FABER NOSTRUM (LA PRESENTAZIONE DELLA COMPILATION)
Live @ Mercato Centrale (Roma, 30/04/2019)

 
2 Maggio 2019
 

Fabrizio De André è cantato da tutti, è l’anello di congiunzione di ogni scena, genere e musicalità. La constatazione è chiara e mostra De André come un portale, un’idea che unisce e allo stesso tempo scorpora ogni idea che abbiamo di pop, popular music, mainstream, cantautorato.

L’enciclopedia più famosa, almeno per la nostra lingua, la Treccani, parlava del cantautorato e della canzone d’autore come un genere: “nuovo e autonomo”: De André in quel filone ha raccontato una città, l’emarginazione sociale e quella umana, e l’ha fatto esattamente con quella novità e autonomia che un autore della canzone italiana dovrebbe avere, anzi possedere nel DNA, come assetto ontologico.

La nuova “scena” italiana con “Faber Nostrum” ha teso un ponte sulla figura e sull’opera di De André, per connettere idealmente il passato al futuro, anzi al contemporaneo.

L’obiettivo, per gli artisti, era quello di proporsi e misurarsi con delle rielaborazioni, capaci di accendersi nella smisurata e complessa leggerezza di Fabrizio.

Lo spirito che si è percepito dalla presentazione a Roma al Mercato Centrale, non è stato quello di celebrare una messa, un rito religioso, ma piuttosto quello di creare una jam-session che ha come sfondo il futuro, il presente e il passato della musica d’autore italiana.

“La Canzone dell’Amore Perduto”, interpretata da Colapesce, anche durante il live, si presenta come uno degli esempi più riusciti e centrati del lavoro, capace di tingere di agrodolce la disperazione, rendendola leggera, al limite del sognante. Altro grande colpo nel disco è tirato fuori dai Ministri, che con “Inverno” reinventano il pezzo nel sound, senza però snaturare l’idea e il calibro originale. Anche The Leading Guy, non abituato a cantare in italiano, è riuscito a scomporre e rimontare “Se Ti Tagliassero a Pezzetti” in un modo sicuramente non canonico e forse, anche per questo, più apprezzabile.

In questi giorni, dopo l’uscita del disco, si è accesa una caccia ai “profanatori” di De Andrè, con un’attitude molto democristiana e per spezzare una lancia a favore di tutti (ma proprio tutti) va ricordato che in fin dei conti questi artisti si sono messi in gioco con un personaggio in cui il confine tra biografia e agiografia è sottile. Per questo è inutile tendere, solo per oggi -non abituatevi- l’arco della polemica e scoccare frecce infuocate (come quelle di Arya nell’ultima puntata di GOT).

Tocca a questo lavoro aprire, una volta per tutte, un varco che tolga quell’alone di intoccabilità a figure come De André, Battisti ecc., e non dico questo per irriverenza o poco rispetto: è fondamentale che per un musicista confrontarsi con un autore così debba essere appagante e non un peso, una gogna mediatica.

De André come ogni autore, poeta e artista, ha bisogno di una gestazione intellettuale e di un’attesa artistica che in operazioni del genere non è sempre realizzabile, per via di tempi stretti e formati da rispettare.

Bello come alla fine della presentazione sia stato possibile sentire direttamente tutti questi artisti confrontarsi con i brani in un live acustico: interessante il set de La Municipal, che interpreta tutto con una mediterranea saudade e una attitude acustica ammirevole.

Nota di merito per l’interpretazione (anche in live) va a Fadi, che ha rivestito e confezionato una versione di “Rimini” rendendola tra tutte il pezzo più sentito, emozionale e anche in un certo senso duro da digerire.
La figura di De Andrè, anche con un lavoro e uno studio del genere, deve infondersi in tutta la canzone italiana per ricordare a ogni artista che bisogna trovare/inventare parole nuove e una diversa cifra stilistica e sonora per raccontare il mondo di oggi.

La cifra stilistica di “Faber Nostrum” è molto pop, un anello di connessione tra De Andrè e un nuovo pubblico: tutto ciò è un ponte, in fin dei conti, necessario per portare l’opera di De Andrè “oltre il confine stabilito”.

 

Torneremo presto sotto un ...

Per cause di forze maggiore, quelle che tutti abbiamo ben presenti, la nostra rubrica dei “Live Report” è ferma. Ma è solo un ...

The Hold Steady + Martha – ...

Sono passati parecchi anni da “Teeth Dream”, l’ultimo album in ordine cronologico degli Hold Steady: lo scorso agosto, però, ci ha ...

Algiers – Live @ Monk (Roma, ...

Con una nuova raccolti di inediti da promuovereall’altezza della loro fama “underground”, gli Algiers si presentano in uno dei ...

Big Thief – Live @ Locomotiv ...

C’era trepidante attesa per questa data, la prima indoor in terra italica come ci tiene a sottolineare Adrianne Lenker, dei Big Thief ...

Beatrice Antolini – Live @ ...

Dopo la partecipazione al 70° Festival di Sanremo, come splendida direttrice d’orchestra per Achille Lauro, e poco prima della ripartenza ...