OGGI “POST-NOTHING” DEI JAPANDROIDS COMPIE 10 ANNI

 
di
28 Aprile 2019
 

Vancouver. Due ragazzi, voci che si sovrappongono. Una chitarra elettrica, una batteria. E tanta voglia di farle deflagrare in un distorto rumorosissimo ed inarrestabile la prima, in una precisissima furia la seconda.

Sesta corda abbassata, bassi amplificati, percussioni martellanti ma nitide, gusto anni 90 da chi ha ingerito grunge a cucchiaiate e bevuto garage del più lo-fi per dissetarsi, ma che sa anche come cercare la giusta trama melodica in testi ai limiti del college rock: dei piccoli Hüsker Dü, verrebbe da dire.

Adrenalinici e contagiosi, crudi quanto energetici, Brian King e David Prowse 10 anni fa uscirono con questo loro primo lavoro: da lì, una raffica di colpi fatta di decine e decine di concerti in giro per il mondo ad incendiare i palchi e allo stesso tempo spengerli col sudore.

Il resto, è quasi il presente.

Japandroids – Post-Nothing
Data di pubblicazione: 28 Aprile 2009
Tracce: 8
Lunghezza: 35:44
Etichetta: Unfamiliar Records
Produttori: Japandroids

Tracklist:

1. The Boys Are Leaving Town
2. Young Hearts Spark Fire
3. Wet Hair
4. Rockers East Vancouver
5. Hearts Sweats
6. Crazy/Forever
7. Sovereignty
8. I Quit Girls

 

Oggi “High Voltage” ...

Visto che richiamiamo il 1975 e non il 1976, si fa riferimento all’originaria pubblicazione in Australia, seguita, nello stesso anno, ...

Oggi “Rock ‘n’ ...

Non dovrebbe destar sorpresa un album come “Rock ‘n’ Roll” nella carriera di John, ovvero un accorato tributo al fifties rock, ...

Oggi “Bloodflowers” dei The ...

Dopo quattro anni di silenzio, nel febbraio del 2000, i Cure annunciavano il “loro ultimo lavoro” dal titolo “Bloodflower”, ...

Oggi “Shake Your Money ...

Prendete il blues elettrico del profondo sud degli States, una buona dose di bourbon, una manciata di profumato tabacco, un incrocio ...

Oggi “Smart” degli ...

Non solo delle sole quote rosa di Elastica ed Echobelly si nutrì il britpop. Perché la metà degli anni novanta, insieme ai mostri sacri ...