WY
Softie

[ Autoproduzione - 2019 ]
8
 
Genere: synth-pop, alt-pop
Tags:
 
8 maggio 2019
 

Il mondo di Ebba e Michel è ancora pieno di dubbi, paure e momenti altalenanti, ma questa volta la necessità del duo di Malmö sembra quella di aprire maggiormente la propria emotività anche agli ascoltatori, abbandonando (in parte) l’introspezione struggente del precedente “Ok”. Ne risulta così un disco sempre intriso di quella malinconia nordica che, a tratti, emerge prepotente, ma anche vivace, rumoroso e incalzante ritmicamente, come non eravamo abituati a sentire dagli Wy.

La band, a conti fatti, non perde la capacità di guardarsi dentro, ma aggiunge un tono synth-pop e wave che favorisce maggiore empatia di quanto non accadesse con il primo album: l’ascoltatore così si sente subito coinvolto maggiormente, non prende il distacco da quanto ascolta e, anzi, sembra partecipare (e fraternizzare) a queste difficoltà che la coppia affronta, spesso, con un mezzo sorriso agrodolce sulle labbra.

Strutture melodiche ben congegnate, la voce di Ebba, sempre più versatile, una produzione che si fa più professionale. Se volevano sorprenderci, beh, lo hanno fatto!

Tracklist
1. Tired I
2. Softie
3. Pavements
4. Swedish Summer
5. Tired II
6. Cope
7. New Dog
8. Have You Ever Been In Love?
9. Adore You
10. Twenty-two Dreaming
11. Tabs
 
 

B Boys – Dudu

La scena musicale DIY di New York non conosce il significato delle parole penuria o scarsità, non dobbiamo di certo annunciarlo noi: ...

Bon Iver – i,i

Il progetto Bon Iver era nato come l’espressione non di un leader all’interno di un progetto condiviso, ma come progetto cantautorale. ...

King Gizzard and the Lizard Wizard ...

Prima o poi doveva succedere, era scritto nella carne putrida e nelle carcasse di un ratto in decomposizione che sarebbero passati a far ...

The Hold Steady – Thrashing ...

Sono passati oltre cinque anni dall’album più recente degli Hold Steady, “Teeth Dreams”, uscito a marzo 2014: effettivamente è un ...

Ride – This Is Not A Safe ...

Ricordo nitidamente di aver letto (altrove, ça va sans dire) un paio d’anni fa una recensione, composita nel lessico quanto scevra ...