WINTERSLEEP
In The Land Of

[ Dine Alone - 2019 ]
7
 
Genere: indie-rock
 
2 Maggio 2019
 

A distanza di tre anni dal loro precedente, “The Great Detachment”, i Wintersleep sono tornati qualche settimana fa con questo loro settimo album, il secondo realizzato per la sempre prestigiosa etichetta canadese Dine Alone Records.

“In The Land Of” puo’ sembrare un titolo incompleto e forse lo è e ha a che vedere con il territorio in cui la band vive, in questo caso il Canada: si parla di geografia sia reale che immaginaria. I territori che ci circondano sono costruiti in relazione a chi ci abita, nello stesso modo in cui le nostre identità sono in relazione con la terra. Ovviamente entrambe le cose possono cambiare durante il nostro percorso vitale e, alcune volte, ci possiamo sentire fuori luogo all’interno del nostro paese natale.

Sebbene il tono delle canzoni e, appunto, dei suoi testi possa essere quantomeno malinconico, la band di Halifax riesce sempre a mantenere comunque una strumentazione dall’atmosfera piuttosto sostenuta: la bellissima “Benificiary”, per esempio, che parla del genocidio perpretrato contro le popolazione indigene, ha comunque un ritornello estremamente catchy, con un uso dell’elettronica che ci sposta verso territori dancey.

“Never Let You Go”, che cita problemi di comunicazione con gli amici e la famiglia, ha comunque un ritmo allegro dai profumi classici e semplici, mentre la successiva “Soft Focus”, con le sue rumorose chitarre, ci presenta una melodia decisamente gratificante.

“In The Land Of” è un album indie-rock sincero e solido che mostra, per l’ennesima volta, come i Wintersleep sappiano creare un prodotto valido e affascinante, pur senza dover rischiare troppo con sperimentazioni che li potrebbero portare totalmente fuori strada.

Foto Credit: Norman Wong

Tracklist
1. Surrender
2. Forest Fire
3. Beneficiary
4. Into The Shape Of Your Heart
5. The Lighthouse
6. Never Let You Go
7. Soft Focus
8. Waves
9. Terror
10. Free Pour
 
 

Pearl Jam – Gigaton

Sono abbastanza stufo di sentire da più parti certi commenti riguardo a band che farebbero meglio a ritirarsi in quanto non hanno più ...

Four Tet – Sixteen Oceans

Viaggi mentali – parte prima. Visti i tempi di semi – clausura forzata non resta che viaggiare col cervello. Il nuovo disco di Kieran ...

Roger Eno and Brian Eno – ...

di Luca Rigato Credo che i due fratelli Eno non abbiano bisogno di molte presentazioni. Non è neanche la prima volta che collaborano ...

Moaning – Uneasy Laughter

I Moaning, dopo i buoni riscontri ottenuti dal loro omonimo debutto sulla lunga distanza, uscito proprio due anni fa, ritornano questo ...

Ultraista – Sister

Viaggi mentali – parte seconda. Ci sono voluti otto anni agli Ultraísta per dare un successore all’esordio omonimo ma “Sister” ...