BIG THIEF
U.F.O.F.

[ 4AD - 2019 ]
6
 
Genere: indie-folk
Tags: ,
 
13 Maggio 2019
 

I Big Thief sono arrivati alla svolta. Il loro terzo LP ha già un posto assicurato ai piani alti delle liste di fine anno di qualsiasi sito musicale ed è uno dei dischi che ha generato più interesse finora nel 2019.
Eppure per me “U.F.O.F.” è il loro lavoro meno riuscito.

Se prima la band di Brooklyn sembrava avere chiara la propria personalità e la propria direzione, qui incappa in una crisi d’identità che lascia interdetto l’ascoltatore.
Adrianne Lenker modella la sua voce in modo completamente diverso quasi per ogni singola canzone e la conseguenza è una mancanza di credibilità, soprattutto ripensando alle sue performance passate dove la vulnerabilità e la verità erano uno dei punti di forza principali.
Si sentono i Cocteau Twins, i Blonde Redhead, Joni Mitchell, ma non si sentono i Big Thief. Se l’obiettivo era assomigliare a qualcun’altra mancano astio, sensualità e convinzione.

L’opener “Contact” è il momento più interessante del disco soprattutto nel breakdown finale tra urla e grunge. Anche la seconda traccia, che dà il titolo al disco, prosegue bene.
Da lì in poi parte una sfilza di canzoni che passano senza lasciare il segno e, a volte, addirittura annoiano.
L’unico altro sussulto è “Jenni” dove si tornano a sentire almeno in parte le viscere del gruppo.

In “Masterpiece” e “Capacity”, i loro primi due album, i Big Thief invitavano a un ascolto attento e ripetuto. In alcuni casi si arrivava a cantare a squarciagola i loro pezzi.
Con “U.F.O.F.” questo non succede, non ci sono canzoni che rimangono impresse né per facilità d’ascolto né per coinvolgimento emotivo. È un lavoro senza mordente che non spicca nemmeno per l’atmosfera creata ed è un peccato.

Credit Foto: Michael Buishas

Tracklist
1. Contact
2. U.F.O.F.
3. Cattails
4. From
5. Open Desert
6. Orange
7. Century
8. Strange
9. Betsy
10. Terminal Paradise
11. Jenni
12. Magic Dealer
 
 

The Honeydrips – Here Comes ...

Percorso accidentato ma ricco di soddisfazioni quello dei The Honeydrips, progetto solista dello svedese Mikael Carlsson. Tre album più ...

Pindar – Backgammon Vol.1 ...

Giusta intuizione quella dei due producer MiK Drake e JaK Turn, bravi a giocare a carte coperte sfruttando l’immaginario simil-Daft Punk e ...

Unruly Girls – Epidemic

Nonostante il prezzo più alto venga pagato sempre dai più deboli, dai più poveri, dagli ultimi – basti guardare all’America ...

Lucio Leoni – Dove Sei, pt.1

Lucio Leoni non è un nome nuovo della scena cantautorale, attivo già da parecchi anni e con un percorso di tutto rispetto fatto di ...

Einsturzende Neubauten – ...

In questi giorni pieni di noia e mestizia, mi capita spesso di imbattermi nelle parole di individui più o meno esperti che provano a ...