DREAM THEATER
Distance Over Time

[ Inside Out Records – 2019 ]
7
 
 
27 marzo 2019
 

“Non esisto più le mezze stagioni” cit. di qualche vecchietto che guarda un cantiere…no, non sono impazzito, adesso mi spiego. Allora, ho molti amici nel mondo della musica (che fanno e ascoltano musica, per capirsi), anche nel metal, e sinceramente c’è sempre stata una grossa disparità: chi ama i Dream Theater e chi li odia, non me ne capacito, o meglio lo capisco, ma mi sfuggono le discussioni infinite, perché molto spesso le due squadre si inalberano sia per i difetti che per gli elogi…io invece? Beh, sono in una strana metà.

“Distance Over Time” è un album “pop” (alla loro maniera dai, vi prego non uccidetemi, l’ho pure messo tra virgolette). Perché dico ciò? Sono forse impazzito? Non direi. I pezzi hanno molte componenti melodiche, tantissime rispetto al passato e danno proprio l’impressione di essere costruiti per essere più facili d’ascoltare (anche se, attenzione, arrivano delle intersezioni prog che spaccano i denti senza preavviso, vedi “At Wint’s End”), come ad esempio “Barstool Warior”, che risulta un bel po’ “catchy”. Ecco, usiamo questa parola, che “pop” mi pare un po’ troppo forte.

I suoni sono gestiti molto bene, niente da dire su questo lato, una buona produzione sicuramente aiuta, però potevano fare di più, osare, più che altro in fase di scrittura. Ok prediligere il lato melodico, ok tornare anche a mostrare i muscoli e un lato “metal” diciamo così, lavorando bene sulla ritmica, però, a conti fatti, mancano quei pezzi che ti prendono veramente per le loro costruzioni ardite e per la voglia di “andare oltre”.

Luci e ombre quindi in un disco che, se cercate il lato prettamente prog, vi potrebbe un po’ deludere.

Tracklist
1. Untethered Angel  
2. Paralyzed
3. Fall into The Light
4. Barstool Warrior
5. Room 137
6. S2N
7. At Wint's End
8. Out Of Reach
9. Pale Blue Dot
10. Viper King (Bonus Track)
 
 

Ride – This Is Not A Safe ...

Ricordo nitidamente di aver letto (altrove, ça va sans dire) un paio d’anni fa una recensione, composita nel lessico quanto scevra ...

Mannequin Pussy – Patience

Certe band vogliono solo veder bruciare il mondo. I Mannequin Pussy, per il momento, si accontentano di osservare compiaciuti il bel ...

Russian Circles – Blood Year

Una chitarra, un basso, una batteria, zero parole. Ai Russian Circles bastano pochissimi elementi per dar forma a un suono sì compatto e ...

Ra Ra Riot – Superbloom

Quinto album per gli eclettici Ra Ra Riot, primo dopo il divorzio dalla storica etichetta Barsuk. Una separazione che non sembra aver ...

PAWS – Your Church On My ...

Il loro terzo album, “No Grace” (2016), era stato prodotto da Mark Hoppus dei Blink 182 e li aveva portati su territori punk-pop: dopo ...