SOPHIE ELLIS-BEXTOR
The Song Diaries

[ Cooking Vinyl Limited - 2019 ]
6
 
Genere: pop orchestrale
 
25 marzo 2019
 

Premessa. Adoro la divina Sophie Ellis Bextor. Adoro le partiture orchestarli. Adoro Ed Harcourt. Fine premessa. Quando però è troppo, beh, è troppo.

La sempre magnifica Sophie da alle stampe il suo primo ‘best of’ di una carriera solista iniziata con il nostro Spiller e poi proseguita ancora con motivetti ballabili e, successivamente, con la benedizione di Ed Harcourt, che ha cucito addosso alla fanciulla un’ estetica di pop più raffinata e ricercata.

Se c’è di mezzo il buon Ed sappiamo che le cose si possono fare importanti e particolareggiate, quindi, quella che poteva essere una semplice raccolta, ecco che diventa l’occasione per rielaborare ogni brano, anche quelli più lontani in senso temporale, in una versione orchestrale (gestita da Ed stesso ovviamente) che accentua il lato pomposo e melodrammatico.

Che vi posso dire? L’esperimento funziona per un po’, poi annoia. Sarò sincero, ma tutte le canzoncine ballabili della principessa funzionavano proprio per quel suo tiro delizioso e sbarazzino, ora invece tutto diventa fin troppo ricercato e barocco e arrivare alla fine della lunghissima tracklist non è affatto facile, ve lo assicuro. L’orchestra infatti, a tratti, cerca le raffinatezze, gli svolazzi e vuole infondere (o creare dal nulla) un lato classico, ma, paradossalmente, non mi pare funzionale nel far emergere pienamente l’aspetto melodico.

Ormai i ‘best of’ classici possono anche stufare, ne sono convinto, e il più delle volte arrivano per mere esigenze contrattuali. Possiamo premiare la voglia di cambiare le carte in tavola e di presentarsi con qualcosa di suggestivo, ma che Ed Harcourt si senta Wagner a discapito della povera Sophie (che si getta comunque a capofitto e con tutta l’anima in questa avventura, diamogliene atto), no, questo non lo accetto.

6 di stima. Ma vado a risentirmi al volo le versioni originali.

Tracklist
1. GrooveJet – Orchestral Version
2. Take Me Home – Orchestral Version
3. Murder On The Dancefloor – Orchestral Version
4. Move This Mountain – Orchestral Version
5. Music Gets The Best of Me – Orchestral Version
6. Mixed Up World – Orchestral Version
7. Catch You – Orchestral Version
8. Me and My Imagination – Orchestral Version
9. Today The Sun’s On Us – Orchestral Version
10. Heartbreak (Make Me a Dancer) – Orchestral Version
11. Bittersweet – Orchestral Version
12. Not Giving Up On Love – Orchestral Version
13. Young Blood – Orchestral Version
14. Love Is a Camera – Orchestral Version
15. Wild Forever – Orchestral Version
16. A Pessimist Is Never Disappointed - Orchestral Version (Bonus Track)
17. Love Is You (Bonus Track)
18. Take Me Home - Orchestral Disco Version (Bonus Track)*
19. Murder On The Dancefloor – Orchestral Disco Version (Bonus Track)*
 
 

Whenyoung – Reasons to Dream

Limerick è una cittadina situata alla foce del fiume Shannon nell’Irlanda sud-occidentale. È storicamente formata da due ...

SOAK – Grim Town

Sono passati quasi quattro anni da “Before You Forgot How To Dream”, l’ottimo debutto di Soak, ma alla fine di aprile, via Rough Trade ...

Dinosaur Pile-Up – Celebrity ...

Nel mondo del rock dei giorni d’oggi, se non cerchi nuove traiettorie, sentieri sonori inesplorati, porti con te l’esperienza di ...

Silversun Pickups – ...

Cinque anni di assenza discografica avranno scalfito la verve dei Silversun Pickups? Archiviato il periodo “Neck Of The Woods” – ...

Noel Gallagher’s High Flying ...

La Wibbling Rivalry, seppure a distanza, tra i fratelli Gallagher procede senza soluzione di continuità. E sembra quasi interessare più ...