BLACK NITE CRASH
Conflict of Disinterest

[ Neon sight - 2019 ]
8
 
Genere: Shoegaze, Psychedelic Rock
 
26 Aprile 2019
 

Cercare di catalogare in maniera specifica l’ultimo album dei Black Nite Crash sarebbe veramente un peccato. La band di Seattle con il nuovo lavoro in studio “Conflict of Disinterest” sale a quota quattro full leight e lo fa in maniera egregia. Una miscela di Shoegaze saturato da quella vena di Psychedelic Rock ma piena zeppa di contaminazioni Alternative rock che riescono veramente a dare un valore aggiunto al tutto.
Il disco è una vera e propria prova di dinamica tra melodie sognanti e muri di chitarre impazzite che fischiano quasi all’unisono . Un’atmosfera satura di Fuzz vecchio stile e che ricorda band come The Jesus & Mary Chain , a tratti The Pixes assieme ai nostri New Candys. E se il muro generato dalle stesse distorsioni impazzite vi spaventa, non preoccupatevi, le varie chitarre in gioco si intrecciano abilmente senza mai rubarsi il posto l’una con l’altra. La voce baritonale, leggera e poco marcata, funge da legante alla pasta perfetta di suoni che incanta dal primo all’ultimo secondo e che risulta sempre perfettamente bilanciata.

Il disco non perde un colpo in questi 45 minuti scarsi, al contrario sale incessantemente fino alla prova finale “Bring it Down” superata brillantemente. E anche se nel complesso il songwriting non è freschissimo il tutto viene bilanciato da una produzione ruvida, graffiante e veramente di livello che riesce a rendere meno banale quel mid-tempo ricorrente e molto caratteristico. Veramente stupendo assistere all’evoluzione di gruppi del genere che, anche se esperti in materia, non finiscono mai di stupire.
Ci lascia a bocca aperta questo nuovo disco dei Black Nite Crash, un ottimo lavoro che riesce a condensare alla perfezione ciò di raccolto nel sottobosco dell’ Alt Rock, “Conflict of Disinterest “ infatti è un viaggio importante, qualcosa che ricorda un’esperienza straordinaria ed inusuale, come se in un giorno di pioggia uscisse il sole ma continuasse a piovere violentemente .

Tracklist
1. We Live Too Late
2. Heart Of Stone
3. Here It Comes
4. All The Times I Never Slept
5. Somebody Kill Me
6. Bridges Back
7. Come Easy
8. This Is Mine
9. Bring It Down
 
 

Lonely Guest – Lonely Guest

Una pruriginosa irrequietezza si insinua alle prese con questo “Lonely Guest” nel sapere che dietro questo pseudonimo si ...

W.H. Lung – Vanities

Secondo album per la band di Manchester dopo il meritato successo dell’esordio “Incidental Music” pubblicato nella ...

Marissa Nadler – The Paths of ...

Dicono che Marissa abbia avuto l’ispirazione per le canzoni di questo suo nono album in parte dalle visioni in lockdown della serie ...

Penelope Isles – Which Way To ...

E’ ovviamente un grande piacere poter ascoltare il sophomore dei Penelope Isles, che già ci avevano ben impressionato con il loro ...

Jerry Cantrell – Brighten

Torna come solista dopo diciannove anni il grande chitarrista e fondatore degli Alice in Chains, Jerry Cantrell, anche se questa volta lo fa ...