TRAVIS: LA TOP 10 BRANI

 
15 Maggio 2019
 

La ristampa di un classico come “The Man Who” dei Travis è l’assist perfetto per piazzare una top 10 della band di Fran Healy e compari. La cosa ovviamente ci piace assai, anche se, dobbiamo essere sinceri il tutto è l’occasione anche per guardare con rammarico a una carriera che, con gli ultimi album, ha regalato pochissime emozioni, come a dire che il buon vino, a volte, invecchiando non migliora affatto.

10 – WHERE YOU STAND

2013, da “Where You Stand”

Saltiamo a piè pari l’ultimo disco “Everything At Once”, nel quale, francamente, non c’è nulla da salvare e per la posizione numero 10 andiamo a pescare la title track del penultimo album, la piacevole “Where You Stand” che ci mostra i Travis impegnati a fare quello che sanno fare meglio; melodici mid-tempo un po’ uggiosi e malinconici, con piano e chitarra che si cercano e si trovano.

9 – SOMETHING ANYTHING

2008, da “Ode To J Smith”

Un disco in cui tirare fuori i muscoli, questo ci pare “Ode To J. Smith”. Non tutto funziona a dovere, dobbiamo essere sinceri, ma qualche episodio bello rumoroso e grintoso fa il suo effetto. Il singolo “Something Anything” viaggia discretamente.

8 – CLOSER

2007, da “The Boy With No Name”

Dopo un disco cupo e decisamente sottotono come “12 Memories” (anche da questo disco abbiamo deciso di non estrarre nessun brano), i Travis sembrano voler aggiustare il tiro, riprendendo le vie conosciute dei loro album più famosi e riusciti e “The Boy With No Name” in parte riesce nell’impresa, anche se a tratti tutto ha l’aria di essere più un compitino che una vero e proprio lavoro sudato e coinvolgente. “Closer” però cattura tutta la bravura della band, queste sono le loro canzoni simbolo, con un suono inconfondibile. Poco da fare.

7 – SAFE

2001, da “The Invisible Band”

In punta di piedi i Travis sono imbattibili. Queste chitarre, questa malinconia soffusa, questa dolcezza e si fa avvolgente. “Safe” è una coperta che scalda e porta alla mente momenti importanti.

6 – WALKING IN THE SUN

2004, da “Singles”

Inevitabile raccolta di singoli per i nostri eroi, che però piazzano anche un delizioso inedito che risponde al nome di “Walking In The Sun”. Tutto quello che vuoi sentire dai Travis, con questa dolcezza tra Beatles e Belle & Sebastian, è in questo brano.

5 – WRITING TO REACH OUT

1999, da “The Man Who”

Nigel Godrich ai posti di comando e la musica cambia rispetto ai Travis “fracassoni” dell’esordio. “Writing To Reach Out” apre la strada al capolavoro della band, che incorporano romantica malinconia e giornate uggiose in un suono semplice, melodicamente coinvolgente e senza un minimo segno di cedimento.

4 – FLOWERS IN THE WINDOW

2001, da “The Invisible Band”

A mio avviso una delle melodie più cristalline mai composte dalla band. Una canzone che suona fresca, coinvolgente e romantica pur con il suo brio. Che meraviglia.

3 – DRIFTWOOD

1999, da “The Man Who”

In alto le mani e i cuori. Il Travis pensiero si esprime qui a livelli altissimi. Una ballata che di diritto entra nella storia della band.

2 – TIED TO THE 90’s

1997, da “Good Feeling”

Il disco d’esordio dei Travis non può non risentire del clamore che stanno suscitando gli Oasis, certo, ma loro sono scozzesi, cazzo, e la melodia ce l’hanno nel sangue. Ecco un disco in cui le chitarre si fanno sentire, ma in cui emerge anche un lato scanzonato e pimpante che poi nel corso della carriera andrà un po’ spegnendosi. Sono legato a piccoli/grandi classici come “U16 Girls” o “All I Want To Do Is Rock”, ma è “Tied To The 90’s” che mi porta il sorriso ogni volta che la sento.

1 – WHY DOES IT ALWAYS RAIN ON ME?

1999, da “The Man Who”

Quando una band è baciata dagli dei del pop può succedere che arrivino canzoni simili, in cui tutto è perfetto e non si può pensare di cambiare nemmeno una virgola, figurarsi una nota. Il brano è la canzone più famosa e conosciuta della band scozzese, un vero e proprio monumento sonoro. Imprescindibile e primo posto meritatissimo!

 

An Early Bird svela la nuova ...

Squisita anticipazione da An Early Bird che, anche questa volta, ci fa sognare e battere forte il cuore, all’insegna di un folk che si ...

Massive Attack: in arrivo il nuovo ...

Nelle ultime ore sui profili social dei Massive Attack sono apparsi indizi relativi ad una imminente pubblicazione del gruppo di Bristol. 3 ...

Beck festeggia i suoi 50 anni con ...

Ieri, mercoledì 8 luglio, Beck ha spento 50 candeline. Per celebrare questo importante traguardo l’artista americano ha rilasciato ...

The Cranberries: “No Need to ...

“No Need to Argue”, secondo disco dei Cranberries pubblicato nel 1994, sarà ristampato in versione ‘espansa’ dalla ...

“Voglio che le canzoni siano ...

Dai suoni dell’America Latina alla musica africana, passando per i ritmi spagnoli: il giro del mondo musicale di Josh Edwards, in arte ...