ALBUM: ILAMB
L’altrà Meta’ di Me

 
Tags: ,
29 Aprile 2019
 

Il mondo discografico prolifica e trae vigore non solo dai grandi nomi ma anche da piacevoli scoperte come quella del duo palermitano chiamato “Ilamb”.
Un duo maschile, composto da padre e figlio , la cui complementarietà giova a tutto tondo sull’esito delle composizioni.
Il primo, Gaetano, è il maggior compositore nonché raffinato cesellatore nella scelta degli arrangiamenti, il secondo, Davide, sorprendente maestro di chitarra.
Il fattore che mi sorprese all’uscita del primo lavoro discografico, datato 2016, fu la perizia negli arrangiamenti nonché la produzione di altissimo livello.

Il primo lavoro “Trip to heaven”, a detta dell’autore che me ne raccontò la genesi, raccoglie composizioni ideate nell’arco di diverso tempo, cristallizzate su cd solo nel 2016.
Nonostante questa “attesa” in realtà i pezzi formano un voluto concept attorno all’idea della crescita e della maturazione, un po’ come è avvenuto per le stesse canzoni, che riprese ed unificate dall’autore hanno beneficiato dell’idea unitaria che vi soggiace e che sono state arricchite dai nuovi arrangiamenti oltre che dall’intervento del figlio Davide.
Se dovessi riassumervi in che ambiti sonori possiamo racchiudere questo album d’obbligo è ricordare il lato più nobile del pop nonchè il progressive inglese anni ’70, sicuramente quello più morbido e gentile di gruppi come Gentle Giant, Genesis o Camel senza alcuna pretesa di sperimentalismo o fusione jazzistica propria della scuola di Canterbury.
Alla perfetta riuscita di questo lavoro concorrono diversi fattori ovvero:
-l’ispirazione compositiva che rende il disco duraturo nel tempo;
-nonostante i riferimenti citati, non un mero disco di recupero di sonorità già sentite o mero esercizio manieristico ma anzi un lavoro che si fa notare proprio per la personalità che sprigiona;
– la cura negli arrangiamenti e nella produzione;
– il non cadere mai in pacchianerie del prog più barocco o verso sonorità prossime all’aor ottantiano;
– il suono che Davide sprigiona dalla sua chitarra, senza inutili tecnicismi ma con l’impressione che la stessa ci stia “parlando”;
Se potessi recitare una formula sintetica immaginate che questo “Trip to Heaven” potrebbe essere quell’ “Endless River” che i Pink Floyd avrebbe potuto e dovuto pubblicare post “Division Bell”.

Di recentissima uscita è invece il loro nuovo e secondo album, “L’altrà Meta’ di Me”, che rispetto a “Trip to Heaven” presenta una serie di brani nell’idioma italiano e una vita compositiva che raccoglie idee ed ispirazione degli ultimi due/tre anni.
In questo caso pertanto è ovvia la novità nella scelta del cantato in italiano , con predilezione per temi universali quali l’accoglienza , l’amore che sboccia e che finisce, la speranza in valori duraturi che possano superare ostacoli quali la morte e il tempo che scorre.
Si respira per tutto il lavoro una forte sensazione di malinconia e di pacifica serenità ma mai di blanda rassegnazione, sia nei testi che nelle sonorità, più morbide rispetto al primo lavoro e con minori fughe strumentali rispetto all’esordio, fermo restando che quasi tutti i pezzi non si fermano alle canoniche tempistiche da singolo ma esplorano con dovizia e dilatandole le sensazioni che si vogliono trasmettere.
La chitarra di Davide si conferma di straordinaria emotività, un giovane e promettente Gilmour, sempre circondato da ariosi (ma mai barocchi) arrangiamenti a cura del padre, che si cimenta al canto, non un virtuoso ma scevro da toni declamatori o cadute di tono.

Ilamb si confermano quindi come una promessa mantenuta del neo prog italiano, anche se il termine “prog” a mio avviso con questo lavoro risulta un po’ stretto ma lo citiamo in chiusura in quanto loro vengono ancora definiti sotto tale etichetta.

 

Ryley Walker in Italia a febbraio

Ci fa sempre molto piacere che Ryley Walker torni in Italia, specialmente ora, dopo che è riuscito a sconfiggere i suoi problemi personali, ...

Nuovo album di Beck a fine ...

A distanza di due anni da “Colors” ecco il ritorno di Beck con un nuovo LP, il suo quattordicesimo: “Hyperspace”, in ...

King Gizzard And The Lizard Wizard ...

Partiamo col botto. Ritardi classici con Trenitalia, sarei dovuto arrivare alle 11:30 da Trento e invece sono arrivato alle 13:30, ma Milano ...

IDLES: “A Beutiful Thing: ...

Irrefrenabili IDLES. Dopo l’uno-due pazzesco dei primi due LP, è tempo di un Live album, registrato nel prestigioso Le Batalcan e ...

Ascolta “Against the Day” il ...

Più di due anni dopo l’uscita di “Cry, Cry, Cry”, i canadesi Wolf Parade sono tornati con nuova musica. Il loro ultimo ...