OGGI “HOPES AND FEARS” DEI KEANE COMPIE 15 ANNI

 
di
10 maggio 2019
 

Il post-britpop diede il via a miriadi di gruppi bravi a trovare la giusta melodia, e volenterosi di prendersi i gradi che furono, qualche anno prima, dei vari Oasis, Blur e Suede, per citare alcuni pesi massimi.

Tra Coldplay, Travis e Starsailor, impossibile non ricordare i Keane capitanati da Tom Chaplin: la band senza chitarra come la chiameranno alcuni, per la scelta – almeno nell’album d’esordio – di rinunciare a questo strumento in favore di soli piano, basso e batteria.

Per un’offerta che punta tutto su melodie vitali, qualche arricchimento di archi, e soprattutto la voce di Chaplin che di contrasto è quasi malinconica, con una timbrica però intensa, emozionante ed avvolgente.

Anticipato dai singoli “Somewhere Only We Know” e “Everybody’s Changing” (che finirà poi in uno spot televisivo nostrano), “Hopes and Fears” fu il secondo album più venduto in Inghilterra nel 2014 (ad oggi enumera poco meno di 3 milioni di copie distribuite nella sola terra d’origine), vinse un Brit Award per miglior album inglese l’anno seguente, entrò nelle top 10 musicali in lungo ed in largo per il globo e lanciò i Keane nel Gotha dei gruppi pop, se non amati, sicuramente più seguiti dei primi anni del secolo in corso.

Keane – Hopes and Fears
Data di pubblicazione: 10 Maggio 2004
Tracce: 12
Lunghezza: 50:37
Etichetta: Island
Produttore: Andy Green, Keane, James Sanger

Tracklist:

1. Somewhere Only We Know
2. Bend and Break
3. We Might as Well Be Strangers
4. Everybody’s Changing
5. Your Eyes Open
6. She Has No Time
7. Can’t Stop Now
8. Sunshine
9. This Is the Last Time
10. On a Day Like Today
11. Untitled 1
12. Bedshaped

 

Oggi “Roman Candle” di ...

La musica di Elliott Smith è essenziale, nel senso che il cantautore americano riuscì ad esprimere sé stesso, il suo mondo, le sue ...

Space Oddity: il Kleos, la fama, la ...

Oggi la questione non è tanto quella di poter esprimere ciò che si è davvero, quanto, invece, quella di raggiungere i propri obiettivi di ...

Oggi “Happy Sad” di Tim ...

“Happy Sad” è un ossimoro, un contrasto che ben descrive l’anima di un artista complesso come Tim Buckley. L’anima o meglio le ...

Oggi “This is What You ...

Johnny Rotten era insoddisfatto dei Sex Pistols e stanco delle richieste di Malcolm Mc Laren, il “borghese anarchico” del punk. ...

Oggi “The B-52’s” dei The ...

I B-52’s, oggi e da adesso in poi, nell’articolo, senza l’apostrofo, sono una delle band che ho più amato nel periodo ...