GIOVANE GIOVANE
Jugoslavija

[ Mistress - 2019 ]
6.5
 
Genere: cantautore
 
8 maggio 2019
 

“Jugoslavija” è un nome preciso, chirurgico, evocativo e estetico: l’immaginario contenuto nel semplice titolo dell’esordio di Giovane Giovane dice infatti tanto, non solo sul disco, ma sull’essenza stessa della visione artistica.

“Luigi” aveva dato una aspettativa forte all’attesa, perché il cantautore, credo romano di nascita, mostra una visionarietà non banale nello scontornare una figura immensa. Una lotta tra l’estetica del passato e del ricordo si accende in questo disco, in particolare in pezzi come “Perdoname Madre” o “Passante”.

Il disco si confronta, anche a livello sonoro, con quelli che possiamo definire citando Barthes, i miti d’oggi: i suoni dell’oggi sono però coniugati con una struttura e un modo di pensare che riesce a costruire una impalcatura di miti e storia contemporanea. Storia, arte, musica e rappresentazione di un paese come la Jugoslavia che diventa terreno di incontri, scontri, ricordi che probabilmente sono fittizi, o meglio frutto di una visione accesa e realmente strutturata su un concetto, un’idea artistica.

Il concetto e la struttura del pensare artistico di Giovane Giovane non sempre riescono a reggere a livello sonoro: se nei testi ci sono delle perle contemplative e di storytelling, i suoni troppo emulsionati e già sentiti rischiano di far saltare un’impalcatura che ha delle radici molto solide.

Lo spirito non intuisce se non facendo, formando, esprimendo”: credo che questa frase sia stata scritta da Benedetto Croce, ma è perfettamente calzante per un lavoro e un artista del genere, che ora ha le chiavi del suo avvenire in mano. Giovane Giovane ha bisogno di ruminare, macinare tanto altro perché la portata artistica di un progetto del genere è importante, e se un disco con un framing così preciso può sembrare un’operazione fuori tempo, in realtà mostra una direzione molto oculata.

La sensazione in canzoni come “Compilation” o “Ex Cinema” è quella di trovarsi dinanzi ad una strada molto precisa (sia come immaginario testuale che musicale), il consiglio, per il prossimo futuro, è magari quello di lasciarsi ispirare dal caos sano.

Fare, esprimere, formare, tre imperativi categorici per uno dei progetti artisticamente più affascinanti dell’anno. L’interesse è nel cuore del suo germoglio acerbo, nella mancanza di hype (e stronzate simili) e nell’assoluta genuinità.

“Jugoslavija” è un’opera prima della quale si può parlare con imperturbabilità senza essere colti dalle distorsioni dovute alla smodata ricerca di un’estetica modaiola ad ogni costo.

Credit Foto: Marco Arzilli

Tracklist
1. Le foto
2. Compilation
3. Figlio Cane
4. Luigi
5. Gabbiani
6. Passante
7. Ci sono molti me
8. Cantautore
9. Ex Cinema
10. Perdoname Madre
 
 

B Boys – Dudu

La scena musicale DIY di New York non conosce il significato delle parole penuria o scarsità, non dobbiamo di certo annunciarlo noi: ...

Bon Iver – i,i

Il progetto Bon Iver era nato come l’espressione non di un leader all’interno di un progetto condiviso, ma come progetto cantautorale. ...

King Gizzard and the Lizard Wizard ...

Prima o poi doveva succedere, era scritto nella carne putrida e nelle carcasse di un ratto in decomposizione che sarebbero passati a far ...

The Hold Steady – Thrashing ...

Sono passati oltre cinque anni dall’album più recente degli Hold Steady, “Teeth Dreams”, uscito a marzo 2014: effettivamente è un ...

Ride – This Is Not A Safe ...

Ricordo nitidamente di aver letto (altrove, ça va sans dire) un paio d’anni fa una recensione, composita nel lessico quanto scevra ...