OGGI “SONIC TEMPLE” DEI CULT COMPIE 30 ANNI

 
10 aprile 2019
 

L’ anniversario di “Sonic Temple” è l’occasione per celebrare una rock band, che pur riscuotendo negli anni un buon successo e seguito, non ha forse raccolto quanto meritato.
Per The Cult gli anni ’80 erano stati un continuo inizio, se i primi due album, “Dreamtime” e “Love”, soprattutto il secondo, avevo dato loro una certa popolarità anche in Italia, la band decise di non proseguire con un sound post-punk con forti influenze anni ’60 ma virare verso un rock più potente, in fondo sorprendendo i fans che si erano creati con “Love”.

Ci fu la scelta, forse pensata, di non lasciarsi incapsulare nell’immagine tutto sommato costruita che usciva dai video di “She sells sanctuary” o “Revolution”, ma di allontanarsi da una New Wave già agonizzante e iniziare un nuovo percorso prima con “Electric” e poi con “Sonic Temple”.
Si allontanarono definitivamente dall’Inghilterra per sembrare sempre più una band americana, finendo però inevitabilmente con il misurarsi con alcune nuovi gruppi che segneranno la storia del rock, come i  Guns n’ Roses e andando poi a scontrarsi con la nascente corrente grunge che li allontanerà definitivamente dall’attenzione dello Star system.

I Cult però restano una grande band, il frontman Ian Atsbury è un animale da palcoscenico, carisma da vendere e costanti richiami a Jim Morrison, Billy Duffy è un chitarrista di assoluto valore e i loro live risultano potenti e indimenticabili. Nei mesi di agosto e settembre del 1987  The  Cult avevano attraversato gli Stati Uniti per una serie di concerti per una ventina di date, avendo avuto come band di supporto i Guns n Roses, che tutto sommato resteranno poi negli anni sempre legati ai The Cult, come la storia del batterista Matthew William Sorum insegna.

Questa serie di formidabili concerti erano l’apripista verso la conquista del mercato americano che culminò con l’uscita di “Sonic Temple”, che ha sempre forti e chiari riferimenti agli Stati Uniti, dalla copertina dell’album fino al titolo di alcuni brani come “American Horse” o “New York”.
Non so se preferite i Cult dell’Inghilterra New Wave o quella dell’America Heavy Rock , ma senza dubbio “Sonic Temple” ha al suo interno alcuni pezzi memorabili.
Sicuramente tra questi c’è “Fire Woman”, che è un capolavoro tra chitarra e cori, un brano che come il resto dell’album è invecchiato bene restando ancora oggi molto valido.

Il lavoro avrà altre brani di grande successo , come  “Edie (Ciao Baby)” una ballata stupenda che ricorda i Queen, e “Sweet Soul Sister” capace di regalarci un rock raffinato, e impreziosito dall’uso dell’organo e dalla formidabile chitarra di Billy Duffy.
>Altri episodi sono altrettanto piacevoli,  come “Sun King” e “American Horse” e nel complesso l’album, per quanto a tratti difficile ed eccessivamente pesante, risulta a distanza di anni ancora interessante e decisamente da riscoprire.

The Cult è stata una grande band che, pur non avendo ottenuto appieno un riconoscimento delle proprie qualità, ci ha regalato tanti momenti di pura energia come “Sonic Temple” a distanza di tanti anni ancora dimostra.

Pubblicazione: 10 aprile 1989
Durata:57:05
Tracce: 11
Genere: Hard rock Heavy metal
Etichetta: Beggars Banquet/Sire
Produttore: Bob Rock

Track List

Sun King – 6:09
Fire Woman – 5:11
American Horse – 5:19
Edie (Ciao Baby) – 4:46
Sweet Soul Sister – 5:08
Soul Asylum – 7:26
New York City – 4:41
Automatic Blues – 3:51
Soldier Blue – 4:36
Wake Up Time for Freedom – 5:17
Medicine Train – 4:42 (Su CD e, in alcuni paesi, cassetta)

 

The Rise And Fall Of Our World: ...

Abbiamo i giorni contati, ci restano esattamente solo cinque anni prima che il mondo vada completamente in rovina: è così che si apre ...

Oggi “Primary Colours” degli ...

Non mi capita molto spesso di andare a riascoltare gli Horrors – non ho apprezzato particolarmente l’ultimo paio di uscite a loro nome, ...

Oggi “Illmatic” di Nas compie ...

Di “Illmatic”, album d’esordio del rapper newyorchese Nas, se n’è parlato e se ne continua a parlare moltissimo. Qualcuno, forse ...

Oggi “His ‘n’ ...

1994, Inghilterra. Il vulcano britpop è in pieno fermento. E l’interesse degli addetti ai lavori alto, altissimo, specie e ...

Oggi “Let Love In” di ...

Nick Cave and The Bad Seeds non sono sempre stati i grandi come li conosciamo oggi, anzi, la loro è stata una genesi lenta e graduale che, ...