STEALING SHEEP
Big Wows

[ Heavenly Recordings - 2019 ]
5
 
Genere: Synth pop
 
6 maggio 2019
 

Tornano a distanza di 4 anni le Stealing Sheep, giovane trio di Liverpool, con il nuovo album “Big Wows”, il cui compito era quello di confermare le premesse e le felici intuizioni di “Not Real”.

Quel disco era riuscito ad accendere le luci su di loro, suscitando la giusta curiosità e tirando in ballo modelli “nobili” in ambito pop come Talking Heads e The Knife. Ma gli ascolti di Rebecca Hawley, Emily Lansley e Luciana Mercer comprendevano anche Kraftwerk e Cardigans.

In realtà poi, tra le pieghe di quelle 10 tracce, era più semplice sentire echi di synth pop molto contemporaneo, riletto però in maniera originale, con le tre voci a rincorrersi e a mischiarsi in efficaci e micidiali coretti.

4 anni sono un lasso di tempo notevole al giorno d’oggi tra un disco e l’altro, e ci si aspettava insomma, se non proprio un salto di qualità delle tre ragazze, almeno una fragorosa conferma.

Tuttavia, ascoltando le 11 canzoni che compongono “Big Wows”, se c’è stata un’evoluzione, allora è davvero poco percettibile, con canzoni che troppe volte si dispiegano su sé stesse, cercando sbocchi stilistici e nuovi spunti che purtroppo non riescono a materializzarsi.

Tutto è troppo plastificato, zuccheroso al limite del fastidio, oltretutto le soluzioni melodiche convincono di rado. Accade ad esempio nel singolo anticipatore “Show Love”, scintillante affresco pop dance anni ’80 o nella successiva “Back in Time”, bagnata da una spruzzatina di new wave.

I brani, oscurati da una produzione che predilige suoni ed effetti da tastierine giocattolo, finiscono così col somigliarsi troppo, nonostante ci siano momenti che si fanno ascoltare volentieri. Presi a sé stanti, infatti, episodi come la maliziosa “Why Haven’t I” e l’ariosa title track – che vanta il miglior arrangiamento con le sue incursioni oniriche e ambient – non sono male. “Jokin’Me” sembra invece una canzone minore dei primissimi Depeche Mode col suo tappeto sonoro fatto di tastiere e sintetizzatori.

Nel contesto del disco però nessuna di queste si eleva sulle altre ed è in grado di spiccare il volo. I ritmi mutano solo con quei brani più lenti come “Just Dreaming” e la conclusiva “Heartbeats”, che in ogni caso non soddisfano appieno, rimanendo a metà del guado.

Una prova deludente insomma, ma che almeno potrà far capire alle Stealing Sheep la giusta strada da intraprendere a livello musicale: se inserire qua e là qualche chitarra come avveniva talvolta in passato, o virare decisamente nell’elettro-pop.

Al momento, però, le coetanee Haim, tanto per tirare in ballo un nome che si muove su coordinate musicali simili, sembrano concorrere per la Champions League, laddove questo “Big Wows” non è nemmeno riuscito a salvarsi.

Credit Foto: Simon Webb

Tracklist
1. Show Love
2. Back In Time
3. Jokin' Me
4. Why Haven't I
5. Girl
6. Just Dreaming
7. Big Wows
8. Breathe
9. True Colours
10. Choose Like You
11.Heartbeats
 
 

Ginevra Di Marco e Cristina ...

Ginevra Di Marco e Cristina Donà ce l’hanno fatta. Avevamo parlato lo scorso gennaio della loro voglia di fare un disco insieme e della ...

Richard James Simpson – Deep ...

Classe 1967, californiano, Richard James Simpson come secondo album da solista tira fuori un lavoro oscuro, disturbante, conturbante, cosa ...

The Leisure Society – ...

Gradito ritorno quello dei Leisure Society, che, dopo quattro anni esatti di silenzio (il loro LP più recente era “The Fine Art Of ...

Interpol – A Fine Mess EP

Ritrovata produttività per Paul Banks e soci che solo dopo un anno dall’uscita di “Marauder” piazzano anche questo EP di ...

Frank Carter & The Rattlesnakes ...

Frank Carter sembra aver finalmente trovato la sua dimensione ideale. O quasi, almeno. I primi due album prodotti in compagnia dei ...