OGGI “ELECTRONIC SOUND” DI GEORGE HARRISON COMPIE 50 ANNI

 
di
9 maggio 2019
 

Ce lo vedete George Harrison che gioca col suo sintetizzatore Moog (già usato per “Here Comes The Sun”), sperimentando suoni tra l’avanguardia e il puro divertissement, con l’aiuto dell’amico Bernie Krause?

Con i Beatles che di lì a poco si sarebbero sciolti, e con quel “Wonderwall Music” già messo a curriculum, Sir George si chiude in studio e tira fuori due lunghissime tracce di sola elettronica (alcuni diranno trattarsi addirittura del primo album di sola musica elettronica) dal suo nuovo balocco.

Tra sbandate al limite dell’irreale e del nonsense e momenti quasi ultraterreni ed alieni, l’album venne apertamente criticato all’epoca, tanto da non venire nemmeno inizialmente commercializzato perché non ritenuto minimamente pop. Difatti, non c’è una armonia, una melodia, una voce. “Rumori”, dissero alcuni.

Ad oggi, per il suo 50esimo compleanno, c’è invece chi lo considera una sorta di pietra miliare della musica sperimentale, elevandolo a qualcosa di vicino allo spirituale.

Di sicuro, una delle tante dimostrazioni della curiosità, del talento, della multiformità di Sua Maestà George Harrison.

George Harrison – Electronic Sound
Data di pubblicazione: 9 Maggio 1969
Tracce: 2
Lunghezza: 43:50
Etichetta: Zapple Records
Produttore: George Harrison

Tracklist:
1. Under The Mersey Wall
2. No Time or Space

 

Oggi “Roman Candle” di ...

La musica di Elliott Smith è essenziale, nel senso che il cantautore americano riuscì ad esprimere sé stesso, il suo mondo, le sue ...

Space Oddity: il Kleos, la fama, la ...

Oggi la questione non è tanto quella di poter esprimere ciò che si è davvero, quanto, invece, quella di raggiungere i propri obiettivi di ...

Oggi “Happy Sad” di Tim ...

“Happy Sad” è un ossimoro, un contrasto che ben descrive l’anima di un artista complesso come Tim Buckley. L’anima o meglio le ...

Oggi “This is What You ...

Johnny Rotten era insoddisfatto dei Sex Pistols e stanco delle richieste di Malcolm Mc Laren, il “borghese anarchico” del punk. ...

Oggi “The B-52’s” dei The ...

I B-52’s, oggi e da adesso in poi, nell’articolo, senza l’apostrofo, sono una delle band che ho più amato nel periodo ...