HAWKSLEY WORKMAN
Median Age Wasteland

[ Isadora Records - 2019 ]
6.5
 
Genere: songwriting
 
8 aprile 2019
 

Un nome impronunciabile non ferma la buona musica.
Il prolificissimo cantautore canadese Hawksley Workman torna con “Median Age Wasteland”, ultimo lavoro uscito per Isadora Records.
“Beautifully sentimental” così Workman definisce la sua ultima fatica discografica. “Ho una prospettiva unica sul mondo, che viene dalla persone che credo di essere e da quella che sono, e volevo esplorare proprio quest’ultima”.

Undici tracce pulite e semplici che colano piacevolmente nelle orecchie, cullate da parole quotidiane elevate a una statura poetica forse anche immeritata, come l’opening track “Birds in Train stations” o “Skinny Wolf”, che si fanno trasposizione di storie umane, in una formula due Esopo 2.0.

Un lavoro che non fa – e non vuole fare – la storia, ma che mostra ancora una volta il potenziale compositivo e strumentale del suo autore. Senza giochi di prestigio testuali o sonori, Workman porta a casa un disco immediato e leggero, al tempo stesso introspettivo e attento a ciò che si muove intorno a lui: i problemi quotidiani di persone semplici, le tentazioni di disperazione e violenza, i cuori spezzati.
Radici profondamente folk si mescolano a influenze pop, rock, cabarettistiche, rimanendo comunque un impasto sonoro altamente digeribile e masticabile.

Un’estetica musicale chiara e accessibile, venata della giusta dose di complessità compositiva, e riflessioni acute che trovano terreno fertile proprio in quella terra deserta (o incolta? A ognuno la traduzione che ritiene più opportuna) di mezza età che il titolo del disco annuncia.

Tracklist
1. Birds in Train Stations
2. Lazy
3. Battlefords
4. Italy
5. 1983
6. To Receive
7. Skinny Wolf
8. Song of Summer
9. Oksana
10. Stoners Never Dream
11. Snowmobile
 
 

Sambassadeur – Survival

L’idea di pop che hanno i Sambassadeur è la nostra. C’è poco da fare. Una canzone semplice, in apparenza, che ti rinfranca ...

These New Puritans – Inside ...

I These New Puritans continuano la loro quieta ascesa in un inafferrabile empireo di art-rock lontano da ogni trend musicale. La band ormai ...

Idlewild – Interview Music

Tornano gli scozzesi Idlewild autentici pezzi da novanta di quello che nella seconda metà degli anni 90 venne etichettato come post ...

Apparat – LP5

Chiudete gli occhi, immaginatevi d’essere all’interno di una stanza vuota, con una sola finestra che mostra il mare e un ...

Priests – The Seduction of ...

Non sono stati tempi facili per la band di Whashington D.C. Quando tutto sembrava procedere per il meglio, con il loro debut “Nothing ...