ROSE ELINOR DOUGALL
A New Illusion

[ Republic of Music - 2019 ]
7
 
Genere: alternative-pop, folk-pop, songwriting
 
15 Maggio 2019
 

Alzi la mano chi oggi si ricorda delle Pipettes, band inglese che fece capolino nelle playlist indie pop di metà anni 2000. Probabilmente nessuno o quasi: il gruppo suonava pezzi zuccherosi dal sapore 60’s, gradevoli ma tutt’altro che memorabili, e nel breve volgere di un paio di album scomparve dalle scene.

Come una fenice britannica dotata di una insospettabile capacità di scrittura e creatività, dalle ceneri delle Pipettes è emersa Rose Ellinor Dougall, che a band sciolta ha iniziato a scrivere pezzi per sé e a collaborare con superstar come Mark Ronson, con un certo successo.

Le prove soliste – “Without Why”, del 2010, e “Stellular”, del 2017 – non lasciavano intravedere particolari motivi per andare oltre l’ascolto superficiale ed è per questo che stupisce ancor di più un disco come “A New illusions”, appena pubblicato, riuscitissimo, pieno di suoni ammalianti, cantautorato di qualità e felici rimandi ad artisti più o meno noti. I primi che vengono in mente, già dal brano di apertura “Echoes”, sono i Broadcast della compianta Trish Keenan, con quel suono retrofuturistico tra il pop e la sperimentazione, e insieme a loro una serie di influenze diverse ma tutte molte ‘dilatate’ ed eteree: la voce di Sandy Denny e la liricità di Joanna Newsom (con l’arpeggio etereo di “Wordlessy”), Jonathan Wilson (nella folk ballad sognante “Something Real”), Florence e i Fleet Foxes (“Too Much of Not Enough”), Grouper (“Simple Things”).

Non mancano episodi più immediati e pop, memori della ‘vita precedente’ della Dougall, come “A New Illusion” e “First Sign”, ma sono poco più che parentesi all’interno di un lavoro più complesso, intrigante, armonioso e molto femminile. Di un disco, in breve, tra i migliori usciti nel 2019.

Tracklist
1. Echoes
2. That's Where the Trouble Started
3. Wordlessly
4. A New Illusion
5. Something Real
6. Take What You Can Get
7. First Sign
8. Too Much of Not Enough
9. Christina in Red
10. Simple Things
 
 

La Roux – Supervision

Terzo album per Elly Jackson, che dopo l’enorme successo dell’esordio “La Roux” dieci anni fa ha dovuto affrontare enormi ...

Wire – Mind Hive

E siamo a 17. La band di Colin Newman, Graham Lewis, Robert Grey e Matthew Simms conosciuta da oltre quarantanni con il nome di Wire ...

TUM – Take Off and Landing

di Beatrice Bianchi Se sull’aereo durante un volo intercontinentale dalla Lapponia all’India vi capitasse di ritrovarvi seduti di fianco ...

Polica – When We Stay Alive

Cosa succede quando si resta vivi nonostante tutto? Se lo chiede Channy Leaneagh, energica frontwoman dei Poliça in un album nato prima, ...

En Attendant Ana – Julliet

“C’era un lungo capello nella sua minestra. Subito lo tirò via, fermamente deciso a cercare il resto di quella donna.” ...