THE FELICE BROTHERS
Undress

[ Yep Roc Records - 2019 ]
7
 
Genere: folk, songwriting
 
15 Maggio 2019
 

Dai Felice Brothers non ci si poteva aspettare che un disco immediato, di quelli che non prendono la tangente e ai percorsi ritorti su se stessi preferiscono una manciata di brani che trasudano schiettezza sin dalle prime note. Quello che cambia è il contenuto dei testi, che in “Undress” lasciano da parte le confessioni personali favorendo un approccio politico dai toni grigi, e non potrebbe essere altrimenti visti i tempi cupi che politicamente si vivono oltreoceano.

Quel che viene dato in pasto alle nostre orecchie è forse il disco maggiormente maturo di una band che non rinuncia al proprio codice genetico, ancorato saldamente al filone del folk rock a stelle e strisce. Gli arrangiamenti ariosi fanno uso di fiati, cori e piccole stratificazioni, offrendo un prodotto molto godibile e confezionato con classe e maestria. I toni vanno dal pop-rock alla ballata più classica sempre declinata in una chiave folk più strutturata e complessa. Quel che manca è qualche guizzo o variazione sul tema, pecca che talvolta permea le composizioni di una sensazione di già sentito, come se certe soluzioni fossero un collage, seppur molto curato, di porzioni di brani generalisti ereditati da altri ascolti.

Manca forse un po’ di coraggio nelle strutture, ma non è lecito chiedere questo ad una band che con “Undress” arriva al compimento di un percorso di maturazione artistica capace di regalare un album dai contenuti profondi seppur mascherati da armonie rassicuranti. Un contrasto che ad un orecchio distratto potrebbe sfuggire e far bollare ingiustamente il disco come l’ennesimo esempio di musica americana innocua e ben curata. C’è qualcosa che bolle sotto la superficie, bisogna darle la giusta attenzione e il tempo necessario per farla affiorare.

Tracklist
1. Undress
2. Holy Weight Champ
3. Special Announcement
4. Nail It on the First Try
5. Salvation Army Girl
6. Poor Blind Birds
7. TV Mama
8. The Kid
9. Hometown Hero
10. Jack Reminiscing
11. Days of the Years
12. Socrates
 
 

Tindersticks – No Treasure ...

Una cartina geografica stilizzata adorna la copertina del dodicesimo album dei Tindersticks, il disco più ottimista e accessibile di una ...

Leonard Cohen – Thanks for ...

Quando un artista, che hai tanto amato e seguito, viene a mancare si crea un senso di partecipazione emotiva che spesso si traduce in una ...

Pumarosa – Devastation

“Please don’t be perfect anymore” incita la frontwoman Isabel Munoz-Newsome in apertura del secondo album della band ...

Greet Death – New Hell

Quest’anno Babbo Natale ha dovuto risvegliare in anticipo di oltre un mese le sue amate renne per portarci in dono il nuovo lavoro degli ...

Due – Due

Avevamo già apprezzato il disco d’esordio di Luca Lezziero, così scarno, acustico ed evocativo, alla ricerca di un linguaggio ...