THE CHEMICAL BROTHERS
No Geography

[ Virgini EMI - 2018 ]
6
 
Genere: Elettronica
 
di
26 Aprile 2019
 

Nono album in studio per i fratelli chimici, ormai una sorta di divinità dell’elettronica più edibile e ballabile.

Certo, gli ultimi lavori non hanno brillato, e la potenza di fuoco di Rowlands e Simons fa grande affidamento sul repertorio consolidato e sui live, quelli sì, a livelli di assoluta eccellenza.

Ma un passo avanti, sembrava davvero necessario. E quale migliore passo avanti, di uno indietro?

Perché “No Geography”, come ampiamente dichiarato ed anticipato, voleva essere un ritorno alle origini, ad un corredo sonoro minimale, retrò, semplice quanto diretto: beat, campionature, sample, drum machine, è questo l’armamentario di base.

“Eve of Destruction”, in questo senso, è una manifestazione di intenti: la voce modificata, robotica, della norvegese Aurora fa il paio con la rapper nipponica Nene in apertura. Nessun nome altisonante, a questo giro. Una linea di basso semplice, quanto contagiosa, qualche colpo di laser, un’atmosfera che sa tanto di anni 80, di lounge, di funk, di ambient, tremendamente acid house come ai bei tempi. E quelle percussioni tribali, nel finale, che aprono la porta a “Bango”, ed al suo incedere incalzante tra tamburi e limpido scampanellare delle marimba.

La title track “No Geography” è un viaggio sintetizzato e onirico nel cielo, mentre “Got to Keep on” (il video è di Micheal Gondry, già dietro “Star Guitar” e “Let Forever Be”) è un altro carpiato all’indietro lungo qualcosa come 20 anni, dal buon groove. “Gravity Drops”, con le sue percussioni e nervose scariche di organo sintetico (à la Aphex Twin, verrebbe da dire) è ricercatamente ipnotica, di certo non indimenticabile. Idem per la successiva sorniona, da psichedelia in cristalli, “The Universe Sent Me”.

“We’ve Got to Try” piacerà ai fan della F1 nella sua versione accelerata usata nella pubblicità di lancio della stagione 2019, ma è robbetta, così come “Free Yourself”, per quanto le sonorità provino a riattivare col rumore techno-house i tessuti nervosi, con l’immancabile salto all’indietro verso i primi anni 90: quelli dei rave, che vengono riesumati simbolicamente nella mefistiaca “MAH”, prima del tempo dei saluti con “Catch Me I’m Falling”.

Il viaggio coi The Chemical Brothers non va mai rifiutato: è questione di rispetto. Di converso, per quanto probabilmente ci sarà ancora più carne da mettere sul fuoco delle performance dal vivo, la cui resa sarà verosimilmente di gran qualità, quando le aspettative sono alte e non ci sono momenti degni di particolare nota è facile e comprensibile restare un po’ delusi.

Tracklist
01. Eve of Destruction
02. Bango
03. No Geography
04. Got to Keep On
05. Gravity Drops
06. The Universe Sent Me
07. We’ve Got to Try
08. Free Yourself
09. MAH
10. Catch Me I’m Falling
 
 

Vundabar – Either Light

Vundabar. Wonderful per l’altra evoluzione della lingua anglosassone. Brandon Hagen e Drew McDonald  si conoscono dai tempi del ...

Danzig – Danzig Sings Elvis

Il pluriannunciato e lungamente atteso omaggio di Glenn Danzig a Elvis Presley è finalmente qui. Non se ne sta parlando un granché bene ma ...

Rose City Band – Summerlong

L’anno scorso un po’ in sordina è uscito il primo omonimo album del progetto Rose City Band, nome dietro cui si nascondeva e si ...

Happyness – Floatr

Preceduto dai singoli “Vegetable”, “Seeing Eye Do”, “Ouch (yup)” e “title track” con ...

Darman – Necessità interiore

Arriva il nuovo disco di Darman intitolato “Necessità interiore”, un mix di cantautorato rock ed innovazione che passa pure da qualcosa ...