HOLIDAY GHOSTS
West Bay Playroom

[ PNKSLM Recordings - 2019 ]
7
 
Genere: 60s psych, indie-rock
 
18 marzo 2019
 

Il quartetto di Falmouth (piccola località della Cornovaglia) continua la sua vicenda sonora affidandoci il secondo album dal titolo “West Bay Playroom”. La band di Sam Stacpoole e della fidanzata/batterista Katja Rackin si arricchisce di un altro chitarrista, Charlie Fairburn e del bassista Ryan Cleave. L’album si compone di 14 brani, per lo più di beve minutaggio, registrati in una ex sala giochi che la band utilizza come sala prove e che, a giudicare dalla buona qualità della registrazione fai da te, ha una eccellente acustica. Affacciandosi sull’Atlantico, la Cornovaglia guarda incuriosita nella direzione degli States ed i ragazzi di Falmouth hanno fatalmente una peculiare predilizione per i suoni e le band provenienti da quella lontana terra.

Rock and Roll è il loro genere? Non direi, c’è molto in questo sophomore, dal blues di B.S. Porsche allo spaghetti Western di “Booksmart”. “Take Heet” è il classico Rock and Roll da ballare alle sagre di paese mentre “Just a Feeling” è un divertente country rock. Garage anni 70 alla Modern Lovers e richiami ai Velvet Underground si legge qua e là e non a torto, ascoltiamoci “Human Race” per farcene un’idea mentre “Stuck Here” è la perfetta pop song in stile sixties. Sono in quattro ma in tre (Sam, Katja e Charlie) si dilettano a scrivere i brani portando le loro personali influenze.

L’ascolto di questo album è un vero e proprio salto nel passato dove un’America post-bellica mostra il lato gioioso di un’epoca ricca di fermento, sia dal punto di vista musicale sia per quel che riguarda una nuova consapevolezza soprattutto giovanile (quella che viene chiamata “controcultura” nei libri che teniamo sul sedile posteriore della nostra auto per far bella figura con gli amici che inavvertitamente vi ci siedono sopra) che a partire dagli anni sessanta farà molto parlare di sé.

Ma gli Holiday Ghosts non danno l’impressione di voler essere troppo seri, e di conseguenza noiosi. Non vogliono rovesciare i valori costituiti, anzi, la loro missione sembra quella di divertirsi e di far divertire. Il loro intento raggiunge tranquillamente lo scopo (spassarsela) e questo fa di “West Bay Playroom” un album da ascoltare con semplicità d’animo e con la mente libera da pensieri tediosi. Sobriamente immaginiamoci sul vascello che, lasciando la Cornovaglia alle nostre spalle, lentamente si dirige verso le terra del Rock and Roll, dove tutto ebbe inizio.

Tracklist
1. Low Flying Bird
2. Thinking of You
3. Slipstream
4. B.S. Porsche
5. Booksmart
6. Stuck Here
7. Cobra
8. The Dodger
9. Sleep Sleep Sleep
10. Take Heed
11. Just a Feeling
12. Human Race
13. Kat's Lament
14. Chumps
 
 

Bianco – Tutto d’un ...

Era il 1 Aprile 2011 quando l’etichetta torinese INRI faceva il suo debutto pubblicando “Nostalgina”, il primo LP di Bianco, allora ...

The Suitcase Junket – Mean ...

Puntuale come un orologio torna Matt Lorenz in arte The Suitcase Junket ovvero il baffo più selvaggio e appuntito del rock. Musicista fuori ...

The Drums – Brutalism

Ormai una one man band, tornano i The Drums, torna ovvero Jonny Pierce. L’incedere non è più quello surfy degli esordi, e anche le ...

Giuda – E.V.A.

Alla conquista dello spazio con i Giuda. La band romana si sposa con la Rise Above Records e dà il via alla propria spedizione ...

Fontaines D.C. – Dogrel

Dublino negli ultimi sei o sette anni è tornata ad essere una città musicalmente viva, dopo un periodo in cui non molto di quanto veniva ...