CAGE THE ELEPHANT
Social Cues

[RCA - 2019]
7
 
Genere: indie pop rock
 
8 Maggio 2019
 

Indubbiamente i Cage the Elephant con questo nuovo lavoro “Social Cues”, fanno un ulteriore passo in avanti  rispetto ai loro precedenti lavori, realizzando un album che sicuramente aumenterà la schiera dei loro estimatori e raggiungerà un pubblico maggiore.

Questo obbiettivo, per quanto condivisibile,  rafforza la sensazione, che ho sempre avuto, ascoltando anche loro precedenti lavori, della presenza di una specie di attitudine mainstream che porta la band a porsi in una comfort zone, sempre un troppo poco coraggiosa per me, ma che comunque non inficia il valore complessivo del loro ultimo album.

“Social Cues” è un insieme di brani gradevoli che in alcuni passaggi ricordano gli Strokes degli ultimi due album, anche se non suona proprio come un gran complimento, e in altri ritroviamo spolverate degli Arctic Monkeys, anche qui non quelli delle primissime opere .

I Cage the Elephant restano comunque abili e precisi nel mettere insieme pezzi tutto sommato orecchiabili e capaci di ricevere, in un panorama musicale attuale così poco coraggioso, recensioni più che positive.

“Social Cues” è musicalmente il loro migliore lavoro e anche le liriche del front man Matt Schultz, purtroppo aiutato dalla sua situazione di difficoltà personale culminata nel divorzio dalla moglie, sono particolarmente brillanti e sentite.

Il brano di apertura è “Broken Boy”, abbastanza anomalo rispetto il resto dell’album, con un sound post punk che mostra come Cage the Elephant possono fare cose totalmente diverse, seguito da “Social Cues”  la title track che ricorda parecchio alcuni pezzi pop degli  Strokes.

In “Night Running” sembrano pescare il sound da un pezzo dei Twenty One Pilots, e ovviamente da Beck che partecipa attivamente e con il quale condivideranno il tour per una trentina di date, mentre “Ready To Let Go”  probabilmente diventerà un grande successo se solo  qualche pubblicitario deciderà di inserirlo in qualche spot, se non lo  hanno già fatto.

Tra le mie preferite senza dubbio ci sono  “House of Glass”, il brano più rock, con basso chitarra che si fanno sentire e con un testo che riassume la situazione di stress di Matt Schultz,  e “Black Madonna” voce distorta e ancora una volta gli Strokes nella parte dell’elefante ingabbiato.

Alla fine degli ascolti si può tranquillamente affermare che Cage the Elephant riescono ancora, dopo i grandi riconoscimenti ottenuti con il loro precedente album ” Tell Me I’m Pretty”, a fare centro.

“Social Cues” è un album riuscito con un sound che, per quanto non originalissimo, risulta comunque gradevole e rassicurante e che si fa apprezzare sempre di più ad ogni nuovo ascolto.

Credit Foto: Neil Krug

Tracklist
1. Broken Boy
2. Social Cues
3. Black Madonna
4. Night Running (Cage The Elephant, Beck)
5. Skin And Bones
6. Ready To Let Go
7. House Of Glass
8. Love’s The Only Way
9. The War Is Over
10. Dance Dance
11. What I’m Becoming
12. Tokyo Smoke
13. Goodbye
 
 

Joe D. Palma – Tutto Ok.

di Cassandra Enriquez Dopo l’EP di debutto nel 2017, due anni di tour in giro per l’Italia, condendo il tutto con aperture per Frah ...

Klippa Kloppa – Liberty

Attivi da tantissimi anni (il loro primo album ufficiale, targato Snowdonia, risale al 2003), i campani Klippa Kloppa nel loro lungo ...

Longwave- If We Ever Live Forever

Bisogna fare un piccolo sforzo, spremerci un pochino le meningi per ricordarci dei Longwave. Il loro ultimo album “‘Secrets Are ...

Beach Slang – The Deadbeat ...

James Alex sembra sempre un ragazzino col suo farfallino, i capelli lunghi, la chitarra in resta e l’espressione da eterno Peter Pan sul ...

The Electric Soft Parade – ...

La madre di Thomas e Alex White è morta nel 2009. Questo è un disco che parla di lei. Di lei e del suo “spegnersi” ma anche di ...