IL PROFESSORE E IL PAZZO

 
 
di
22 aprile 2019
 

di Kociss Leardini

Il “Professore e il Pazzo” è un film molto bello, per merito soprattutto della straordinarietà della storia, talmente coinvolgente ed appassionante da sembrare inventata; invece, è assolutamente vera.

Nel 1879 la Philological Society di Londra decide di riprendere il lavoro all’Oxford English Dictionary, il dizionario della lingua inglese: un lavoro immane, iniziato più di vent’anni prima e che si è dimostrato essere estremamente difficile, poiché già prima del novecento l’inglese si parla in vari punti di tutto il pianeta, con le relative sfumature date dalla distanza dei parlanti.A ricominciare l’impresa viene chiamato Sir James Murray (Mel Gibson), un autodidatta dalla cultura linguistica immensa, ma non laureato e – per questo – visto con estrema diffidenza da parte dei professori di Oxford. Murray ha subito una idea fantastica, ciò che oggi chiameremmo “crowdsourcing”: scrive una lettera che fa circolare in tutti i possedimenti ed ex tali dell’impero britannico, in cui chiede il contributo lessicale da parte di volontari, con tanto di spiegazione ed etimologia dei singoli lemmi.

E qui la storia si accende, basata sui rapporti binari tra quattro persone. Tra Murray e il chirurgo William Minor (Sean Penn). Minor ha fatto il medico nella guerra di secessione americana: quel che ha visto lo ha fatto impazzire; finito chissà come in Inghilterra, durante uno dei suoi deliri uccide un passante, lasciando vedova una donna con sei figli, Eliza Merrett (Natalie Dormer). Minor viene rinchiuso nel manicomio di Broadmoor. Un giorno riceve una delle copie della lettera di Murray e, per passare il tempo, manda centinaia di biglietti con molti lemmi al curatore del dizionario. Un aiuto straordinario per Murray, che incontrerà Minor solamente diversi anni dopo, restando nel frattempo all’oscuro della sua condizione.

Intanto, Minor cerca di farsi perdonare dalla vedova, offrendole soldi e dimostrandosi uomo di grande sensibilità, tanto che Eliza alla fine si innamorerà di lui. Piuttosto, non mi ha convinto la presentazione della relazione tra Murray e la moglie. Mel Gibson, un cattolico fondamentalista (ricordate la sua “Passione di Cristo”?), doveva essere il regista del film, ma poi le cose sono cambiate. Ha comunque potuto mettere lingua su certi aspetti della sceneggiatura: e si vede come abbia vinto lui nel plasmare la figura della moglie Ada (Jennifer Ehle): praticamente una martire santa, che segue il marito ad Oxford, sacrificando la propria vita per i figli e l’impresa del marito, senza mai un dubbio o un litigio, e prendendone le difese in prima persona con i cattedratici dell’università, che odiano il marito.

Il quarto rapporto umano principale è quello tra Minor e il Dott. Brayne (Stephen Dillane), questo molto ben presentato, perché all’inizio possiamo notare i metodi umani da parte del medico verso il paziente, che – schizofrenia a parte – è riconosciuto da Brayne come una grande persona. Ma, alla fine, in seguito all’ennesima crisi di Minor, Brayne abbandona l’umanità ed inizia a trattare la malattia dell’ex chirurgo con draconiana violenza, decretando sostanzialmente la fine mentale dell’uomo.

Personalmente, ho apprezzato tantissimo questo lungometraggio: immaginate quanto sia difficile rendere avvincente una storia di due ore sostanzialmente basata su una enormericerca lessicale. Difetti? Sì, a parte la santificazione della moglie di Murray, continuo ad odiare la steadycam non ammortizzata; il regista, probabilmente spaventato dalla possibile lentezza della trama, ci propina scene mosse per più di metà del film… e, insomma, basta. Nei film odierni, se non sono di guerra, si possono anche fare le inquadrature fisse, senza costringere lo spettatore ad uscire dalla sala tutte le volte con il mal di mare.

Ritornando ai lati positivi, aggiungo l’eccellente prova di un Sean Penn, che alla fine della storia arriva un po’ a gigioneggiare, ma che si dimostra una spanna sopra agli altri pur bravi attori. Sua la splendida frase, pronunciata in manicomio, di una pellicola da promuovere: “Quando leggo, volo via da qui”.

Titolo originale: The Professor and the Madman
Lingua originale: inglese
Paese di produzione: Irlanda
Anno: 2019
Durata: 124 min
Genere: biografico, drammatico
Regia: P. B. Shemran
Soggetto: dal libro di Simon Winchester
Sceneggiatura: Todd Komarnicki, P. B. Shemran
Produttore: Nicolas Chartier, Gastón Pavlovich
Produttore esecutivo: Dominic Rustam, Zev Foreman, Peter McAleese, Tyler Zacharia, Manu Gargi
Casa di produzione: Voltage Pictures, Fábrica de Cine
Distribuzione in italiano: Eagle Pictures
Fotografia: Kasper Tuxen
Montaggio: Dino Jonsäter
Effetti speciali: Danilo Bollettini
Musiche: Bear McCreary
Scenografia: Tom Conroy

Interpreti e personaggi

Mel Gibson: James Murray
Sean Penn: William Chester Minor
Natalie Dormer: Eliza Merrett
Jennifer Ehle: Ada Murray
Eddie Marsan: sig. Muncie
 

It – Capitolo due

Assolutamente non all’altezza del suo gradevolissimo predecessore, “It 2” di Andy Muschietti fallisce nel mancato ...

Once Upon A Time In… ...

E’ chiaro, a suo modo Tarantino si è morigerato. Sebbene su un campo da gioco completamente diverso, “OATIH” conferma la ...

La Casa di Jack

di Samaang Ruinees (recensione che trovate sulla pagina Facebook di Horror House) Jack è un ingegnere che vuole essere un architetto. Jack ...

The Boys (Stagione 1)

Quando iniziò a circolare la voce di un progetto che avrebbe portato sul piccolo schermo una serie basata sul fumetto “The ...

Midsommar – Il Villaggio dei ...

di Micky Cardilicchia (recensione presente sulla pagina Horror House) Dopo quella perla di “Hereditary”, le mie aspettative sul ...