FABER NOSTRUM (LA PRESENTAZIONE DELLA COMPILATION)
Live @ Mercato Centrale (Roma, 30/04/2019)

 
2 maggio 2019
 

Fabrizio De André è cantato da tutti, è l’anello di congiunzione di ogni scena, genere e musicalità. La constatazione è chiara e mostra De André come un portale, un’idea che unisce e allo stesso tempo scorpora ogni idea che abbiamo di pop, popular music, mainstream, cantautorato.

L’enciclopedia più famosa, almeno per la nostra lingua, la Treccani, parlava del cantautorato e della canzone d’autore come un genere: “nuovo e autonomo”: De André in quel filone ha raccontato una città, l’emarginazione sociale e quella umana, e l’ha fatto esattamente con quella novità e autonomia che un autore della canzone italiana dovrebbe avere, anzi possedere nel DNA, come assetto ontologico.

La nuova “scena” italiana con “Faber Nostrum” ha teso un ponte sulla figura e sull’opera di De André, per connettere idealmente il passato al futuro, anzi al contemporaneo.

L’obiettivo, per gli artisti, era quello di proporsi e misurarsi con delle rielaborazioni, capaci di accendersi nella smisurata e complessa leggerezza di Fabrizio.

Lo spirito che si è percepito dalla presentazione a Roma al Mercato Centrale, non è stato quello di celebrare una messa, un rito religioso, ma piuttosto quello di creare una jam-session che ha come sfondo il futuro, il presente e il passato della musica d’autore italiana.

“La Canzone dell’Amore Perduto”, interpretata da Colapesce, anche durante il live, si presenta come uno degli esempi più riusciti e centrati del lavoro, capace di tingere di agrodolce la disperazione, rendendola leggera, al limite del sognante. Altro grande colpo nel disco è tirato fuori dai Ministri, che con “Inverno” reinventano il pezzo nel sound, senza però snaturare l’idea e il calibro originale. Anche The Leading Guy, non abituato a cantare in italiano, è riuscito a scomporre e rimontare “Se Ti Tagliassero a Pezzetti” in un modo sicuramente non canonico e forse, anche per questo, più apprezzabile.

In questi giorni, dopo l’uscita del disco, si è accesa una caccia ai “profanatori” di De Andrè, con un’attitude molto democristiana e per spezzare una lancia a favore di tutti (ma proprio tutti) va ricordato che in fin dei conti questi artisti si sono messi in gioco con un personaggio in cui il confine tra biografia e agiografia è sottile. Per questo è inutile tendere, solo per oggi -non abituatevi- l’arco della polemica e scoccare frecce infuocate (come quelle di Arya nell’ultima puntata di GOT).

Tocca a questo lavoro aprire, una volta per tutte, un varco che tolga quell’alone di intoccabilità a figure come De André, Battisti ecc., e non dico questo per irriverenza o poco rispetto: è fondamentale che per un musicista confrontarsi con un autore così debba essere appagante e non un peso, una gogna mediatica.

De André come ogni autore, poeta e artista, ha bisogno di una gestazione intellettuale e di un’attesa artistica che in operazioni del genere non è sempre realizzabile, per via di tempi stretti e formati da rispettare.

Bello come alla fine della presentazione sia stato possibile sentire direttamente tutti questi artisti confrontarsi con i brani in un live acustico: interessante il set de La Municipal, che interpreta tutto con una mediterranea saudade e una attitude acustica ammirevole.

Nota di merito per l’interpretazione (anche in live) va a Fadi, che ha rivestito e confezionato una versione di “Rimini” rendendola tra tutte il pezzo più sentito, emozionale e anche in un certo senso duro da digerire.
La figura di De Andrè, anche con un lavoro e uno studio del genere, deve infondersi in tutta la canzone italiana per ricordare a ogni artista che bisogna trovare/inventare parole nuove e una diversa cifra stilistica e sonora per raccontare il mondo di oggi.

La cifra stilistica di “Faber Nostrum” è molto pop, un anello di connessione tra De Andrè e un nuovo pubblico: tutto ciò è un ponte, in fin dei conti, necessario per portare l’opera di De Andrè “oltre il confine stabilito”.

 

Bon Iver – Live @ Castello ...

di Fabio Campetti Torna (no) a farsi sentire e vedere in Italia, dopo un bel pezzo, Bon Iver o i Bon Iver, in realtà Justin Vernon, che ...

Kevin Morby – Live @ Rock ...

C’era una volta, in una calda serata infrasettimanale di luglio, una lunga, ma scorrevole, fila al bar della Rock School Barbey. La ...

Ben Harper & The Innocent ...

Ben Harper è ormai un habitué dell’Italia e di Roma sia in solitaria che con i suoi The Innocent Criminals riuniti ormai quattro anni ...

Echo and The Bunnymen – Live ...

di Enrico Sciarrone Quando ho visto Ian Mc Culloch invitare il pubblico, rigorosamente seduto, ad assieparsi sotto al palco quasi a cercarne ...

Mac DeMarco – Live @ Circolo ...

La discesa di Macbriare Samuel Lanyon “Mac” DeMarco era attasa, anzi attesissima. Prova ne è la fila interminabile di persone ...

Recent Comments

No Recent Comments Found