SHANA CLEVELAND
Night of the Worm Moon

[ Sub Pop Records - 2019 ]
7.5
 
Genere: psycho-acoustic-indie-rock
 
15 maggio 2019
 

Volete fare un giro nel deserto? Bene allora chiudete gli occhi e piazzate ad alto volume la musica del nuovo album di Shana Cleveland. Vi sembrerà davvero di essere li. Magari mentre il giorno sta calando, si avvicina la notte…una serie di sensazioni contrastanti vi assalirà. Vi sembrerà di essere rilassati eppure una sottile inquitudine sarà sempre presente, perché le musiche, principalmente acustiche, della componente delle La Luz sono in realtà capaci di assorbire e trasmettere una vasta gamma di sensazioni, ma sicuramente non trasmettono l’assoluto rilassamento. Bisogna andare in profondità e lo farete, ve lo assicuro…qualcosa di sinistro, in mezzo alle tenebre saprà emergere.

Il bello è proprio questo: il suono minimale, acustico e polveroso di Shana vi sembrerà caldo e accogliente e invece nasconde bagliori strani, passaggi in cui qualcosa va oltre alla nostra comprensione. Il fuoco del falò si sta spegnendo e anche i bagliori che mandava non ci fanno più compagnia e ne sentiamo la mancanza, perché il buio non ci piace e qualcosa, intorno a noi, sembra già esserci: entità vere? Ricordi ossessivi? Pensieri disturbanti? Qualcosa non ci da tregua in questo confine tra la luce l’ombra.

I ritmi sono bassi, riflessivi e conturbanti. Shana non corre, anzi, si muove morbida e delicata, chiedendoci di fare lo stesso, con gli occhi bene aperti su quello che ci circonda, senza aver paura di abbandonarci a qualcosa di spirtuale e mistico che possa essere ottimale deus ex machina in queste situazioni.

Un gran bel disco. Da assaporare in particolare momenti. Entra in circolo piano e poi diventa una ragnatela…

 

Tracklist
1. Don't Let Me Sleep
2. Face of the Sun
3. In Another Realm
4. Castle Milk
5. Night of the Worm Moon
6. Invisible When the Sun Leaves
7. The Fireball
8. Solar Creep
9. A New Song
10. I'll Never Know
 
 

Johnny Lloyd – Next Episode ...

Guarda un po’ chi si rivede. Johnny Lloyd dopo la fine dei Tribes (2013) ha intrapreso una carriera solista che, in realtà non è mai ...

Filthy Friends – Emerald ...

La storia la conosciamo ormai tutti: Peter Buck, storica chitarra dei R.E.M. (e successiva carriera solista e con i Minus 5) e Corin Tucker, ...

Clinic – Wheeltappers and ...

Tornano per la felicità dei fan, forse non tantissimi ma appassionati, dopo ben sette anni i Clinic con un nuovo album, una lunga attesa ...

Alex Lahey – The Best Of Luck ...

Ha le idee chiare la nostra Alex e, anche questa volta, come già nell’esordio “I Love You Like A Brother” (2017), piazza ...

Old Fashioned Lover Boy – ...

Battiamo forte le mani ad Alessandro Panzeri, in arte Old Fashioned Lover Boy, per non aver avuto paura di coltivare e far germogliare quei ...