DAMIEN JURADO
In the Shape of a Storm

[ Mama Bird Recording Co/Loose Music - 2019 ]
5.5
 
Genere: Cantautore, Folk
 
29 Aprile 2019
 

Non è un disco che si possa definire banalmente “brutto”, il nuovo del cantatore folk Damien Jurado ma di fatto nemmeno così memorabile.

“In the Shape of a Storm” giunge a un solo anno dal suo precedente lavoro, e ciò potrebbe sottintendere una sorta di urgenza creativa in seno al Nostro; quello che ne risulta però mi viene da associarlo più a un altro termine: mestiere.

Sì, anche un genere come il folk può essere eseguito con il “pilota automatico” e che il 46enne di Seattle conosca egregiamente la materia e la sappia maneggiare con cura e maestria è indubbio, oltre che certificato dalla sua grande prolificità discografica.

Attenzione però, il mio intento non è assolutamente quello di denigrare: chi scrive è anzi appassionato di certe istanze, di sonorità raccolte e intimiste, tanto che attendevo con curiosità questo disco, proprio per avere apprezzato molto il recente”The Horizon Just Laughed”. Quello infatti rappresentava un bel ritorno alle origini, con l’autore che mai prima d’ora era stato così viscerale e sincero nel mettere a nudo il proprio io interiore e il proprio vissuto.

Il registro sonoro non varia poi molto in queste dieci tracce, con Jurado impegnato alla chitarra acustica e in esibizioni al più minimali, con piccole variazioni sul tema (penso alla ritmata “Where You Want To Be”, l’unica con una melodia orecchiabile e riconoscibile) ma stavolta a mancare è soprattutto l’ispirazione.

Registrato in due ore, il disco dura meno di trenta minuti e scorre via senza sussulti, emozionando purtroppo raramente.

Le due canzoni che assolvono questo nobile compito sono quelle che precedono in scaletta la già citata “Where You Want To Be”: una malinconica “South” che si avvale di un’ interpretazione sofferta e la dolce ballata “Throw Me Now Your Arms”. Situate a metà dell’opera, ne rappresentano bene il fulcro, per il resto tuttavia le canzoni sembrano assemblate senza omogeneità narrativa (e questa è un po’ la differenza principale che emerge rispetto ad altri suoi dischi in catalogo).

Basti pensare che l’iniziale “Lincoln”, quella che maggiormente possiede il suo “marchio di fabbrica” è stata scritta ben 20 anni fa e poi lasciata per un motivo o nell’altra nel simbolico cassetto. Ma a quanto dichiarato dall’artista, anche altre canzoni poi qui confluite, erano già state abbozzate e improntate da tempo e attendevano solo di avere il giusto sbocco discografico.

A volte si ha la necessità di recuperare cose perdute, per poi rielaborarle prima di chiudere una parentesi della propria vita, e forse il compito di “In the Shape of a Storm” è proprio questo.

Ci auguriamo che ciò faccia da preludio a una nuova felice stagione per Damien Jurado, che rimane uno dei talenti più puri del panorama folk odierno.

Foto Credit: Vikesh Kapoor

Tracklist
1. Lincoln
2. Newspaper Gown
3. Oh Weather
4. South
5. Throw Me Now Your Arms
6. Where You Want Me to Be
7. Silver Ball
8. The Shape of a Storm
9. Anchors
10. Hands on the Table
 
 

Stian Westerhus – Redundance

Con la classe e la competenza tipica del vero musicista, Stian Westerhus prosegue il suo particolarissimo percorso di evoluzione artistica ...

Anna Calvi – Hunted

Non sono rari al giorno d’oggi i casi di album che vengono rivisti, rimaneggiati – con chiavi di lettura di volta in volta ...

Birthh – Whoa

E’ italianissima, ma non lo diresti mai, almeno riferendosi alla sua musica e al suo universo di riferimento. Alice Bisi – che a ...

Jet Set Roger – Un rifugio ...

Jet Set Roger (alias Roger Rossini) è un artista a cui non piace certo vincere facile, e lo dimostra una volta di più con il suo nuovo ...

Hilary Woods – Birthmarks

Il nome di Hilary Woods a queste latitudini potrebbe non dire granché, ma immagino che (almeno) gli appassionati di britpop e dintorni non ...