OGGI “POST-NOTHING” DEI JAPANDROIDS COMPIE 10 ANNI

 
di
28 aprile 2019
 

Vancouver. Due ragazzi, voci che si sovrappongono. Una chitarra elettrica, una batteria. E tanta voglia di farle deflagrare in un distorto rumorosissimo ed inarrestabile la prima, in una precisissima furia la seconda.

Sesta corda abbassata, bassi amplificati, percussioni martellanti ma nitide, gusto anni 90 da chi ha ingerito grunge a cucchiaiate e bevuto garage del più lo-fi per dissetarsi, ma che sa anche come cercare la giusta trama melodica in testi ai limiti del college rock: dei piccoli Hüsker Dü, verrebbe da dire.

Adrenalinici e contagiosi, crudi quanto energetici, Brian King e David Prowse 10 anni fa uscirono con questo loro primo lavoro: da lì, una raffica di colpi fatta di decine e decine di concerti in giro per il mondo ad incendiare i palchi e allo stesso tempo spengerli col sudore.

Il resto, è quasi il presente.

Japandroids – Post-Nothing
Data di pubblicazione: 28 Aprile 2009
Tracce: 8
Lunghezza: 35:44
Etichetta: Unfamiliar Records
Produttori: Japandroids

Tracklist:

1. The Boys Are Leaving Town
2. Young Hearts Spark Fire
3. Wet Hair
4. Rockers East Vancouver
5. Hearts Sweats
6. Crazy/Forever
7. Sovereignty
8. I Quit Girls

 

Oggi “Wolfgang Amadeus ...

Ricordo con molto piacere questo agile, colorato e spigliatissimo disco dei francesi Phoenix. All’epoca li avevo etichettati come ...

Oggi “A New Kind Of Army” degli ...

Questo Sistema non è stato costruito per noi e di conseguenza non può occuparsi delle nostre necessità – non lo ha mai fatto in passato ...

Oggi “Diamond Dogs” di ...

”Diamond Dogs” fu uno dei dischi più belli e controversi mai prodotti da David Bowie. Inizialmente pensato come un concept su uno dei ...

Oggi “The Man Who” dei ...

Sui prodromi del cedimento del britpop se ne è parlato tanto. E su quanta era comunque la voglia del pubblico di avere ancora del rock ...

Oggi “Grab That Gun” ...

24 maggio 2004. Un unico disco, una perla sola per poi dissolversi nella nebbia senza un motivo apparente. Il mio più grande rimpianto ...