THE AVENGERS ENDGAME

 
 
di
26 Aprile 2019
 

Non si può parlare di “Avengers Endgame” senza osservare un paio di fattori.
Anzitutto che “Endgame” è il film che chiude la saga cinematografica più importante degli ultimi dieci, o anche venti, anni. In molti faticano a riconoscerlo, ma l’importanza dell’operazione iniziata da Marvel e Disney 11 anni orsono con “Iron Man” è lampante e innegabile, e non si riduce al discorso degli incassi faraonici. Chiunque si rechi a vedere “Endgame” in un multisala può constatare da se quanto le uscite dedicate a supereroi, Marvel o meno, ormai monopolizzino l’offerta dei cinema. Anche il microcosmo italiano, nel suo piccolo, negli ultimi anni è stato influenzato da questo modo di fare cinema.

Non si può poi trascurare che “Endgame” chiuda di fatto un discorso complessissimo, sviluppato verticalmente e orizzontalmente nel giro di 11 anni e 21 pellicole. Che rappresenti dunque l’epilogo di una saga di una complessità narrativa come il cinema non ne aveva mai visto. Un’articolatezza narrativa tipica del mondo dei fumetti, lontana dalla linearità delle grandi saghe cinematografiche degli anni ’80 e ’90, che però è riuscita ad avvicinare a questo mondo milioni di persone che non hanno mai aperto un albo.

Messane in chiaro l’importanza, è tempo di parlare del film. E’ straordinario, punto, period come si dice in U.K.. Tre film in uno, ha scritto qualcuno, anche quattro o cinque dico io. Moltiplicato per due, una volta per i generi che vengono scandagliati, una volta per i toni utilizzati. Si ride a crepapelle, ulteriore segno di quanto nel corso di questi dieci anni i personaggi siano stati costruiti così bene da farci risultare familiare e comprensibile ogni battutina che li riguardi. Si piange ancor più. Difatti, se si volesse impiutare a qualcosa a “Endgame”, sarebbe la quantità di momenti drammaticamente intensi che contiene. Tuttavia, data la mole di storyline che il film è chiamato a chiudere non si riesce a pensare ad una soluzione diversa.

Inutile anche parlare di CGI e battaglie. Con una complessità e una fluidità mai viste, gli ultimi venti minuti di “Engame” segnano un punto di arrivo, e probabilmente di partenza, per questa specialità cinematografica.

Che sia anche il film in cui dare l’addio ad alcuni personaggi maggiori lo sapete tutti, ovviamente non scrivo quali. Così come sapete tutti che l’universo cinematico Marvel persevererà nel suo modello per altri 10, forse anche 20 anni. Finchè gli incassi saranno dalla sua parte. Sarà però un’impresa ardua instaurare tra gli spettatori e i nuovi personaggi il legame che si era creato con alcuni dei vecchi, grazie anche a interpetazioni letteralmente iconiche.

Diretto da: Anthony Russo, Joe Russo
Prodotto da: Kevin Feige
Sceneggiatura: Christopher Markus, Stephen McFeely
Cast: Robert Downey Jr., Chris Evans, Mark Ruffalo, Chris Hemsworth, Scarlett Johansson, Jeremy Renner, Don Cheadle, Paul Rudd, Brie Larson, Bradley Cooper, Josh Brolin
Musiche di: Alan Silvestri
 

The End Of The F***ing World ...

Forse, anzi sicuramente, perché ha perso l’effetto sorpresa della prima stagione, diverte e stupisce un po’ meno di quanto ci ...

Il Campione

Ennesima variazione su tema rapporto studente difficile/professore, del quale ricalca dinamiche e topoi, “Il campione” è la ...

The Laundromat (Panama Papers)

Non che gli ultimi film (numerosi come scoregge dopo una fagiolata) di Steven Soderbergh siano un granchè, ma “The Laundromat” ...

Terminator – Destino oscuro

di Kociss Leardini Chi scrive questa recensione è un grande fan di “Terminator”. Il primo film del 1984 è un capolavoro ...

1994

Non poteva non terminare nel 2011, “1994”. Dopo averne lentamente esplorato l’ascesa nel corso di tre stagioni, il gran ...