KEVIN MORBY
Oh My God

[ Dead Oceans - 2019 ]
8.5
 
Genere: indie-rock,folk-rock
 
29 aprile 2019
 

Kevin Morby l’abbiamo conosciuto nei Woods prima e nei Babies poi, ma la sua carriera solista, partita nel 2013 con il suo debutto “Harlem River”, sta mettendo in luce tutte le sue notevoli qualità.

Il suo quarto LP, “City Music”, è stato uno dei migliori del 2017, finendo in numerosissime e prestigiose Top 10 di fine anno in giro per il globo, e questo weekend è arrivato il suo atteso seguito, “Oh My God”.

Il nuovo disco, che lo ha visto (tra l’altro) abbandonare la sua vecchia band che lo aveva accompagnato negli ultimi tour (e aveva anche partecipato attivamente alla sua fatica precedente), tratta di religione: pur non essendo particolarmente legato all’aspetto religioso, il musicista nativo del Texas si è detto interessato a essa, definendola nella press-release come “uno strumento utile all’interno del mio songwriting, poichè è qualcosa con cui tutti possono relazionarsi a un certo livello.”

Fatta questa premessa, Morby, per questo suo quinto LP, lascia quasi in disparte la chitarra per fare posto a fiati, piano, archi, utilizzare cori angelici ed esplorare mondi a lui sconosciuti come quello del gospel. Sicuramente quel senso poetico che, anche questa volta pervade le sue canzoni, lo aiuta a far funzionare il suo nuovo lavoro.

L’atmosfera che sa creare fin dall’apertura con la title-track “Oh My God” ci fa entrare immediatamente in questo suo nuovo mondo: piano, arrangiamenti di grande valore, un suono che emette il calore che stavamo cercando e uno splendido e morbido sax nel finale sono tutti ingredienti che ci fanno intuire le potenzialità che questo disco ci potrà riservare nei successivi quarantacinque minuti.

Il singolo “No Halo” inizia con un handclapping e si trasforma pian piano in un raffinato brano dalle influenze jazz, pieno di fiati dalla splendida eleganza, mentre nel finale di “Seven Devils”, dall’atmosfera piuttosto riflessiva e malinconica, troviamo un inaspettato, ma assolutamente gradito, assolo di chitarra, probabilmente una delle ultime cortesie di Meg Duffy.

Molto triste “Piss River”, ma impreziosita dal suona dell’arpa di Mary Lattimore, sempre una garanzia in ogni collaborazione a cui presta il suo aiuto; la conclusiva “O Behold”, invece, è il momento più tenero e pensante di questo album e mette i brividi con l’ennesimo coro angelico del disco.

Molto particolare “Congratulations”: la traccia inizia con le voci di bambini e donne che chiedono a Dio di perdonarle e prosegue con un’atmosfera molto più gioiosa e luminosa, prima con percussioni dall’aspetto deciso, poi con synth e fiati, che danno un ulteriore tocco di raffinatezza a questo già pregiato lavoro.

Forse “Oh My God” non sarà un disco religioso nel senso che possiamo normalmente intendere, ma quel suo senso di poesia e spiritualità che lo circondano lo rendono davvero speciale, senza ovviamente sottovalutare la bravura di Kevin Morby.

Un album che ancora una volta ci lascia ad ammirare la classe del musicista nativo del Texas: il suo percorso evolutivo continua nella direzione giusta e anche questo LP ci sembra essere uno di quelli destinati a rimanere a lungo.

Tracklist
1. Oh My God
2. No Halo
3. Nothing Sacred / All Things Wild
4. OMG Rock N Roll
5. Seven Devils
6. Hail Mary
7. Piss River
8. Savannah
9. Storm (Beneath the Weather)
10. Congratulations
11. I Want To Be Clean
12. Sing A Glad Song
13. Ballad Of Faye
14. O Behold
 
 

Ginevra Di Marco e Cristina ...

Ginevra Di Marco e Cristina Donà ce l’hanno fatta. Avevamo parlato lo scorso gennaio della loro voglia di fare un disco insieme e della ...

Richard James Simpson – Deep ...

Classe 1967, californiano, Richard James Simpson come secondo album da solista tira fuori un lavoro oscuro, disturbante, conturbante, cosa ...

The Leisure Society – ...

Gradito ritorno quello dei Leisure Society, che, dopo quattro anni esatti di silenzio (il loro LP più recente era “The Fine Art Of ...

Interpol – A Fine Mess EP

Ritrovata produttività per Paul Banks e soci che solo dopo un anno dall’uscita di “Marauder” piazzano anche questo EP di ...

Frank Carter & The Rattlesnakes ...

Frank Carter sembra aver finalmente trovato la sua dimensione ideale. O quasi, almeno. I primi due album prodotti in compagnia dei ...