JONI MITCHELL : LA TOP 10 BRANI

 
14 maggio 2019
 

Selezionare solo dieci brani quando si parla di Joni Mitchell è particolarmente arduo. Cinquant’anni di carriera e tanti album di successo ovviamente costringono a fare delle scelte radicali, cercando comunque di rappresentare al meglio il lungo percorso artistico e musicale di Roberta Joan Anderson.

10 – PIRATE OF PENANCE

1968, da “Song To A Seagull”

L’esordio di Joni Mitchell, etereo e folk nell’anima

9 – ETHIOPIA

1985, da “Dog Eat Dog”

Gli anni ottanta di Joni Mitchell passati in casa Geffen sono molto dibattuti ma questo brano ha retto bene al passare del tempo

8 – LAKOTA

1988, da “Chalk Mark in a Rain Storm”

Intensa versione live di un brano dal significato profondo tratto da un album prodotto da Joni Mitchell e Larry Klein. Sempre anni ottanta, ma che stile.

7 – JERICHO

1977, da “Don Juan’s Reckless Daughter”

L’anima più jazz e votata all’improvvisazione di Joni, accompagnata da Jaco Pastorius al basso, Wayne Shorter al sassofono e Don Alias alle percussioni

6 – FREE MAN IN PARIS

1974, da “Court And Spark”

La voce di Joni Mitchell, le chitarre di José Feliciano e Larry Carlton, David Crosby e Graham Nash ai backing vocals in tre minuti di pura eleganza

5 – THE MAGDALENE LAUNDRIES

1994, da “Turbulent Indigo”

Ancora una versione live, questa volta in Giappone, per uno dei brani più amati ma non poi così conosciuti della musicista canadese.

4 – WOODSTOCK

1970, da “Ladies of the Canyon”

Visto che quest’anno si celebra il cinquantesimo anniversario dello storico festival non poteva mancare.

3 – BLUE

1971, da “Blue”

Anche quando si sedeva al pianoforte Joni Mitchell sapeva incantare, dedicando parole dolci a un triste stato dell’anima

2 – THE HISSING OF SUMMER LAWNS

1975, da “The Hissing Of Summer Lawns”

Uno degli album più famosi di Joni Mitchell. Melodico e delicato, in bilico tra immediatezza pop e raffinatezza jazz

1 – AMELIA

1976, da “Hejira”

La Joni Mitchell più libera e avventurosa, quella di “Hejira”. “Amelia” in versione mega jam tratta dall’album dal vivo “Shadows and Light” con una band di tutto rispetto: Pat Metheny, Jaco Pastorius, Don Alias, Lyle Mays e Michael Brecker.

BONUS TRACK

THE FIDDLE AND THE DRUM

1969, da “Clouds”

Versione live di “The Fiddle And The Drum”, l’inno pacifista di Joni Mitchell

Credit Foto: Asylum Records [Public domain], via Wikimedia Commons

 

Riepilogo finale per gli ultimi ...

Dopo le due prestigiose anteprime che hanno avuto come protagonisti Calcutta e Gazzelle, e dopo le due serate di “Goazilla” dedicate ai ...

I Jethro Tull annunciano ancora ...

I Jethro Tull non riescono a stare lontani dall’Italia e, mentre sono nel pieno del loro tour estivo, aggiungono oltre a Roma ancora due ...

2 date italiane (come solista), a ...

Torna in tour solista, il leader dei The Mission! Nato a Bristol, Inghilterra, Jerry Wayne Hussey è il leader dei The Mission e prima ...

Max e Iggor Cavalera ripropongono ...

Quando si citano due dischi come “Beneath The Remains” (1989) e “Arise” (1991), beh, si sta parlando di due pilastri ...

Al TOdays Festival di Torino i Ride ...

Dopo Hozier, Jarvis Cocker, Nils Frahm, Johnny Marr, Balthazar, Adam Naas e One True Pairing ecco sbarcare un altro peso massimo al TOdays ...