OGGI “OCEAN RAIN” DEGLI ECHO AND THE BUNNYMEN COMPIE 35 ANNI

 
4 maggio 2019
 

E’ un vero peccato che qui da noi, musicalmente parlando, sia giunto soprattutto il peggio delle produzioni degli anni ’80, cosa che si sta ripetendo allo stesso modo in questo decennio. Non è mai troppo tardi per recuperare il terreno perduto, soprattutto nel caso degli Echo & The Bunnymen e del loro “Ocean Rain”.

L’album è il perfetto punto di incontro tra sonorita post-punk ed eleganza pop. Ad Ian Mc Culloch non servono fiumi di parole per costringere la pelle di chi ascolta ad un brivido profondo, basta la circolarità di qualche frase e la voce che riesce a modulare benissimo toni grevi e armonie alte. Pochi indugi, “The Killing Moon” è una delle canzoni pop più riuscite di sempre, sinuosa e sensuale nel ripetersi in loop di sole tre strofe che alla fine di quei 5’ e 47’’ ne vorresti ancora.

Fate
Up against your will
Through the thick and thin
He will wait until
You give yourself to him

Lo stesso incanto si ripete nella conclusiva title-track, una ballata che parte soffusa e cresce in un finale strepitoso in cui l’arrangiamento degli archi sostiene i vocalismi sparati come fuochi d’artificio ad illuminar la notte. La stessa circolarità fatta di sole due strofe che si ripetono e ti stringono il cuore in una morsa estremamente elegante e sensuale.

All at sea again
And now my hurricanes have brought down this ocean rain
To bathe me again
My ship’s a sail Can you hear its tender frame
Screaming from beneath the waves
Screaming from beneath the waves…

E’ un disco completo, che lascia spazio a retaggi new wave, che quando si fa più barocco non straripa dai suoi argini e conserva un’equilibrio formale che non mostra alcuna falla. Da qualunque angolazione lo si guardi, “Ocean Rain” è un capolavoro non solo di pop-wave, ma di Pop con la maiuscola. Una pietra miliare che andrebbe ascolata almeno una volta nella vita, dalla prima all’ultima nota.

Echo And the Bunnymen – “Ocean Rain”
Data di pubblicazione:
4 maggio 1984
Tracce: 9
Lunghezza: 36:36
Etichetta: Sire
Produttore: Echo & the Bunnymen, Gil Norton, Henri Loustau

Tracklist:
1. Silver
2. Nocturnal Me
3. Crystal Days
4. The Yo Yo Man
5. Thorn Of Crowns
6. The Killing Moon
7. Seven Seas
8. My Kingdom
9. Ocean Rain

 

Oggi “Roman Candle” di ...

La musica di Elliott Smith è essenziale, nel senso che il cantautore americano riuscì ad esprimere sé stesso, il suo mondo, le sue ...

Space Oddity: il Kleos, la fama, la ...

Oggi la questione non è tanto quella di poter esprimere ciò che si è davvero, quanto, invece, quella di raggiungere i propri obiettivi di ...

Oggi “Happy Sad” di Tim ...

“Happy Sad” è un ossimoro, un contrasto che ben descrive l’anima di un artista complesso come Tim Buckley. L’anima o meglio le ...

Oggi “This is What You ...

Johnny Rotten era insoddisfatto dei Sex Pistols e stanco delle richieste di Malcolm Mc Laren, il “borghese anarchico” del punk. ...

Oggi “The B-52’s” dei The ...

I B-52’s, oggi e da adesso in poi, nell’articolo, senza l’apostrofo, sono una delle band che ho più amato nel periodo ...