WHITE DENIM
Side Effects

[ City Slang - 2019 ]
7
 
Genere: Alt Rock
 
di
10 aprile 2019
 

Niente da dire: James Petralli, Steve Terebecki and co. sono al top della prolificità.

Nemmeno un anno dall’uscita dell’ultimo lavoro in studio, ed ecco rimettere il petto in fuori con questo “Side Effects”: spaziando tra i generi del guitar rock, senza una precisa messa a fuoco come il precedente “Performance”, i ragazzi di Austin servono sul piatto la loro frenesia muscolare, tra cambi di passo e lampi psichedelici, con una forte impronta jam, cercando di toccare più lati possibile del perimetro.

Eccoli quindi lanciarsi a corsa, virtuosamente nevrotici, in “Small Talk (Feeling Control)”, tuffarsi in lisergici stagni sonori in “Hallelujah Strike Gold”, incalzare con fare ammiccante in “Shanalala”
o “NY Money”, mettere in mostra i bicipiti in “Head Spinning” o effettuare puri esercizi di stile in “Reversed Mirror”.

Sulla decapottabile dei White Denim è bene non cercare una meta, almeno stavolta: meglio godersi il viaggio, le curve e le accelerazioni. Se così inteso, il pollice non può che essere all’insù.

Tracklist
1. Small Talk (Feeling Control)
2. Hallelujah Strike Gold
3. Shanalala
4. NY Money
5. Out of Doors
6. Reversed Mirror
7. So Emotional
8. Head Spinning
9. Introduce Me
 
 

SOAK – Grim Town

Sono passati quasi quattro anni da “Before You Forgot How To Dream”, l’ottimo debutto di Soak, ma alla fine di aprile, via Rough Trade ...

Dinosaur Pile-Up – Celebrity ...

Nel mondo del rock dei giorni d’oggi, se non cerchi nuove traiettorie, sentieri sonori inesplorati, porti con te l’esperienza di ...

Silversun Pickups – ...

Cinque anni di assenza discografica avranno scalfito la verve dei Silversun Pickups? Archiviato il periodo “Neck Of The Woods” – ...

Noel Gallagher’s High Flying ...

La Wibbling Rivalry, seppure a distanza, tra i fratelli Gallagher procede senza soluzione di continuità. E sembra quasi interessare più ...

Psychedelic Porn Crumpets – ...

Allora, ci eravamo lasciati, ormai l’anno scorso, con la recensione dei loro primi due album, che non erano male se tralasciamo ...