FIL BO RIVA
Live @ Circolo Magnolia (Milano, 03/04/2019)

 
Tags:
4 aprile 2019
 

Pubblico giovane e numeroso quello di stasera al Circolo Magnolia per l’atteso concerto di Fil Bo Riva.

Mi avvicino al paco e vengo colpita dalle ragazze in fibrillazione che studiano la posizione migliore per attirare l’attenzione del bel ragazzo che a breve salirà sul palco.

Sguardo magnetico, look da dandy moderno, piglio sicuro da uomo vissuto, si presenta così Filippo Bonamici, quando sono da poco passate le 22.

La questione puramente estetica nasce e finisce qui, se già ascoltando il nuovo “Beautiful Sadness”, uscito il 22 marzo scorso, si poteva intuire il talento di Fil Bo Riva, la resa dal vivo è la conferma di un lavoro raffinato ed elegante. Ricercato nei suoni, denso, a tratti orchestrale con chitarre, basso e tastiere che si aprono, dei piccoli prisma che irradiano una musica dai molteplici colori. Fresca ed energica, malinconica e meditativa.

Ventisei anni e un percorso di vita intenso che si dirama sull’asse Roma – Dublino – Berlino . Nato a Roma, dove sogna sin da piccolo di diventare una star, si apre al mondo con gli studi a Dublino, qui si lascia contaminare da nuove scene musicali. Il trasferimento a Berlino segna la svolta, la conoscenza del chitarrista e amico Felix A. Remm e il produttore Robert Stephenson. Figure decisive con cui sigilla l’Ep di debutto “If You’re Right, It’s Alright” nel 2016 con la bellissima “Like Eye Did” che trova spazio anche nella scaletta di stasera.

Con voce potente e istinto pop accompagna e coinvolge il pubblico in un mondo romantico e moderno. Su “Time Is Your Gun” e “Go Rilla” è impossibile non tenere il ritmo con le mani alzate, hanno entrambe la stoffa per diventare dei successi radiofonici.

Sfumature dolcissime e poetiche per “Baby Behave” e “L’over”, accendini accesi e cellulari alzati.

L’apice si tocca con “L’impossibile”, unico brano cantato in parte in italiano, un pezzo lento e sensualissimo con chitarre e piano sussurrati e la voce di Filippo che illumina, suggestioni e brividi.

Esco pensando che nulla dura, nulla finisce, niente è perfetto. Una malinconia serena, uno stato di grazia che mi godo respirando l’aria fresca di questa serata di inizio aprile.

 

Art Brut – Live @ Circolo ...

di Stefano Bartolotta Quando una band torna sulle scene dopo anni di silenzio, non è mai facile immaginare quante persone si presenteranno ...

Nic Cester & The Milano ...

Dopo aver aperto nel 2017 per i Kasabian, Nic Cester torna a Lucca per il Winter Festival: e lo fa nell’intimo quanto splendido ...

Swimming Tapes + Breathe Panel + ...

Serata piuttosto ricca quella di oggi: il nostro weekend prevede una velocissima tappa a Leicester, la città che in molti ricordano ...

Tre Allegri Ragazzi Morti – ...

Ho perso il conto dei concerti dei TARM che ho visto nel corso degli anni. Attraverso Via Valtellina e mi passano davanti agli occhi ...

Balthazar – Live @ Krakatoa ...

I Balthazar fanno tappa a Bordeaux per la tournée del nuovo, stratosferico album “Fever”. È il Krakatoa ad accoglierli a ...