THESE NEW PURITANS
Inside The Rose

[ Infectious - 2019 ]
8
 
Genere: experimental
 
19 Aprile 2019
 

I These New Puritans continuano la loro quieta ascesa in un inafferrabile empireo di art-rock lontano da ogni trend musicale. La band ormai si compone dei soli fratelli Barnett, ma questo non ha scalfito lo smalto della proposta sonora e concettuale marchiata TNP.

Non solo: personalmente ho trovato questo album il più “godibile” della saga dei gemelli più austeri del rock arty inglese. L’intento della band, all’indomani del riuscito esordio “Beat Pyramid”, è stato quello di allontanarsi sempre di più da quell’iniziale aura da nu-new wave avanguardistica, per ricercare un sentiero musicale solitario, autarchico, poco inclusivo e dalla bellezza algida.
“Bellezza” è proprio la prima banalissima parola che mi salta in mente percorrendo le sinuose pieghe notturne dei brani che compongono un quadro sfocato, liquido, così carezzevole e duro, monolitico al contempo.

Il precedente “Field of Reeds” picchiava duro sul lato puramente avanguardistico, dilatando gli scenari sonori della band fino a farli arrivare a confini di pura autarchia sonora, imbevuta di pacato sgomento, seriosa quietudine mitteleuropea e boreale estasi. Qui siamo di fronte ad un affresco artistico molto più romantico e penetrabile, nel quale ravvediamo l’incontrarsi flessuoso di vivide trame quasi-urban, intuizioni post- come di un Mark Hollis gotico, eleganti spezie elettroniche, tappeti sinfonici di tersa tetraggine, l’usuale afflato sperimentale avvinto in un clima sempre più esoterico, con lo sguardo rivolto a dimensioni altre innominabili e le membra stregate da immarcescibili tentazioni terrene, tra versi sibillini sullo smarrirsi e ritrovarsi, odi ad un assoluto relativo, da raggiungere attraverso un’intimità amniotica.

Prevale una ricerca tesa a quella che, a conti fatti, sembra proprio la necessità di un dilatamento spaziale, grazie ad architetture che germogliano nell’ambiente psicologico, percettivo e sonoro noncuranti dell’oscurità che le avvolge e le potrebbe relegare ad esiti meramente claustrofobici. Si parte dalle intuizioni e inclinazioni di vecchi brani come “5”, “Organ Eternal” e “Fragment Two” per creare tracce di sontuoso algore generalmente poco ritmiche e liquidissime (l’immagine di copertina è quantomeno azzeccata), fatta eccezione per le belligeranti – a loro modo – “Infinity Vibrations” e “Into The Fire” (che reca il prestigioso featuring di David Tibet) e la deliquiosa “Anti-Gravity”. Si va dalla carnale plasticità di pezzi come “Beyond Black Suns” e “Inside The Rose” alle avvolgenti volute siderali di “A-R-P” e “Six”, e in mezzo un nero pozzo di emozioni intrappolate in un magma misterico, in realtà sottile e luminescente come cristallo, attraverso il quale scintillano colpi di vibrafoni e ariose folate di archi.

“Inside the Rose” mostra i segnali di un’evoluzione artistica apparentemente inarrestabile: sarà sicuramente tra i dischi dell’anno, se non il disco dell’anno.

Tracklist
1. Infinity Vibraphones
2. Anti-Gravity
3. Beyond Black Suns
4. Inside the Rose
5. Where the Trees Are on Fire
6. Into the Fire
7. Lost Angel
8. A-R-P
9. Six
 
 

Hum – Inlet

Dalle radici di puro shoegaze sono rispuntati dopo ben ventidue anni gli statunitensi Hum. La band di Champaign, Illinois, si presenta a ...

Pure Bathing Culture – ...

E’ sempre un piacere ritrovare i Pure Bathing Culture, sopratutto quando lo stato di forma pare buono. Non ci sono particolari novità ...

Japandroids – Massey Fucking ...

Brian King e David Prowse sono animali da palco, ognuno a modo proprio: il primo suda come fosse una sessione di CrossFit ad alta ...

Nadine Shah – Kitchen Sink

Tre anni dopo “Holiday Destination” torna Nadine Shah con un disco conturbante, diverso da quanto fatto in passato anche se non certo ...

Pottery – Welcome To ...

Ci fanno assaggiare il loro valore i Pottery che questo weekend hanno pubblicato il loro debutto full-length, in arrivo a distanza di un ...