WEEKLY RADAR #42: UNIFORMS

 
di
12 Aprile 2019
 

Attiviamo il radar e scandagliamo in profondità un universo musicale sommerso. Ogni settimana vi racconteremo una band o un artista ‘nascosto’ che secondo noi merita il vostro ascolto. Noi mettiamo gli strumenti, voi orecchie e voglia di scoperta, che l’esplorazione abbia inizio (e mai una fine)…

Derrick, Jamie, Ade, Jason da Dundee, Scozia, insieme dal 2011: punk sudatissimo, di quelli da riempire i piccoli locali underground ed ringraziare il cielo se a fine concerto il palco è ancora integro. E una prima demo che più una raccolta di tre tracce, è una dichiarazione di guerra.

Da lì un periodo dei più prolifici, fatto di oltre 200 date tra Regno Unito e States, un EP nel 2012 (la copertina con Terry Butcher, difensore-nostalgia della nazionale inglese di calcio, è poesia), una furia che riesce a trovare il giusto sposalizio con la melodia. Pura energia magnetica.

Nel 2015 un altro EP, “Pink Couch”, ancora concerti, ed un pubblico che si fa più affezionato e numeroso. E una padronanza dei mezzi sia strumentale che di contenuti che cresce giorno dopo giorno.

Ma proprio sul più bello, l’annuncio del ritiro dalle scene: la vita dà, la vita toglie, ci sono scelte da fare e non sembra esserci più spazio né tempo per la musica.

Ma il richiamo del punk è troppo forte, allora ecco che a piccoli passi i ragazzi scozzesi si riprestano sulla scena: qualche piccolo concerto a mo’ di revival, giusto per vedere che c’è ancora benzina, che la gente è ancora lì ad aspettare, che basta una spolverata e tutto è come quando era stato lasciato.

Le date si moltiplicano, gli apprezzamenti sono quelli di una volta, se non migliori: è il momento giusto per un nuovo EP.

Il 24 Agosto scorso esce quindi “Reasons To Breathe”: ancora lampi di hardcore punk del più melodico e contagioso, come se il tempo davvero non si fosse mai fermato. Ed ancora date, ancora concerti, ancora emozioni, ancora sudore.

Perché anche nel crudo mondo del punk esiste il lieto fine: anche se per gli Uniforms, più che una fine, è un riprendere da dove ci si era lasciati.

 

EP: Collapse – ENDOGENIC ...

Conosciamo bene i Collapse, band giapponese dedicata a un rumoroso e sonico shoegaze, capace di inserire anche al suo interno frammenti ...

The End Of The F***ing World ...

Forse, anzi sicuramente, perché ha perso l’effetto sorpresa della prima stagione, diverte e stupisce un po’ meno di quanto ci ...

Ascolta “Hallelujah” il ...

Le Haim sono tornate con il loro nuovo singolo “Hallelujah”, una ballata che esprime la gioia per il loro legame fraterno. ...

Oggi “Spirito” dei Litfiba ...

Pubblicato il 19 novembre del 1994, “Spirito” è considerato da molti il canto del cigno della ditta Pelù&Renzulli. Il terzo album ...

Confermata la reunion dei Mötley ...

È confermato: i Motley Crue ritornano insieme! A sei anni dall’accordo che prevedeva la cessazione dell’attività live, il ...