SASAMI
Sasami

[Domino - 2019]
7
 
Genere: indie-rock,indie-pop
 
14 marzo 2019
 

Si è parlato tanto negli ultimi mesi di Sasami e di questo suo album d’esordio, pubblicato dalla Domino: la musicista californiana ha scritto queste dieci canzoni, mentre era in tour come tastierista dei Cherry Glazerr e le ha definite come “il desiderio di togliersi un peso dallo stomaco”.

Seppur ancora molto giovane, la Ashworth ha già parecchia esperienza: dopo aver suonato il corno francese in orchestre e in studio, essere stata all’interno di alcune band, aver lavorato negli album di alcuni artisti già famosi (Curtis Harding, Wild Nothing, Hand Habits) e scritto la musica per film, la ragazza losangelina ha iniziato solo recentemente la sua carriera solista.

Il suo omonimo debutto sulla lunga distanza racconta di amori non corrisposti e di sguardi verso il passato, mentre la sua voce, al contrario della strumentazione, rimane quasi sempre molto delicata, quasi sussurrata.

E’ “I Was A Window”, che vede ospite Dustin Payseur, a introdurci al suo mondo e – non sappiamo se sia un caso oppure no – qui si sente una certa impronta indie-pop tanto cara proprio ai Beach Fossils: i gentili vocals della musicista californiana sanno muoversi perfettamente tra le leggere percussioni, una chitarra poco invasiva e qualche synth distorto (a volte troppo rumoroso), mentre il senso melodico di questa opening è davvero una delizia.

Davvero ottime anche le sei corde della successiva “Not The Time”, che mettono bene in luce le loro influenze ‘90s, con un attitudine molto scazzata a-la-Pavement, seppure in parte attenuata dai vocals, sempre molto educati e morbidi.

Un’altra collaborazione, “Free”, dove possiamo ascoltare la voce di Devendra Banhart, sa emozionarci in maniera forte: la lieve strumentazione si combina perfettamente con i vocals sentimentali della Ashworth e il tocco leggero di quelli del musicista di origini venezuelane è davvero una ciliegina sulla torta. E’ realmente un peccato che, dopo circa tre minuti, un rumoroso assolo di una chitarra, che pare impazzita e – a nostro avviso – assolutamente fuori luogo, rovini la splendida atmosfera che si era creata e che, per fortuna, possiamo ritrovare pochi secondi dopo.

La produzione del singolo “Jealousy”, con i suoi notevoli synth, ha un sapore molto moderno: pur piacevole, non sa, però, toccarci il cuore come parecchi altri brani presenti su questo disco.
Si passa, invece, negli ‘80s per la conclusiva “Turned Out I Was Everyone”: percussioni e synth riescono a farci volare e sognare ancora una volta aiutati dalla voce suggestiva di Sasami.

Alla fine di questi quaranta minuti le somme che dobbiamo tirare sono comunque positive perché la Ashworth ci ha saputo emozionare a lungo e ha dimostrato di avere qualità e intelligenza, pur trovando parecchi richiami nel passato: le possiamo sicuramente perdonare quei pochi passaggi a vuoto, che – siamo certi – il futuro le farà eliminare.

Tracklist
1. I Was A Window
2. Not The Time
3. Morning Comes
4. Free
5. Pacify
6. At Hollywood
7. Jealousy
8. Callous
9. Adult Contemporary
10. Turned Out I Was Everyone
 
 

Sigrid – Sucker Punch

Tripudio pop proveniente dalla Norvegia sotto forma della principessina Sigrid che piazza un debutto più che convinvente, permettendosi ...

Sun Kil Moon – I Also Want To ...

Caro Mark Kozelek, quando ti deciderai a prendere un piccolo periodo di vacanza? Negli ultimi anni l’ex leader dei Red House Painters ha ...

Badflower – OK, I’M ...

Ci sono artisti e band che per raggiungere la fama, anche se discreta, hanno bisogno di anni, alcuni album pubblicati o del classico colpo ...

Queensryche – The Verdict

I tempi d’oro di “Operation: Mindcrime” e “Promised Land” saranno pure lontanissimi, ma per fortuna i Queensrÿche sono ancora ...

Foals – Everything Not Saved ...

Ambizioso il progetto dei Foals, che, dopo aver firmato il contratto con la Warner, hanno deciso di realizzare un doppio album, la cui prima ...