 

Altro giro, altro colore.

Se con il recentissimo album di cover (“Teal Album”) avevamo scelto la via della sufficienza politica honoris causa, stavolta è francamente impossibile fare lo stesso.

E non ci si faccia ingannare né dal titolo né dalla copertina a tinte, appunto, nere: qua di scuro c’è ben poco, e anzi siamo di fronte ad un pop dei più colorati. Che sembrerebbe pure una cosa positiva.

Di positivo, invero, in questo “Black Album” di Rivers Cuomo e soci c’è ben poco: ci troviamo al cospetto di una dance, world music, fusion delle più commerciali e lontana chilometri dagli agganci di chitarra distorta che li ha fatti amare a così tanti, roba che gli (attuali) Panic! At The Disco e The Killers sembrano davvero i Metallica a livello di mordente e carica. E anche gente come i Maroon 5 paiono in confronto dotati di tale garra charrua che potrebbero fare gli stopper nell’Atletico Madrid di Simeone.

Se pensiamo poi che questo capitolo era addirittura previsto per il Febbraio 2018, l’attesa avrebbe potuto far pensare che i Nostri si fossero presi il tempo giusto per calibrare, scegliere, arricchire, smussare… e invece.

Passino i tessuti sonici messicheggianti della già diffusa “Can’t Knock the Hustle” o la pop-ballad malinconica “High as A Kite” che può riportare con la mente alla fine degli anni sessanta come fossero i cuginetti dei (Gary Brooker, perdonami) Procol Harum, il resto è buono al massimo per la colonna sonora di qualche serie di lega minore su Netflix.

Inutile nascondersi, facile sbilanciarsi: questo ennesimo capitolo dei Weezer difficilmente soddisferà anche il fan più accanito ed aperto alla divagazione più fine a sé e prende tutte le sembianze di un altro passo falso per Cuomo & company.

Si parla già di un altro album pronto e per il quale siamo in attesa di ulteriori dettagli. Cosa dire: aspettiamo un altro colore, che è meglio.

Photo: Shawn Murphy

Tracklist
1. Can't Knock the Hustle
2. Zombie Bastards
3. High As a Kite
4. Living In L.A.
5. Piece of Cake
6. I’m Just Being Honest
7. Too Many Thoughts In My Head
8. The Prince Who Wanted Everything
9. Byzantine
10. California Snow
 
 

Vundabar – Either Light

Vundabar. Wonderful per l’altra evoluzione della lingua anglosassone. Brandon Hagen e Drew McDonald  si conoscono dai tempi del ...

Danzig – Danzig Sings Elvis

Il pluriannunciato e lungamente atteso omaggio di Glenn Danzig a Elvis Presley è finalmente qui. Non se ne sta parlando un granché bene ma ...

Rose City Band – Summerlong

L’anno scorso un po’ in sordina è uscito il primo omonimo album del progetto Rose City Band, nome dietro cui si nascondeva e si ...

Happyness – Floatr

Preceduto dai singoli “Vegetable”, “Seeing Eye Do”, “Ouch (yup)” e “title track” con ...

Darman – Necessità interiore

Arriva il nuovo disco di Darman intitolato “Necessità interiore”, un mix di cantautorato rock ed innovazione che passa pure da qualcosa ...