ROSE ELINOR DOUGALL
A New Illusion

[ Republic of Music - 2019 ]
7
 
Genere: alternative-pop, folk-pop, songwriting
 
15 maggio 2019
 

Alzi la mano chi oggi si ricorda delle Pipettes, band inglese che fece capolino nelle playlist indie pop di metà anni 2000. Probabilmente nessuno o quasi: il gruppo suonava pezzi zuccherosi dal sapore 60’s, gradevoli ma tutt’altro che memorabili, e nel breve volgere di un paio di album scomparve dalle scene.

Come una fenice britannica dotata di una insospettabile capacità di scrittura e creatività, dalle ceneri delle Pipettes è emersa Rose Ellinor Dougall, che a band sciolta ha iniziato a scrivere pezzi per sé e a collaborare con superstar come Mark Ronson, con un certo successo.

Le prove soliste – “Without Why”, del 2010, e “Stellular”, del 2017 – non lasciavano intravedere particolari motivi per andare oltre l’ascolto superficiale ed è per questo che stupisce ancor di più un disco come “A New illusions”, appena pubblicato, riuscitissimo, pieno di suoni ammalianti, cantautorato di qualità e felici rimandi ad artisti più o meno noti. I primi che vengono in mente, già dal brano di apertura “Echoes”, sono i Broadcast della compianta Trish Keenan, con quel suono retrofuturistico tra il pop e la sperimentazione, e insieme a loro una serie di influenze diverse ma tutte molte ‘dilatate’ ed eteree: la voce di Sandy Denny e la liricità di Joanna Newsom (con l’arpeggio etereo di “Wordlessy”), Jonathan Wilson (nella folk ballad sognante “Something Real”), Florence e i Fleet Foxes (“Too Much of Not Enough”), Grouper (“Simple Things”).

Non mancano episodi più immediati e pop, memori della ‘vita precedente’ della Dougall, come “A New Illusion” e “First Sign”, ma sono poco più che parentesi all’interno di un lavoro più complesso, intrigante, armonioso e molto femminile. Di un disco, in breve, tra i migliori usciti nel 2019.

Tracklist
1. Echoes
2. That's Where the Trouble Started
3. Wordlessly
4. A New Illusion
5. Something Real
6. Take What You Can Get
7. First Sign
8. Too Much of Not Enough
9. Christina in Red
10. Simple Things
 
 

Johnny Lloyd – Next Episode ...

Guarda un po’ chi si rivede. Johnny Lloyd dopo la fine dei Tribes (2013) ha intrapreso una carriera solista che, in realtà non è mai ...

Filthy Friends – Emerald ...

La storia la conosciamo ormai tutti: Peter Buck, storica chitarra dei R.E.M. (e successiva carriera solista e con i Minus 5) e Corin Tucker, ...

Clinic – Wheeltappers and ...

Tornano per la felicità dei fan, forse non tantissimi ma appassionati, dopo ben sette anni i Clinic con un nuovo album, una lunga attesa ...

Alex Lahey – The Best Of Luck ...

Ha le idee chiare la nostra Alex e, anche questa volta, come già nell’esordio “I Love You Like A Brother” (2017), piazza ...

Old Fashioned Lover Boy – ...

Battiamo forte le mani ad Alessandro Panzeri, in arte Old Fashioned Lover Boy, per non aver avuto paura di coltivare e far germogliare quei ...