JONI MITCHELL : LA TOP 10 BRANI

 
14 Maggio 2019
 

Selezionare solo dieci brani quando si parla di Joni Mitchell è particolarmente arduo. Cinquant’anni di carriera e tanti album di successo ovviamente costringono a fare delle scelte radicali, cercando comunque di rappresentare al meglio il lungo percorso artistico e musicale di Roberta Joan Anderson.

10 – PIRATE OF PENANCE

1968, da “Song To A Seagull”

L’esordio di Joni Mitchell, etereo e folk nell’anima

9 – ETHIOPIA

1985, da “Dog Eat Dog”

Gli anni ottanta di Joni Mitchell passati in casa Geffen sono molto dibattuti ma questo brano ha retto bene al passare del tempo

8 – LAKOTA

1988, da “Chalk Mark in a Rain Storm”

Intensa versione live di un brano dal significato profondo tratto da un album prodotto da Joni Mitchell e Larry Klein. Sempre anni ottanta, ma che stile.

7 – JERICHO

1977, da “Don Juan’s Reckless Daughter”

L’anima più jazz e votata all’improvvisazione di Joni, accompagnata da Jaco Pastorius al basso, Wayne Shorter al sassofono e Don Alias alle percussioni

6 – FREE MAN IN PARIS

1974, da “Court And Spark”

La voce di Joni Mitchell, le chitarre di José Feliciano e Larry Carlton, David Crosby e Graham Nash ai backing vocals in tre minuti di pura eleganza

5 – THE MAGDALENE LAUNDRIES

1994, da “Turbulent Indigo”

Ancora una versione live, questa volta in Giappone, per uno dei brani più amati ma non poi così conosciuti della musicista canadese.

4 – WOODSTOCK

1970, da “Ladies of the Canyon”

Visto che quest’anno si celebra il cinquantesimo anniversario dello storico festival non poteva mancare.

3 – BLUE

1971, da “Blue”

Anche quando si sedeva al pianoforte Joni Mitchell sapeva incantare, dedicando parole dolci a un triste stato dell’anima

2 – THE HISSING OF SUMMER LAWNS

1975, da “The Hissing Of Summer Lawns”

Uno degli album più famosi di Joni Mitchell. Melodico e delicato, in bilico tra immediatezza pop e raffinatezza jazz

1 – AMELIA

1976, da “Hejira”

La Joni Mitchell più libera e avventurosa, quella di “Hejira”. “Amelia” in versione mega jam tratta dall’album dal vivo “Shadows and Light” con una band di tutto rispetto: Pat Metheny, Jaco Pastorius, Don Alias, Lyle Mays e Michael Brecker.

BONUS TRACK

THE FIDDLE AND THE DRUM

1969, da “Clouds”

Versione live di “The Fiddle And The Drum”, l’inno pacifista di Joni Mitchell

Credit Foto: Asylum Records [Public domain], via Wikimedia Commons

 

Sorpresa da Laura Marling: venerdì ...

Laura Marling, con un messaggio sui suoi canali social, ha rivelato ai suoi fan che venerdì prossimo (10 aprile) realizzerà il suo settimo ...

Michela Murgia a gamba tesa su ...

In settimane di reclusione forzata si sa basta poco per risvegliarci dalla noia assoluta che spesso si appropria delle nostre giornate. La ...

Un episodio speciale di ...

“Tiger King”, docu-serie che segue le gesta (e i crimini ???) dell’eccentrico allevatore di grandi felini e proprietario ...

Alberto Ferrari sul nuovo disco dei ...

Alcuni giorni fa Alberto Ferrari, voce e chitarra dei Verdena, si è prestato ad un live in streaming ‘casalingo’ (registrato), ...

“Instrument”, ...

“Instrument” è il primo ed unico documentario interamente dedicato ai Fugazi. Uscito nel 1999, in VHS e poi in DVD, e diretto ...