NILüFER YANIA
Miss Universe

[ ATO Records - 2019 ]
7.5
 
Genere: indie-soul,soul-pop
 
12 aprile 2019
 

E’ già da un paio d’anni che si parla di Nilüfer Yania: etichettata come la nuova promessa del soul inglese, lo scorso anno è arrivata anche la nomination alla prestigiosa “Sound Of 2018”, la prestigiosa lista redatta dalla BBC, che segnala i migliori nuovi talenti della scena musicale.

La ragazza di origini turche, irlandesi e Bajan di stanza a Londra, però, è rimasta con i piedi ben per terra e ha continuato il suo percorso che l’ha portata pochi giorni fa a pubblicare questo suo debutto sulla lunga distanza, registrato a Penzance insieme a ben quattro produttori, John Congleton, Oli Barton-Wood, Will Archer e M.T. Hadley.

Riuscirà la ventitreenne musicista inglese a sopportare l’hype che l’ha circondata in questi mesi e a realizzare un album di buon valore? La domanda ci sembra lecita, visti i numerosi casi di artisti che, dopo tante buone premesse, si sono smarriti una volta arrivati all’appuntamento con il debutto sulla lunga distanza in passato.

Una risposta decisa Nilüfer ce la dà già con la tracklist del suo disco che comprende canzoni completamente inedite, come a voler dimostrare di lanciare una sfida, senza recuperare ciò che l’aveva già lanciata nei mesi scorsi.

Diciassette canzoni, tra cui cinque brevi interludi – fondamentalmente delle brevi pause in formato spoken-word per far respirare l’ascoltatore: i cinquantatre minuti del disco possono sembrare tanti a un primo ascolto, ma crediamo non sia così.

Si parte e ciò che ci colpisce immediatamente è che “In Your Head” non sembra trovare punti in comune con il suo passato: il sapore garage-rock melodico dei primi anni ’00 ci porta immediatamente nelle orecchie gli Strokes, che tanti della generazione di chi scrive questa recensione avevano adorato, ma che la Yanya avrà sicuramente recuperato e ascoltato più volte. L’aggiunta dei synth poi impreziosisce il brano, donando ulteriore energia e freschezza.

L’eleganza, la classe e le grandi abilità vocali di Nilüfer si possono notare nella successiva “Paralysed”: dietro a un’anima soul e a un’atmosfera relativamente tranquilla, spuntano chitarre convinte e decise dal sapore rock, piuttosto inaspettate, ma per nulla fuori luogo.

E parlando di cose raffinate non possiamo evitare di citare “Melt”, dai profumi jazz con quel suo splendido sax che ci rilassa e ci incanta.

“Baby Blue”, invece, si posa senza particolari problemi su territori RnB di ispirazione americana ‘90s e il suo ritmo veloce inizia a fare muovere il nostro piedino; il trend continua deciso anche in “Tears”, che non nasconde le sue influenze disco.

Ci sono voluti parecchi ascolti: in primis “Miss Universe” non ci aveva proprio convinto, ma, pian piano, questo debutto ha dimostrato di saper crescere e la sua varietà nei toni, la classe di Nilüfer Yanya e i suoi ottimi vocali sono riusciti a farci cambiare idea. Una promozione meritata per la giovane musicista londinese.

Tracklist
1. WWAY HEALTH ™
2. In Your Head
3. Paralysed
4. Angels
5. Experience?
6. Paradise
7. Baby Blu
8. Warning
9. Heat Rises
10. Melt
11. “Sparkle” GOD HELP ME
12. Safety Net
13. Tears
14. Monsters Under The Bed
15. The Unordained
16. Give Up Function
17. Heavyweight Champion Of The Year
 
 

SOAK – Grim Town

Sono passati quasi quattro anni da “Before You Forgot How To Dream”, l’ottimo debutto di Soak, ma alla fine di aprile, via Rough Trade ...

Dinosaur Pile-Up – Celebrity ...

Nel mondo del rock dei giorni d’oggi, se non cerchi nuove traiettorie, sentieri sonori inesplorati, porti con te l’esperienza di ...

Silversun Pickups – ...

Cinque anni di assenza discografica avranno scalfito la verve dei Silversun Pickups? Archiviato il periodo “Neck Of The Woods” – ...

Noel Gallagher’s High Flying ...

La Wibbling Rivalry, seppure a distanza, tra i fratelli Gallagher procede senza soluzione di continuità. E sembra quasi interessare più ...

Psychedelic Porn Crumpets – ...

Allora, ci eravamo lasciati, ormai l’anno scorso, con la recensione dei loro primi due album, che non erano male se tralasciamo ...