ALBUM : CAPOBRANCO
In Dipendenza

 
di
9 Aprile 2019
 

di Antonello Salvetti

I padovani Capobranco questa volta l’hanno fatta grossa, visto che hanno scelto nientepopodimeno che Steve Albini per registrare il loro terzo album. I tre, ormai veterani della scena indie rock italiana (sono nati nel 2012), sono infatti volati direttamente a Chicago nello studio dal famoso produttore, uno che non ha di certo bisogno di presentazioni.

Il disco, il terzo della loro produzione, intitolato “In Dipendenza” e uscito per Jetglow Recordings a fine gennaio (anzi, scusate il ritardo con cui vi segnaliamo ragazzi!), ha dimostrato, ascolto dopo ascolto, di avere tutte le carte in regola per piacere anche ai più esigenti addetti ai lavori.

Il loro alt-rock in italiano infatti rimane carico e ruvido, la mano del buon Steve fa il suo dovere e il sound si fa apprezzare all’istante, grazie a canzoni sapientemente arrangiate (emerge sia un lato diretto e scarno, tratteggiato da pulsioni chitarristiche più funk, così come anche una ottimo lavoro ritmico) e sopratutto ben suonate dai tre che, obiettivamente, risultano musicisti di alto livello.

Segnate in agenda sotto la categoria “da ascoltare”, sarebbe veramente un peccato perderseli.

 

Ascolta il nuovo EP di Beck ...

Beck condivide oggi un nuovo EP interamente registrato ai leggendari studi di proprietà di Prince, oggi della società che ne cura i ...

ALBUM: Elizabeth The Second ...

Suonano la carica i ragazzi padovani che rispondono al nome di Elizabeth The Second. Ben Moro, Michele Venturini e Luca Gallato piazzano il ...

ALBUM: AA.VV – ...

La sempre impeccabile Fadeawayradiate Records, emanazione del blog Fadeawayradiate.com, piazza una nuova compilation all’insegna ...

Ritrovato un mixtape realizzato da ...

Judith Peraino, professoressa di Musica della Cornell University, ha casualmente ritrovato una cassetta firmata Lou Reed, datata 1975, che ...

Oggi “Arena” dei Duran Duran ...

Oggi “Arena” dei Duran Duran compie trentacinque anni. E chissenefrega, penserete voi. Io invece vi dico di non sottovalutare ...