COMA_COSE
Live @ Alcatraz (Milano, 02/04/2019)

 
Tags:
3 aprile 2019
 

Fausto “Lama”Zanardelli e Francesca Mesiano – detta California, ovvero i Coma_Cose di strada ne hanno macinata dai primi singoli usciti su You Tube nel 2017. Singoli che da subito hanno attirato l’attenzione di pubblico e critica.

Abilità straordinaria nel giocare con parole, accenti e doppie. Una squisita padronanza ad usare figure retoriche: metonimie, iperboli, allegorie snocciolate e svecchiate con una semplicità disarmante. Suoni che ti entrano nella testa e non escono più. Citazioni dalla musica, dal cinema, dalla letteratura e dall’arte.

Singolo, dopo singolo si sono creati un posto da protagonisti nel panorama musicale italiano. Per questo voler parlare di crossover di stili o generi, per cercare di ricondurli a qualcosa di già sentito, è scontato e abbastanza inutile. Fantasia da vendere, miscela perfetta ed esplosiva tra hip hop, elettronica, attitudine pop e nostalgia per un certo tipo di cantautorato, questo è il sigillo, il marchio di fabbrica dei Coma_Cose. Confermato dall’attesissimo primo disco “HYPE AURA” uscito,  il 15 marzo scorso, per Asian Fake etichetta indipendente, collettivo urbano che è diventato fucina inarrestabile di talenti.

E stasera che succede?” ,si legge sul loro profilo Instagram, a qualche ora dalla terza tappa del tour partito sabato scorso da Padova.

Stasera si gioca in casa. Eh si perché Milano, per Fausto e Francesca è casa, protagonista, cornice e sfondo dei loro brani.

Quello che colpisce, prima ancora di arrivare all’interno dell’Acatraz, è il serpentone inesauribile di persone che “invadono” Via Valtellina in attesa di varcare l’ingresso. Una volta entrati il colpo d’occhio è da brividi, di quelli positivi s’intende, quelli che ti fanno tremare le gambe e luccicare gli occhi per l’emozione.

Hype da paura e Alcatraz SOLD OUT!

Mancano pochi minuti alle 22, un ritardo sulla time line più che giustificato dal fiume di persone in entrata, quando salgono sul palco Fausto e Francesca. Look identico, carichi ed emozionati . I primi tre pezzi sembrano una risposta a tutte le domande che gli vorremmo fare, una presentazione a mani bassi, diretta e sincera in perfetto stile Coma_Cose. Si parte con “Intro” da “Hype Aura” che se lo leggi suona come “hai paura?”, la replica arriva “Comunque vada l’inizio, alla fine saremo io e te,  con i nostri mostri e sentimenti, quindi non preoccuparti, se hai paura” ; con “Jugoslavia” ci ricordano “vengo dal niente voglio tutto” e con “Granata” ribadiscono a gran voce “Coma_Cose è il nome della mia famiglia, continuo a correre con chi fa miglia”“Continuo la scalata fino all’Everest”.

Francesca frizzante ed entusiasta urla “Milano ci sei?!? Ci siete mancati, ora fatevi sentire” , il pubblico è in delirio e risponde con ovazioni da stadio.

“Deserto”, “Via Gola”, “French Fries” , “Beach Boys Distorti”, “Pakistan”, “Cannibalismo” “Golgota” non c’è sosta. Fa impressione pensare che il disco nuovo, uscito da poco più di 15 giorni, viene  cantano a perdita di fiato da tutti.  Tutti, nessuno escluso, anche il ragazzotto con la faccia imbronciata della security . Trattenersi è impossibile. E’ una festa collettiva, condivisa, partecipata. Polaroid di vissuto personale che si liberano e arrivano a toccare la sensibilità di una “famiglia” in espansione.

Solo un attimo per riprendere fiato e Francesca introduce “Squali”, un pezzo nato durante il tour dell’estate scorsa, una sera in spiaggia, un senso di libertà assoluta e di paura, il mare che sembra una piscina di petrolio gigantesca e chissà come vivono i pesci la sotto..“Amaro del capo scoparsi di cenere e dolce Venere di rime, in fondo siamo pescecani, e anche se a Milano non c’è il mare, noi restiamo squali” e ditemi che non è poesia questa.

Si prosegue con “Nudo Integrale”, “Anima Lattina”, “A Lametta”, ” S. Sebastiano”.

Psichedelia, ritmi downtempo, l’attitudine punk, l’eleganza di alcune melodie da cantautorato con la C maiuscola, l’anima urbana e contemporanea. La produzione strepitosa dei Mamakass . C’è tutto.

La sintesi di un concerto perfetto arriva con le ultime due bombe: “Mariachidi” “Se la mia gente mi fa l’onda, la mia vita non affonda” e un Alcatraz che esplode e si trasforma nella gigantesca onda di Hokusai; e “Post Concerto” cantata ben oltre la fine a “cappella” dal pubblico che non vuole mollare.  Ci si saluta sulle parole di  “Mancarsi” “Che schifo avere rimpianti, però quanto è bello avere paura. La strada è solo una riga di matita che trucca la pianura”  la scritta Coma_Cose sul fondale proiettata come titoli di coda.

Ritorno alla macchina e vorrei “in sottofondo solo il ventolone della Pam”, non è facile riappropriarsi del silenzio dopo un concerto come quello di stasera.

 

 

Firenze Rocks – Visarno Arena ...

di Elena Castagnoli Tornano sul luogo del delitto Eddie Vedder e Glen Hansard, protagonisti di Firenze Rocks come nel 2017. Diciamolo subito ...

No Silenz Festival (Cigole, ...

di Fabio Campetti Quindi anche il Nosilenz, il festival ad entrata gratuita più longevo di Brescia e provincia, arriva all’atto ...

Tool – Live @ Firenze Rocks ...

Per un live così importante, beh, un report non bastava, ne abbiamo addirittura due… di Michele Brigante Sanseverino Dopo 12 anni i ...

Fantastic Negrito – Live @ ...

E’ passato un anno esatto dall’ultima volta in cui abbiamo visto Fantastic Negrito, in una serata di inizio giugno nel Cortile del Covo ...

The Zen Circus – Live @ ...

“Il tempo non si ferma non si è mai fermato e quello che è passato chissà dove è andato”. Metti una notte a Milano con gli ...