WY
Softie

[ Autoproduzione - 2019 ]
8
 
Genere: synth-pop, alt-pop
Tags:
 
8 maggio 2019
 

Il mondo di Ebba e Michel è ancora pieno di dubbi, paure e momenti altalenanti, ma questa volta la necessità del duo di Malmö sembra quella di aprire maggiormente la propria emotività anche agli ascoltatori, abbandonando (in parte) l’introspezione struggente del precedente “Ok”. Ne risulta così un disco sempre intriso di quella malinconia nordica che, a tratti, emerge prepotente, ma anche vivace, rumoroso e incalzante ritmicamente, come non eravamo abituati a sentire dagli Wy.

La band, a conti fatti, non perde la capacità di guardarsi dentro, ma aggiunge un tono synth-pop e wave che favorisce maggiore empatia di quanto non accadesse con il primo album: l’ascoltatore così si sente subito coinvolto maggiormente, non prende il distacco da quanto ascolta e, anzi, sembra partecipare (e fraternizzare) a queste difficoltà che la coppia affronta, spesso, con un mezzo sorriso agrodolce sulle labbra.

Strutture melodiche ben congegnate, la voce di Ebba, sempre più versatile, una produzione che si fa più professionale. Se volevano sorprenderci, beh, lo hanno fatto!

Tracklist
1. Tired I
2. Softie
3. Pavements
4. Swedish Summer
5. Tired II
6. Cope
7. New Dog
8. Have You Ever Been In Love?
9. Adore You
10. Twenty-two Dreaming
11. Tabs
 
 

Ginevra Di Marco e Cristina ...

Ginevra Di Marco e Cristina Donà ce l’hanno fatta. Avevamo parlato lo scorso gennaio della loro voglia di fare un disco insieme e della ...

Richard James Simpson – Deep ...

Classe 1967, californiano, Richard James Simpson come secondo album da solista tira fuori un lavoro oscuro, disturbante, conturbante, cosa ...

The Leisure Society – ...

Gradito ritorno quello dei Leisure Society, che, dopo quattro anni esatti di silenzio (il loro LP più recente era “The Fine Art Of ...

Interpol – A Fine Mess EP

Ritrovata produttività per Paul Banks e soci che solo dopo un anno dall’uscita di “Marauder” piazzano anche questo EP di ...

Frank Carter & The Rattlesnakes ...

Frank Carter sembra aver finalmente trovato la sua dimensione ideale. O quasi, almeno. I primi due album prodotti in compagnia dei ...