POND
Tasmania

[ Interscope - 2019 ]
7.5
 
Genere: Psych-Rock, Synth-Pop
Tags: ,
 
di
14 Marzo 2019
 

Ricordiamolo: tra Pond e Tame Impala gli intrecci sono fittissimi.

Kevin Parker, deus ex machina dei Tame Impala è stato per un periodo batterista dei Pond, ed ora ne è sistematicamente dietro le quinte nella produzione, Nicholas Allbrook, frontman dei Pond, è stato a sua volta per un periodo polistrumentista con la band di Parker, Jay Watson, quando non si “nasconde” dietro al moniker GUM è membro stabile di entrambi i gruppi, Julian Barbagallo, Dominic Simper e Cam Avery spuntano nei credits di entrambi i gruppi, pur essendo più vicini al progetto di Parker, che a sua volta si avvale di Shiny Joe Ryan dei Pond per gli aspetti visuals.

Tutto molto bello.

Ma se da una parte il gruppo di Kevin Parker è fermo a “Currents” del 2015, quello di Allbrook dallo stesso periodo è al terzo lavoro in studio, ottavo ufficiale in poco più di 10 anni di attività.

Chiariamolo, per quanto il tiro, specie nelle tracce iniziali, sia volutamente easy listenting e molto Currents, questo “Tasmania” necessita di più di un ascolto per essere tratteggiato a dovere. La “solita” psichedelia di certo non manca, le chitarre invece sì, per un lavoro fortemente improntato sull’utilizzo dei synth e dai tratti fortemente 70-80’s ma nella sua accezione più new wave, disco e glam.

E così passano sinuose, stratificate, maliziose ma non così facilmente etichettabili l’opener “Daisy”, “Sixteen Days” e “Tasmania” col loro groove dinoccolato e dove l’efebo Nick si diletta a fare la popstar anni 80 à la George Michael più che la rockstar, trovando il tempo di parlare dei rischi ambientali che un paradiso terrestre come la vicina (a loro) Tasmania stia correndo, fino al climax sintetico e cristallizzato di “Hand Mouth Dancer” che apre nella sua coda il varco per un viaggio come purificatorio, tribale e sovrannaturale che con “Goodnight, P.C.C.” e “Burnt Out Star”, tra ipnotici impulsi sonori come di uno spazio dimenticato, una di giungla spirituale ed incontaminata, ti portano fonderti e rarefarti, inerme, insieme ad essi: in questo quadro “Selené”, “Shame” e la chiusura di “Doctor’s In” arrivano come una fluttuante, caleidoscopica, pulsante quanto delicata e magnetica luce a risvegliare e riattivare i nervi dal beato e calmante torpore.

“Tasmania” è un viaggio, e allo stesso tempo un lento soffermarsi nella natura più incontaminata: i Pond dal canto loro stanno, lavoro dopo lavoro, disegnando qualcosa per cui etichettarli ancora come cuginetti dei Tame Impala è davvero, davvero riduttivo.

Credit Foto: Pooneh Ghana

Tracklist
1. Daisy
2. Sixteen Days
3. Tasmania
4. The Boys Are Killing Me
5. Hand Mouth Dancer
6. Goodnight, P.C.C.
7 .Burnt Out Star
8 .Selené
9. Shame
10. Doctor’s In
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Eugenia Post Meridiem – like ...

È una tensione positiva quella che anima il nuovo disco degli Eugenia Post Meridiem. Eugenia Fera, il bassista Matteo Traverso, il ...

Weezer – SZNZ: Autumn

Con l’enorme saggezza che ci contraddistingue abbiamo deciso di aspettare che calassero le temperature e arrivasse davvero ...

Holy Coves – Druids And Bards

Terzo album per i gallesi Holy Coves, un trio capeggiato dal cantante/songwriter Scott Marsden che ha tutte le carte in regola per fare ...

Dead Cross – II

Primo disco dei Dead Cross con Mike Patton ben inserito in formazione. La musica dell’esordio datato 2017, infatti, era già stata ...

Goat – Oh Death

Probabilmente hanno veramente visto la morte in faccia, la fine di un elisir col brivido del successo, la morte per consumo o stanchezza del ...

Recent Comments