OGGI “DIARY” DEI SUNNY DAY REAL ESTATE COMPIE 25 ANNI

 
10 maggio 2019
 

Esiste un disco più intenso e struggente di “Diary” dei Sunny Day Real Estate? Tranquillamente vi posso rispondere di no. Qui si deve andare oltre altre alle etichette. Inutile parlare di grunge o di precursori del’emo, quello che conta è cosa c’è dietro quella copertina, quella presunta famigliola felice o che cosa c’è scritto su quel diario evocato nel titolo che è già sinonimo d’introspezione.

Un disco che ci costringe ad andare oltre, che ci costringe a confrontarci con canzoni lunghe, elaborate, tanto incalzanti quanto capaci di dolcezze e malinconie assurde. William Goldsmith, Dan Hoerner, Nate Mendel e Jeremy Enigk in stato di grazia assoluta che trasformano il buio in lame di luce che bruciano come l’inferno, per poi farci ripiombare nell’oscurità a meditare su quanto abbiamo appena visto. Un suono che picchiava forte nella testa e nel cuore, aprendo varchi in cui perdersi, annichiliti dalla solitudine.

Dischord, primissimi U2 (basta sentire l’attacco di “Seven”), la capacità di non essere né pop-rock né punk ma essere altro, la bravura di parlare un linguaggio che era tanto sensibile quanto diretto, suadente come quello di un pifferaio magico eppure tanto incline a parlare di passione, quella vera, quella che disturba, che non ti lascia stare. Sussurri e grida, come il film di Bergman. Linguaggio per l’anima ma che si mostra enevitabilmente fisico, immediato, crudo. Questi erano i SDRE di questo album. “Diary” è un disco che va a scavare nei nostri punti deboli, nelle nostre debolezze e lo fa a tratti anche in un modo carezzevole, con una rabbia però che se non è latente è capace di ritorcerci contro noi stessi, quella per cui si può prendere un coltello e procurarci tagli sul braccio, perché la tensione emotiva è altissima e solo il cutting ci può dare una valvola di sfogo.

Un disco formativo in cui è impossibile se non inutile citare dei brani, anche perché cosa vuoi dire in poche parole? Per ogni brano ci sarebbe da fare un trattato. Un diario che va letto dall’inizio alla fine, una serie di immagini, di polaroid, di scritti che non lasciano indifferenti. Un disco in cui l’espressione “di pancia” assume un significato vero, ricco di un dolore che si può toccare con mano: un diario sincero e verissimo che ci sconvolge ancora, dopo 25 anni.

“Diary” – Sunny Day Real Estate
Pubblicazione: 10 maggio 1994
Durata: 52:74
Tracce: 11
Etichetta: Sub Pop
Produttore: Brad Wood
Registrazione: Idful Studios – Chicago, Stati Uniti

1. Seven – 4:45
2. In Circles – 4:58
3. Song About an Angel – 6:14
4. Round – 4:09
5. 47 – 4:34
6. The Blankets Were the Stairs – 5:27
7. Pheurton Skeurto – 2:33
8. Shadows – 4:46
9. 48 – 4:46
10. Grendel – 4:53
11. Sometimes – 5:42

 

Oggi “The Soft Parade” ...

La vita di Jim Morrison, e di conseguenza quella dei suoi Doors, è stata breve e fulminea, leggiadra come una farfalla, abbagliante come ...

Oggi “Roman Candle” di ...

La musica di Elliott Smith è essenziale, nel senso che il cantautore americano riuscì ad esprimere sé stesso, il suo mondo, le sue ...

Space Oddity: il Kleos, la fama, la ...

Oggi la questione non è tanto quella di poter esprimere ciò che si è davvero, quanto, invece, quella di raggiungere i propri obiettivi di ...

Oggi “Happy Sad” di Tim ...

“Happy Sad” è un ossimoro, un contrasto che ben descrive l’anima di un artista complesso come Tim Buckley. L’anima o meglio le ...

Oggi “This is What You ...

Johnny Rotten era insoddisfatto dei Sex Pistols e stanco delle richieste di Malcolm Mc Laren, il “borghese anarchico” del punk. ...