IL VIAGGIO DI YAO

 
 
di
12 maggio 2019
 

di Kociss Leardini

Il “viaggio di Yao” è un road movie del regista Philippe Godeau, un cineasta francese che finora ha diretto pellicole di ambientazione prevalentemente nazionale e – in effetti – anche questo film è molto “francese”: infatti, è necessario calarsi nella realtà transalpina per capire e gustare appieno il messaggio che l’autore intende proporre.
Il protagonista è l’attore di colore Omar Sy, divenuto famosissimo anche all’estero per il bellissimo “Quasi amici” del 2011. Sy in patria ha l’etichetta di comico dirompente e in questo film è stato chiamato a fare il classico salto di qualità di fronte agli occhi dei connazionali: Sy è senegalese da parte di padre e la trama lo coinvolge nella visita al paese d’origine, in una specie di percorso di formazione a ritroso.

Ne “Il viaggio di Yao” Sy è Seydou Tall, una star del cinema, nato in Francia da famiglia senegalese. Separato dalla moglie e con un figlio piccolo che vede poco, decide di andare in Senegal sull’onda di un’autobiografia di successo.
A Dakar incontra Yao, un ragazzino di tredici anni dall’aria intelligente e risoluta, venuto da 400 km di distanza – di nascosto dai genitori – per ottenere un autografo dell’attore, idolo di un suo amico di scuola; amico che doveva seguirlo, ma che all’ultimo dà buca a Yao, costretto perciò a farsi il viaggio da solo. Seydou è colpito dall’intraprendenza del bambino e decide di mollare il tour promozionale per riaccompagnare Yao a casa.
Da questo momento inizia il viaggio. Man mano che la pellicola avanza, notiamo la triste e spettacolare bellezza del Senegal, nonché la sincera presentazione delle contraddizioni dei suoi abitanti. Abbiamo idee stereotipate sull’Africa e – ultimamente – la politica vorrebbe farci immaginare quel continente come un ambiente unico, ove rimandare indietro persone al pari di pacchi di Amazon difettati. Nel film, invece, vediamo la realtà: il caos di una metropoli come Dakar, periferie e strade polverose con macchine scassate che per i senegalesi hanno ancora valore, ma anche paesaggi rurali mozzafiato e l’immensità dell’oceano.

Molto più francese è il focus messo sull’attore protagonista, visto come nero in Francia e – paradossalmente – come bianco in Senegal. Sy-Seydou attraversa tutto il paese guidando una Peugeot modello catorcio e indossando vestiti lisi. Eppure, tutti si rendono conto che è un nero ricco trapiantato in Europa: è il suo atteggiamento, oltre al meraviglioso Audermars Piguet esibito incautamente al polso, a renderlo diverso dai locali. Sia lui che noi non siamo sintonizzati sul tempo di questa parte dell’Africa: un tempo che scorre molto più lento e che ci chiede di guardarci attorno e dentro, piuttosto che correre in continuazione.

E questo aspetto è sia il pregio che il difetto del film, perché la storia scorre davvero lentissima e in modo apparentemente scollato, con incontri casuali che non portano a nulla se non a fugaci conoscenze: incontri che comunque fanno crescere umanamente Seydou e che eleggono il giovane Yao a maestro e guida di viaggio per la stella del cinema: un deus ex machina che mentre ricuce libri danneggiati e disegna la storia del percorso per il figlio di Seydou, riesce a ricucire anche l’anima strappata dell’uomo e a disegnarne un futuro diverso.
Abbiamo lasciato passare il tempo, quello africano, che non passa mai”, si sente alla fine del film. Per il protagonista adulto, l’arrivo al paese di Yao è un punto di partenza, in un luogo in cui il tempo pare essersi fermato.

Non da qui, ma proprio questo momento la sua vita potrà ricominciare.

REGIA: Philippe Godeau
SCENEGGIATURA: Agnès de Sacy, Philippe Godeau
FOTOGRAFIA: Jean-Marc Fabre
MONTAGGIO: Hervé de Luze
PRODUZIONE: Korokoro, Pan Européenne

 

Gomorra (Quarta Stagione)

Che la credibilità della prima straordinaria serie e, in parte, della seconda ce le potessimo dimenticare era chiaro da tempo. La quarta ...

Lo Spietato

Ispirata liberamente a “Gangster Calibro 9” di Colaprico, “Lo Spietato” è la storia del fascinoso gangster ...

The Dirt

Per discorrere di “The Dirt” apro una veloce digressione, perchè nel parlare dei Motley Crue non riesco ad esimermi da cari ricordi ...

The Avengers Endgame

Non si può parlare di “Avengers Endgame” senza osservare un paio di fattori. Anzitutto che “Endgame” è il film che ...

Oggi “Manhattan” di ...

Sono giusto quarant’anni (25 aprile 1979) dall’uscita di uno dei capolavori di Woody Allen e nulla della sua forza satirica, del ...