SLEEPER
The Modern Age

[ Gorsky Records - 2019 ]
6
 
Genere: Britpop
 
di
3 aprile 2019
 

Grandi portabandiera del britpop negli anni 90, poi (prematuramente) scioltisi prima di fine secolo, anch’essi spazzati via dall’onda che ha visto esaurirsi il richiamato movimento. Ed ognuno per la sua strada.

E li ritroviamo dove li avevamo lasciati venti anni fa: la brava Louise Werner con la sua voce inconfondibile, a muoversi tra chitarre elettriche quanto poppeggianti, qualche arricchimento ed una tirata a lucido quasi necessaria e frutto dell’avanzare tecnologico che due decenni portano con sé, la ricerca dell’aggancio giusto tipico dei giorni migliori.

Certo, qua lo possiamo dire forte: si gioca tutto sull’effetto nostalgia. Perché di nuovo sul piatto c’è ben poco. E manca anche un singolone di punta che si avvicini (ardua impresa, ça va sans dire) ad una “Inbetweener” o simili che li hanno fatti amare.

Allora il voto è un misto tra la stima e il piacere, nonostante tutto, di ritrovarli ancora quasi ad un lustro di distanza (come peraltro ci ricorda il suono della connessione internet very 90’s in “Blue Like You”) in buona salute e discreta forma, con la speranza che al prossimo giro – se ci sarà un prossimo giro- possano portare con sé qualcosa di davvero meritevole d’attenzione.

 

Tracklist
1. Paradise Waiting
2. Look at You Now
3. The Sun Also Rises
4. Dig
5. The Modern Age
6. Cellophane
7. Car Into the Sea
8. Blue Like You
9. More Than I Do
10. Big Black Sun
 
 

Sambassadeur – Survival

L’idea di pop che hanno i Sambassadeur è la nostra. C’è poco da fare. Una canzone semplice, in apparenza, che ti rinfranca ...

These New Puritans – Inside ...

I These New Puritans continuano la loro quieta ascesa in un inafferrabile empireo di art-rock lontano da ogni trend musicale. La band ormai ...

Idlewild – Interview Music

Tornano gli scozzesi Idlewild autentici pezzi da novanta di quello che nella seconda metà degli anni 90 venne etichettato come post ...

Apparat – LP5

Chiudete gli occhi, immaginatevi d’essere all’interno di una stanza vuota, con una sola finestra che mostra il mare e un ...

Priests – The Seduction of ...

Non sono stati tempi facili per la band di Whashington D.C. Quando tutto sembrava procedere per il meglio, con il loro debut “Nothing ...