OGGI “CLOUDS” DI JONI MITCHELL COMPIE 50 ANNI

 
1 maggio 2019
 

Parlando di Roberta Joan Anderson in arte Joni Mitchell si tende spesso a ricordare il periodo di “Ladies of the Canyon”, “Blue” e “For the Roses” (primi anni settanta) o quello successivo che ruota intorno a “The Hissing of Summer Lawns” e “Hejira”. Album che non sarebbero nati se non fosse esistita la Joni degli anni sessanta: quella del sodalizio con David Crosby, dell’esordio “Song to a Seagull” e di “Clouds” che oggi arriva alla mezza età in ottima forma. Roberta Joan Anderson era una giovane donna di venticinque anni quando l’ha registrato ma aveva idee già molto chiare sia a livello di performance che di produzione.

“Clouds” è un album folk che rivela la bravura di Joni Mitchell non solo come cantante ma anche il suo talento nel comporre canzoni delicate, senza tempo. Accompagnata solo dalla fida chitarra acustica, con l’aiuto di Stephen Stills al basso, la Mitchell crea uno dei suoi dischi più intimi, eterei e ispirati (ascoltare per credere “The Gallery”) e si riappropria di brani ceduti ad altri artisti che li avevano portati al successo: il dibattito tra chi ama le versioni di “Chelsea Morning” e “Both Sides, Now” cantate rispettivamente da Gloria Loring e Judy Collins e chi preferisce quelle che si ascoltano in “Clouds” è ancora aperto.

Joni Mitchell dell’album è anche produttrice (tranne “Tin Angel” affidata a Paul A. Rothchild) e autrice dell’autoritratto in copertina. “Clouds” ha ottenuto un buon successo, arrivando al trentaduesimo posto nelle classifiche americane e al ventiduesimo in quelle canadesi, premiato anche con un Grammy Award per la miglior performance folk nel 1970. Cinquant’anni dopo resta un album che colpisce e riesce a trasmettere emozioni con semplicità soprattutto in brani a cappella come “The Fiddle and the Drum”, accorata denuncia della guerra del Vietnam cantata da una donna che non aveva nessuna intenzione di restare in disparte.

Data di pubblicazione: 1 maggio 1969
Registrato: A&M Studios, Hollywood (California)
Tracce: 10
Lunghezza: 36:52
Etichetta: Reprise
Produttori: Joni Mitchell, Paul A. Rothchild

Tracklist

1. Tin Angel
2. Chelsea Morning
3. I Don’t Know Where I Stand
4. That Song About the Midway
5. Roses Blue
6. The Gallery
7. I Think I Understand
8. Songs to Aging Children Come
9. The Fiddle and the Drum
10. Both Sides Now

 

5 dischi da isola deserta per The ...

Omaggiare i favolosi ’50 e ’60 e l’epoca beat non è un’operazione nostalgica che guarda esclusivamente al passato, ma un modo per ...

18 maggio 1980: Ian Curtis, i Joy ...

I Joy Division, nonostante la loro breve esistenza come band, sono un riferimento musicale fondamentale, soprattutto per il movimento dark e ...

Oggi “Play” di Moby ...

“Play”, il più grande successo di Richard Melville Hall, in arte Moby, compie 20 anni eppure, oggi come allora, sembra un disco senza ...

Oggi “You Are the Quarry” di ...

“You are the Quarry”  uscì dopo sette lunghissimi anni, facendo sospirare i tanti fan sparsi per il mondo, ma l’attesa ...

Oggi “Grande Rock” dei ...

Seguivo Nicke Royale fin dagli Entombed (quando era ancora Nicke Andersson), figurarsi se non non abbracciavo con amore anche la sua ...